Politecnico di Torino (logo)

Lazzarini, Paolo

Architettura carceraria in Piemonte tra il 1729 e il 1864. Un'indagine condotta attraverso alcuni fondi dell'Archivio di Stato di Torino.

Rel. Mauro Volpiano, Tiziana Malandrino. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione), 2011

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Questa tesi si pone l'obiettivo di indagare e ricostruire lo sviluppo dei modelli compositivi che hanno caratterizzato l'architettura carceraria tra il XVIII secolo e il XIX secolo in Piemonte, attraverso l'analisi diretta dei documenti coevi, di trattati e della manualistica prodotta in quegli anni. Per lo sviluppo della ricerca è stato importante l'approfondimento bibliografico e, in particolare, l'analisi dei trattati relativamente al sistema penitenziario, che nasce nei primi anni dell'Ottocento - secondo la concezione contemporanea - e si sviluppa per tutto il XIX secolo. Tra i primi testi del-la letturatura novecentesca troviamo gli studi di Michel Foucalt (1975)", che innescano un'accesa discussione sul tema, che tuttavia si svilupperà soltanto negli anni successivi attraverso la pubblicazione di testi incentrati sulla concezione legislativa e sociologica della carcerazione. Di fondamentale importanza per discutere i modelli carcerari che hanno ispirato la progettazione dei carceri piemontesi è sicuramente il testo di Vera Comoli ( 1974). Nello stesso volume l'autrice, con il contributo di Giovanni Maria Lupo , ha analizzato in modo assai puntuale la struttura carceraria delle nuove pri¬gioni costruite a Torino nel 1864, aprendo in ambito piemontese un innovativo filone di ricerca su questi complessi architettonici. Studi che tuttavia rientrano in qualche misura in quelle più ampie analisi condotte, a livello internazionale da Nikolaus Pevsner (1986), il quale tuttavia concentra la propria attenzione prevalentemente sugli aspetti tipologici dell'edilizia carceraria in Inghilterra. Le vicende progettuali di un carcere mai realizzato per la capitale vengono affrontate nel volume su Benedetto Alfieri di Amedeo Bellini (1978): l'autore analizza i progetti per le carceri senatorie inseriti dallo stesso Alfieri nell'album per le fabbriche regie, che si trova presso l'Archivio di Stato di Torino. Un'altra monografia di fondamentale importanza è Architettura delle prigioni di Renzo Dubbini (1986) : in questo volume viene presentata la storia delle prigioni nel momento del loro costruirsi come moderna istituzione statale. Le indagini di Dubbini si focalizzano sull'ambito italiano e su quello francese, con riferimento a un più ampio panorama europeo e soprattutto ai grandi modelli detentivi americani. Successivamente al testo di Vera Comoli ritroviamo un nuovo interesse sul tema della carcerazione nella capitale, con il volume della fondazione Camillo Benso di Cavour, scritto da Roberto Audisio (1987), La generala di Torino. Esposte, Discoli, Minori corrigendi. Questi indaga la struttura per la reclusione dei giovani sotto l'aspetto psicologico e antropologico delle trasformazioni del sistema penitenziario agli inizi del XIX secolo, dedicando però un approfondito capitolo alle vicende costruttive del carcere. Solamente un anno dopo la pubblicazione del testo di Audusio, la stessa collana pubblica Carcere e società in Piemonte (1770 1857) di Giuseppe Nalbone (1988) . In questo volume, oltre a rinnovare l'interesse già maturato nel precedente, l'autore ripercorre le vicende carcerarie che hanno portato alla nascita dei grandi penitenziari. Questo testo ci dimostra che nel corso del XIX secolo l'istituzione carceraria piemontese è in radicale cambiamento: attaverso la ridefinizione delle funzioni, infatti, il carcere diventa strumento fondamentale attraverso il quale si esplicita l'esercizio della pena. Tale cambiamento è frutto di una lenta maturazione che recupera, solo a distanza di alcuni decenni, i temi che animavano nel Settecento il dibattito sulla definizione di una nuova teoria penale, fondata su un diverso rapporto pena-delitto. L'interesse per le carceri della capitale sabauda viene rinnovato nel 2004, con la pubblicazione di Punizione e carità. Carceri femminili nell 'Italia dell 'Ottocento' di Simona Trombetta. La sua analisi si sofferma sulla nascita del carcere femminile in Italia seguendo un duplice percorso: da un lato, infatti, analizza in maniera puntuale gli avvenimenti storici, rico¬struendo il dibattito europeo sui delitti delle donne e dall'altra individua il concreto funzionamento delle carceri. Singole storie e personaggi dimenticati sono lo sfondo della vicenda carceraria femminile italiana, dove, sino a tempi recenti, le carceri erano affidate alla direzione delle suore. L'educazione e la pratica religiosa, secondo la convinzione comune, avrebbero ricondotto la delinquente alla sua naturale vocazione di madre e di moglie. Molte pubblicazioni sono state realizzate pur non affrontando il tema della carcerazione in modo dettagliato, ma divulgando i disegni, indicando un interesse sull'argomento. Per delineare le vicende giuridiche del tema, mi sono avvalso del volume scritto nel 1984 da Isabella Colonnello e Romano Canosa, i quali illustrano i cambiamenti di una travagliata e continua riforma carceraria in tutti gli stati italiani e nello specifico per quella piemontese nel Settecento. Oltre alle monografie utili all'indagine storica, mi sono avvalso dell'articolo pubblicato da Silvia Rapetti (1996) nel Bollettino della Società piemontese di archeologia e belle arti: la studiosa, infatti, delinea le vicende costruttive dei carcere di Oneglia e di Alessandria individuate come prime forme di penitenziario per la nascente riforma carloalbertina. Si è pertanto riscontrato che lo studio dei modelli per la carcerazione in Piemonte è per lo più incentrato sulle vicende dello sviluppo dei modelli che nascono dopo la riforma carloalbertina di Oneglia e Alessandria, mentre manca un'indagine sul tema delle strutture per la carcerazione settecentesca e un'indagine approfondita sui modelli post-riforma.Per delineare lo sviluppo dell'architettura carceraria italiana in antico regime possiamo affidarci a un'ampia bibliografia, mentre per analizzare la storiografia del modello carcerario sabaudo, si segnalano solamente i citati studi che tuttavia si limitano ad analizzare di volta in volta specifiche realtà. I fondi archivistici scelti per circoscrivere la tesi sono stati: Carte topografiche serie III15, conservate presso l'archivio di corte nel fondo Carte topografiche e disegni. Questo fondo conserva i progetti per le principali carceri settecentesche, nello specifico quelli di Acqui Terme (1787), Alba (1766), Asti (1770), Biella (1179), Carouge (1784), Mortara (1763) e Pinerolo (1745). Carceri per A e B, conservate presso l'Archivio di Corte nel fondo Materie economiche: fondo conserva la documentazione delle carceri in periodo ottocentesco. I documenti hanno permesso di ricostruire i processi decisionali e il percorso progettuale che hanno portato all'edificazione dei penitenziari di Alessandria (1833), Oneglia (1840) Pallanza (1834), Torino (1861) e Saluzzo (1825). Inoltre ci si è avvalsidel fondo Disegni e miscellanea I , conservato presso l'Archivio di Stato di Torino, sezione Riunite; questo fondo conserva i disegni dell'architetto Pietro Bosso per il penitenziario di Oneglia, e quelli dell'architetto Pietro Spurgazzi per il penitenziario di Pallanza.

La prima parte della ricerca, pertanto, si pone come obiettivo quello di delineare le vicende costruttive di alcuni carceri, analizzandoli attraverso il confronto con altri modelli italiani. Il Settecento costituisce un momento di particolare interesse nell'ambito delle struttura carcerarie. Proprio durante l'illuminismo, periodo di grandi trasformazioni umane e di teorie talvolta utopistiche s'inizia, infatti a definire anche per il carcere una nuova concezione: una seconda rivoluzione copernicana, dove il sistema carcerario è inteso non più come luogo di torture per chi vi era relegato, ma come luogo in cui avviene un processo di correzione che voleva dare spazio alla moralizazione dell'individuo. Il secolo dei Lumi ha dato l'avvio a una lunga serie di studi e pubblicazioni, dove la manualistica si lega alla letteratura utopistica. La ricerca di redenzione delle colpe, anche le più efferate, innesca la costruzione d'istituti di pena attrezzati con laboratori e cappelle per la preghiera, celle con la possibilità di luce e aria e non poste nei sotterranei mal¬sani di palazzi e castelli, la possibilità di lavoro comune o isolato e la divisione dei condannati nei corpi di fabbrica a seconda della pena e del sesso. È proprio il pensiero della metà del Settecento - ampiamente ripreso nell'Ottocento - che ritiene necessario la presenza di luoghi di lavoro all'interno delle carceri con lo scopo di moralizzare. La filosofia illuministica, da Voltaire, Montesquieu e Rousseau ai philosophes dell'Encyclopédie (1774), elabora quella che era la dottrina filantropica di Muratori, che cercercava un punto d'incontro tra etica cristiana e ragion di stato, arrivando anche a suggerire una giustificazione sociale del diritto di punire". Nella percezione illuministica si è lontani sia dal modello domiciliare delle carceri dell'antichità, sia da quelle forme di barbarie che erano state applicate, nel corso del medioevo dalle stesse strutture ecclesiastiche. La prigione, in senso moderno, deve possedere alcuni elementi formali che ne contraddistinguono immediatamente la funzione:

«Dans presque toutes les prisons il y a une espèce de cour OLI esplanade qu'on nomme prèau ou prébaut, dans laquelle on laisse les prisonniers prendre l'air sous la conduite de leurs geòliers, guichetiers et autres gardes[...]»

Significativo, infine, è rammentare la pubblicazione di Dei delitti e delle pene del marchese Cesare Beccaria (1786) - prodotto in semiclandestinità a Livorno - destinato ad avere enorme rilevanza negli ambiti giudiziari di tutta Europa, influenzando fortemente il sistema penitenziario. Sebbene Beccaria ci fornisca un grande contributo socio - politico e culturale, per comprendere meglio la filosofia dell'evoluzione del pensiero in materia carceraria, non ci permette di capire le strutture e le architetture per la reclusione, né tanto meno contribuisce a definire nuovi modelli architettonici per gli istituti detentivi.

L'illuminismo e la nascita del sistema filadelfiano e auburniano - che vedono la loro attuazione anche nello stato sabaudo, il carcere inizia ad essere rivisto da architetti e riformatori, interpretando i luoghi e gli spazi interni, non più lasciandoli al caso come avveniva in passato, ricreando un percorso perfetto dove le prigioni riformate divenivano luogo di riabilitazione alla vita del criminale. In Italia i primi momenti significativi dello sviluppo di una teoria architettonica sul tema della reclusione coincidono con la costruzione del carcere di San Michele a Roma (1704), che diventerà un modello fondamentale per la formazione dei successivi edifici per la reclusione. Questi subiranno un radicale cambiamento con l'adozione del modello Panopticon benthamiano (1791), che ridefìnirà un nuovo sistema incentrato sul controllo.

Proprio il modello benthamiano, che aveva il suo punto di forza nella centralità del controllo, diventa fulcro esso stesso di un nuovo modo di strutturare il carcere, rovesciando il ruolo dell'architettura che non è più fatta per essere vista dall'esterno e magari ammirata, ma che entra all'interno delle strutture, analizzando il modo perfetto per controllare chi è dentro La macchina per il controllo si avvale di materiali ignifughi e resistenti, vetrate trasparenti, planimetrie complesse e composite, con la volontà di disegnare uno scenario da romanzo di Orwell (1950) con più di un secolo di anticipo.

Non a caso questo modello verrà in seguito, dopo aver suscitato un positivo scalpore, ampiamente criticato per la sua alienabilità nei confronti di coloro che vi si trovavano all'interno - carcerali e carcerieri - posti in un grande gioco dove tulle le pedine disposte a raggiera erano controllate seppur in maniera invisibile, con una grande pressione psicologica, tult'altro che lo scopo che l'Illuminismo si era preposto iniizialmente. Le prigioni si trasformano da spazio di morte e sofferenza a luogo destinalo alla correzione, dove l'architettura si piega alle esigenze creando ima macchina per la sorveglianza, dove ogni elemento deve assolvere una specifica esigenza legata alla vita della prigione stessa. 11 Panopticon di Bentham anche se non verrà

mai realizzato, rappresenta lo schema fondamentale per la costruzione dei grandi penitenziari nel corso del XIX secolo, verrà reinterpretato prendendo forme stellari e a raggiera, dove gli ambienti verranno incernierati sul fulcro centrale della costruzione, attraverso una spasmodica ricerca di controllo sulle vite dei condannati.

Il problema delle carceri, emerso nel XVIII secolo nel Regno sabaudo, è caratterizzato da una frequenza, che non a caso verrà a coincidere con la definizione dei poteri dello stato e delle prerogative giudiziarie di alcuni corpi"

La seconda parte del lavoro, invece, definisce maggiormente le trasformazioni del modello carcerario nell'Ottocento. Per fare questo dobbiamo però uscire dai nostri confini di ricerca e approdare in America, dove il modello filadelfiano e auburniano cambiano la concezione di carcere: nasce il penitenziario, che rivoluzionando fortemente la struttura architettonica dei luoghi di detenzione.

L'idea rivoluzionaria del penitenziario americano verrà ampiamente discussa in Italia e sarà recepita anche in Piemonte: Carlo Alberto (1831-49), promulgatore di un'importante riforma carceraria (1838), infatti, avvierà, cantieri per la costruzione dei grandi penitenziari nello stato sabaudo. Nella stesura di questa parte di lavoro, mi soffermerò sulla definizione di una nuova architettura carceraria, che prenderà il suo avvio con la creazione del carcere di Oneglia e si svilupperà per tutto il secolo nei territori sabaudi. Altro punto importante da indagare, oltre alla creazione delle nuove strutture, sarà il riutilizzo di strutture già esistenti atte alle esigenze di strutture per la reclusione. In questa parte verranno analizzate più dettagliatamente le architetture prodotte dai nuovi principi e dalle nuove regole che si andranno a lineare lungo tutto il secolo. Esaminando i disegni per i penitenziari tra il 325 e il 1844, prescindendo dai regi biglietti e le regie patenti emanate tra il 1833 e il 1864, e analizzando nel dettaglio le opere di costruzione, possiamo definire maggiormente le vicende che hanno portato alla definizione del modello del penitenziario contemporaneo.

Relatori: Mauro Volpiano, Tiziana Malandrino
Soggetti: A Architettura > AJ Edifici e attrezzature per l'amministrazione, il commercio e la difesa
ST Storia > STC Archivi
ST Storia > STI Periodo contemporaneo (fino alla II Guerra Mondiale)
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2408
Capitoli:

INTRODUZIONE

PARTE I - Le carceri piemontesi di ancién regime

1 Modelli architettonici per la costruzione delle carceri nell'Italia del Settecento

Panorami earcerari nello Stalo Sabaudo del XVIII secolo

2 Torino capitale e il sistema detentivo: le carceri senatorie e le carceri del vicarialo

3 Strutture carcerarie in alcune province piemontesi

4 La figura di Giovanni Battista Feroggio nella progettazione delle prigioni di Alba (1771). Asti ( 1772), Biella ( 1780), Caronge ( 1784) e Acqui Tenne ( 1789)

PARTE II -- L'architettura carceraria in Piemonte alla fine del XVIII e nel XIX se¬colo: modelli intemazionali e ricadute locali

1 L'utilitarismo di Jeremy Bentham (1791): il modello del Panopticon

2 La nascita del penitenziario e il dibattilo internazionale sulle soluzioni architettoniche: i modelli filadelfiano eauburniano(1818-1821)

3 La riforma carceraria carloalbertina e l'adeguamento delle strutture carcerarie piemontesi (1838)

4 Il penitenziario in Piemonte Ira 1825 e 1864

4.1 La CastigUa di Saluzzo ( 1825)

4.2 La figura di Pielro Bosso nella progettazione dei primi

penitenziari per la riforma carloalbertina: Alessandria (1833) e Oneglia (1840)

4.4 II penitenziario di Pallanza ( 1834)

4.5 I penitenziari di Torino capitale

5 Il carcere in Italia dopo l'unità e la scelta del sistema Penitenziario

5.1 Un nuovo carcere per la neonaia capilale d"Italia (1861)

Conclusioni

Bibliografia

Bibliografia:

LEON BATTISTA ALBERTI, De Re Aedìfleataria, libro V. Il Polifilo, Milano 1966.

ANDREA PALLADIO. I quattro libri dell'architettura, Libro III, capitolo XVI (delle piazze e degli edifici che intorno a quelle si fanno), Hoepli. Milano 1941.

PROSPERO FARINACIO, Praxis et theoricae criminali!,, parte I, tomo 1, Venezia 1603.

DON MICHAELE DE CALDF.RO, Sacri re gii criminalis concilii cathalonije decisiones cum annotatiunculis. Por! opus animadverfìs & regiis dectiionibijs blter excudendum prolans. Tomo I. Ex Typographia Balleoniana, Venezia 1724.

GIUSEPPE CATALANI (a cura di), Annali d'Italia dal principio dell 'età volgare sino all'anno 1750. Vincenzo Ghindili, Lucca 1758.

JERF.MY BENTHAM, Un frammento sul governo, Giuffrè, Milano 1990 (prima edizione 1776).

FRANCESCO MILIZIA, Memorie degli architetti. Della stamperia reale. Parma 1781.

FRANCESCO MILIZIA, Principi ài architettura civile, tomo II, Rcmondini di Venezia, Basano 1785.

CESARE BECCARIA, Dei delitti e delle pene, Cazin, Parigi 1786.

JEREMY BENTHAM, Difesa dell'usura, Liberlibri, Macerata 1996 (prima edizione 1787).

JEREMY BRNTHAM, Introduzione ai principi della morale e della legislazione, UTET, Milano. 1998 (prima edizione 1789).

JEREMY BENTHAM, Panopticon: the ispirano house, T. Paync, London 1791.

B. MAGISTRETTI, Lezioni elementari di architettura civile, Tipografia Rocchcui e Fcrrcri. Milano 1813. Tomo I.

GIOVANNI RICCI, Sulla stabilimento dell'ospedale provvisorio della Generala ali'occasione dell'epidemia petecchiale dominata in Piemonte, Stamperia Reale, Torino 1817.

ANTONIO MAZZAROSSA, Storia di iucca dalla sua origine fino al MDCCCX1V, Tomo III, Tip. Giuseppe Giusti, Lucca 1833.

CONCILIO GENERALE DELLE CARCERI, Progetto delle carceri 1834 di

regolamento organico per le carceri giudiziarie del regno, Torino 1834.

M. CHARLES LUCAS, De la réforme desprison, Legrand et J. Bergounioux, Parigi 1836.

ACHILLE A. ROSSI (a cura di), Delle prigioni penitenziali o di pena, in II progresso delle scienze, in lettere ed arti, XXI/VII (1838).

VOLPICELLA FILIPPO, Delle prigioni e del loro migliore ordinamento, Stamp. e cartiera del Fìbreno. Torino 1838.

F. V. (a cura di), Considerazioni sulla forma e le condizioni che aver debbe un carcere di condannati. In Annali Civile delle Due Sicilie, XIX/XXXVII Gennaio Febbrai (1839).

CARLO CATTANEO {a cura di). Delle Carceri, in Il politecnico, repertorio mensile di studi applicati alla prosperità e cultura sociale, voi 111. Luigi e Giacomo Pirola, Milano 1840.

CARLO ILARIONE PETITTI DI RORETO, Della condizione attuale delie carceri e dei mezzi di migliorarla, Giuseppe Pomba e comp., Torino 1840.

CARLO TORRIGIANI, Tre dissertazioni lette all'Imp. e Reale Accademia Economico-Agraria dei georgofili di Firenze dal march Carlo Torrigiani socio ordinario della medesima sul diritto di punire applicato come mezzo di repressione e di correzione e considerato in alcuni suoi rapporti coli economia morale e politica, Academia economicoagraria dei georgofili, Gregorio Chiari e figli, Firenze 1841.

LORENZO MARTINI, Del sistema penitenziario di segregazione ,in Giornale delle scienze mediche, Settembre (1842).

GIACINTO MOMPIANl (a cura di), Delle carceri e del modo di migliorare gli effetti a vantaggio dei prigionieri, in Il politecnico, repertorio mensile di studi applicati alla prosperità e cultura sociale, vol III, Luigi e Giacomo Pirola, Milano 1842.

G. ABEL BLOUET, Projet deprison cellulairepour 585 condamnés precede d'observations sur le sistemepénitentìaire, imprimerie et librairie defirmin didotfrères, Parigi 1843.

GIORGIO CAORSI, Sul sistema penitenziario e sulle carceri, Castellazzo e Degaudenzi, Torino 1850

CARLO PERI, Sulla riforma delle prigioni in Toscana corredate di tutti i regolamenti ed ordini alla medesima relativa, come di prospetti statistica, e di tavole e disegni per li stabilimenti penitenziari esistenti, fino all'anno 1850, Coi tipi della stamperia esistente nel carcere delle murate in Firenze, Firenze 1850.

CONSIGLIO DELLE CARCERI, Relazione del consiglio delle carceri al ministero dell'interno sullo stato e sulle condizioni delle carcere giudiziarie, Tipografia Favale e compagnia, Torino 1852.

ERNESTO BURDEL, Le prigioni di Roma nel 1851, Tipografia Fory e Dalmazzo,Torino 1854.

AMATO GABRIELE, Sui Carceri Penitenziali: Progetti, Stamp. Del Fibreno, Firenze 1862.

GASPERO AMIDEI, Delle Fortificazioni Volterrane, Libri II, Tipografia Di B Scorgi, Volterra 1864.

FEDERICO BELLAZZI, Prigioni e prigionieri nel regno d'Italia, Tipografia militare, Firenze 1866.

MARTINO BELTRAMI SCAL1A, Sul governo e sulla riforma delle carceri in Italia, Tipografia G.Favale e comp., Torino 1867 PIETRO BAR]CCO, Torino descritta, Paravia, Torino 1869.

CARLO PROMIS, Storia dell' antica Torino Antica, Julia Augusta Taurinorum, scritta sulla fede de'vetusti autori e delle sue istituzioni e mura, Stamperia reale, Torino 1869.

NAPOLEONE DAZIO (a cura di), Effemeride Carceraria: rivista ufficiale delle carceri del regno d'Italia, Tipografia Fodratti, Firenze 1869.

FRANCESCO LUCCA, Illustrazione del carcere giudiziario cellulare in costruzione a Milano dell 'ingegnere Francesco Lucca, con nove tavole, Premiata litografia e tipografia degli ingegneri, 1874.

SERAFINO BIFFI, Sulle antiche carceri di Milano e del Ducato milanese, Bernardo di Rebeschini, Milano 1884.

GIUSEPPE NALBONE, Carcere e società in Piemonte (1770 - 1857), Fondazione Camillo Cavour, Santena - 1888, (Studi e documenti diretto da Carlo Pischedda), XII.

NICOLA GABIANI, Intorno alle più antiche carceri di Asti, Tipografia Pagliari e Raspi, Asti 1924.

P. TARRA, Prigioni di Stato: la Bastiglia, la Fortezza di Pietro e Paolo, i Piombe di Venezia, la Torre di Londra, Edizioni Athena, 1928.

RAFFAELLO FAGNOLI, Lezioni di carattere degli edifìci, Poligrafica Universitaria, Firenze 1929.

DANIELE DONGHI, Stabilimenti carcerari, penitenziari di correzione e di soccorso, in Manuale dell'Architettura, vol. II, cap. 27, UTET, Torino 1935.

ANTONIO MELIS, Carattere degli edifici, Editrice Libreria Italiana, Torino 1939.

NICCOLO RODOLlCO, Carlo Alberto negli anni di regno 1831-1843, Firenze 1936 e Carlo alberto negli anni di regno 1843-1849, Firenze 1943

JACQUES VOULET, Les prisons, presses universitaires de France, Parigi 1951.

AAVV, Dizionario biografico degli italiani: esempi di biografie, Roma: Istituto della Enciclopedia italiana, Roma 1961.

LAURA BRAYDA, LAURA COLI e DARIO SESIA, Ingegneri e architetti del Sei e Settecento in Piemonte, in Atti e Rass.tecnica della Soc. degli ingegneri e architetti di Torino, XVII (1963).

GIACOMO CASANOVA, La mia fuga dai Piombi di Venezia, Dell'Oglio, Torino 1964.

A. BLUNT, The drawings of Carlo Fontana in the Royal Library at Windsor Castle, in Barocco Europeo, Barocco Italiano, Barocco Salentino atti del convegno internazionale sul barocco, Lecce 1969.

PIETRO SELLA (a cura di), Il castello di Saluzzojn Bollettino della società di Studi Storici, Artistici ed Archeologici della procincia dì Cuneo, 63 (1970), p.17.

Venturi Franco, Utopia e riforma nell'Illuminismo, Einaudi, Torino 1970.

NOEMI GABRIELLI, Arte nell'antico marchesato di Saluzzo, Istituto bancario di San Paolo, Torino 1973.

VERA COMOLI MANDRACCI, Studi di storia dell'urbanistica in Piemonte:, in Studi piemontesi, II/2 (1973).

NORMAN JOHNSTON, The human Cage: A briefhistory of Prison Architecture, New York 1973.

GREGORIO E. RUBINO, Un allievo di Luigi Vanvitelli operante in Calabria: Ermenegildo Sintes architetto ed urbanista, Napoli 1973.

MARINO GIUSEPPE CARLO,La formazione dello spirito borghese in Italia, La Nuova Italia, Roma 1974.

VERA COMOLI MANDRACCI E GIOVANNI MARIA LUPO, Il carcere giudiziario di Torino detto "Le Nuove", in VERA COMOLI MANDRACCI (a cura di), Il carcere per la società del SetteOttocento, Centro Studi Piemontesi, Torino.

UGO SPIRITO, Storia del diritto penale italiano, Sansoni, Firenze 1974.

GIUSEPPE DI GENNARO (a cura di), Prison Architect: an International survey of representative closed institutions and analysis ofcurrent trends in prison design, The architectural press ltd, Londra 1975.

MICHEL FOUCAUT, Sorvegliare e punire, nascita delle prigioni, Einaudi, Torino 1975.

COSTANZA ROGGERO BARDELLI (a cura di), Risanamento urbanistico nella Torino del '700, in Cronache economiche, 9/10 (1977).

A. BRAHAM E H. HAGER, Carlo Fontana. The drawings at Windsor Castle, Zwemmer, Londra 1977.

NOEMI GABRIELLI, Arte e cultura ad Asti attraverso i secoli, Istituto bancario di San Paolo, Torino 1977.

DARIO MELOSSI, Carcere e fabbrica : alle origini del sistema penitenziario, Il Mulino, Bologna 1977.

DARIO MELOSSI e MASSIMO PAVARINI, Carcere Fabbrica: alle origini del sistema penitenziario (XVI - XIX secolo), Società editrice Il Mulino, Bologna 1977.

PIERRE SADDY, Henri Labrouste architecte : 1801-1875, Caisse Nationale des Monuments Historiques et des Sites, Parigi 1977.

GIAN CARLO SCIOLLA, II Biellese dal Medioevo all'Ottocento : artisti, committenti, cantieri, Istituto bancario di San Paolo, Torino 1977.

AMEDEO BELLINI, Benedetto Alfieri, Electa, Milano 1978, p. 131-132.

L. MUSSO, Notizie sulla legislazione del Re Carlo Alberto, Torino 1979

PAOLA CASANA TESTONE (a cura di), La riforma carceraria ali 'epoca di Carlo Alberto, in Annali della fondazione Luigi Einaudi, tomo XVI, Einaudi, Torino 1980

E. FASSONE, La pena detentiva in Italia dall'800 alla riforma penitenziaria, II Mulino, Bologna 1980.

NARCISO NADA, Dallo stato assoluto allo stato costituzionale. Storia del regno di Carlo Alberto del 1831 al 1848, Einaudi, Torino 1980

P. MARACCHIELLO e G. TEYSSOT, Le macchine imperfette: architettura, programma, istituzioni delXIXsecolo, Officina Edizione, Roma 1980, pagg. 218-240.

ROMANO CANOSA, Storia della Criminalità in Italia, 18451945, Einaudi, Torino 1982.

MlCHAEL IGNATIEFF, Le origini del penitenziario, il sistema carcerario e rivoluzione industriale inglese 17501850, Mondadori, Milano 1982.

MARIAM DEGANI, ALDO GORLA e ANGELO ALBERTO MASTINU, Recinti macchine ed altri disegni, spazio e territorio delle istituzioni, Unicopolo, Milano 1982.

VERA COMOLI MANDRACCI, Torino, Editrice Laterza, Torino, 1983 (Le città nella storia d'Italia).

ERMANNO GALLO E VINCENZO RUGGERO, Il carcere in Europa. Trattamento e risocializzazione, recupero e annientamento , modelli pedagogici e architettonici nella" galera europea", Bertani Editore, Milano 1983.

ERMANNO RUGGERO e VINCENZO GALLO, Il carcere in Europa, Bertani editore, Verona 1983.

FRANCESCHINA ROGGERO BARGIS, Storia di Saluzzo, Atesa, Bologna 1984.

GIACINTO BOLLA, Saluzzo tra vecchie e nuove mura, Agistudio, Savigliano 1984.

ROMANO CANOSA e ISABELLA COLONNELLO, Storia del carcere in Italia dalla fine del '500, Sapere 2000, Roma 1984.

GUNTHERBIEN, La filosofia politica di Aristote, II mulino, Bologna 1985.

SERAFINO BIFFI, Sulle antiche carceri di Milano e del ducato milanese e sui sodalizj che vi assistevano i prigionieri ed i condannati a morte, s.n 1886.

RENZO DUBBINI, Architettura delle prigioni: i luoghi ne il tempo della punizione (17001880), Franco Angeli, Milano 1986.

NlKOLAUS PEVNER, Storia e carattere degli edifici, Fratelli Paolombi, Roma 1986.

ROBERTO AUDISIO, La generala di Torino. Esposte, Discoli, Minori corrigendi (1785-1850), Fondazione Camillo di Cavour, Santena 1987.

SALVATORE LONGO, 1 Ferroggio ed il loro tempo: cultura architettonica, professionalità e manualistica in Piemonte nelXVIII secolo, tesi di laurea, Politecnico di Torino, facoltà di architettura, rei. DAR1A DE BERNARDI FERRERÒ, a. a. 1987-1988.

CARLO FEDELE SAVIO, Storia di Saluzzo, Rosso, Saluzzo 1987.

ELISABETH KIEVEN (a cura di), Ferdinando Fuga e V architettura romana del Settecento : ì disegni di architettura dalle collezioni del Gabinetto Nazionale delle Stampe : il Settecento, Multigrafica, Roma 1988.

GIOVANNI MARIA LUPO, Cartografia di Torino 1572-1954, Politecnico di Torino, Torino 1987.

MAURIZIO CASSETTI, Aspetti urbanistici della città di Vercelli nei secoli XVIII e XIX, Archivio di stato di Vercelli Vercelli e Gallo arti grafiche, Vercelli 1990.

GIOVANNI MARIA LUPO, Architetti, ingegneri e altri tecnici a Torino nel periodo francese, in GIUSEPPE BRACCO (a cura di), in in Ville de Turin, Archivio Storico della Città, Torino 1990.

GIOVANNI MARIA LUPO, Ingegneri Architetti Geometri in Torino. Progetti edilizi nell'Archivio Storico della Città (1780 1859), Piemonte III, Kappa, Roma. (Quaderni di Storia dell'Urbanistica).

GIORGINA PEZZA TORNAME (a cura di), Mortara e Lomellina negli scritti del Dott. Francesco Pezza,. Torchio De' Ricci, Pavia 1991.

AGOSTINO Vi ANI, Pallanza antica e Paliamo nuova, Tensi, Milano 1891.

GIAN FRANCO GRITELLA, Juvarra architetto, Panini, Modena 1992.

CORRADO MANCINETTI, NICOLA SOLIMANO e GIOVANNI MICHELUCCI, Un fossile chiamato carcere, in Architettura visiva, Angelo Portacorboli editrice, Firenze 1993.

LUCETTO RAMELLA, Vegli tempi Oneglia e Porto Maurizio, nelle immagini d'epoca (1840-1940), Dominici editore, Imperia 1993.

CARLO CASELLI, Storia del Piazzo di Biella, Sandro Maria Rosso, Biella 1994.

IONA SPERNS, Architecture oflncarceration, Accademy Editrice, Londra 1994.

GUIDO CANELLA, Carcere e Architettura, in Carcere, le voci di fuori, le voci di dentro, in Il Ponte, LI luglio settembre (1995).

VERA COMOLI MANDRACCI (a cura di), Itinerari Juvarriani, Celid, Torino 1995.

VERA COMOLI MANDRACCI e ANDREINA GRITELLA, Filippo Juvarra, architetto delle capitali Torino e Madrid 1714-1736, (Catalogo della mostra 6 settembre - 10 ottobre 1995), Fabbri editori, Torino 1995.

VERA COMOLI MANDRACCI, Tortona e il suo castello dal dominio spagnolo al periodo postunitario, Cassa di Risparmio di Alessandria, Alessandria 1995.

NORMAN MORRIS e DAVID J. ROTHMAN, OxfordHistory Prison, The Practice of Punischment in Western Society, Oxford University Press, Oxford 1995.

WALTER CANAVESIO (a cura di), Carlo Rondoni e la prospettiva degli antiche, in Studi piemontesi 25/1 marzo (1996).

SILVIA RAPETTI (a cura di), La nascita dei "penitenziari" nel Regno Sardo: la riforma Carlo-Albertina e le carceri di Alessandria e di Oneglia, in Bollettino della Società piemontese di archeologia e belle arti, 48 (1996).

DONATO SEVERO (a cura di), Filippo Juvarra, Zanichelli, Bologna 1996.

VERA COMOLI MANDRACd (a cura di), Ovadae l' Ovadese : strade, castelli, fabbriche, Cassa di Risparmio di Alessandria, Alessandria 1997.

PAOLO GIORDANO, Ferdinando Fuga a Napoli : V Albergo dei Poveri, il Cimitero delle 366 fosse, Grifo, 1997.

REGIONE TOSCANA, Carcere dì tante carceri, Angelo Porte Corboli, Firenze 1997.

PATRIZIA PONTINI, Carcere Tulianum. Il carcere Mamertino al foro Romano, Electa, Roma 1998

VERA COMOLI MANDRACCI (a cura di), Acqui Tenne : dal!' archeologia classica al loisir borghese, Cassa di Risparmio di Alessandria, Alessandria 1999.

ELENA DELLAPIANA, Giuseppe Talucchi architetto : la cultura del classicismo civile negli Stati Sardi restaurati, Celid, Torino 1999.

VALENTINA BARUCCI, Sicurezza, Istruzione e salute pubblica nelle province calabresi, in GlOGIO SlMONClNI (a cura di), L'edilizia pubblica nell'età dell'illuminismo, Tomo III, Leo S. Olschki editore, Firenze 2000.

VERA COMOLI MANDRACCI, Urbanistica e architettura, in Storia di Torino. La città nel risorgimento (1798-1864), voi. VI, Einaudi, Torino 2000.

ANNALISA DAMERI, Gli edifici per il governo e la sicurezza pubblica, in GlOGIO SlMONClNI (a cura di), L'edilizia pubblica nell'età dell'illuminismo, Tomo III, Leo S. Olschki editore, Firenze 2000.

SEAN MCCONVILLE, Prison Architecture, RIBA Fairweather Lesli, Oxford -2000.

ANGELO STEFANO BESSONE, Le case del Piazza di Biella nel Medioevo, in Rivista Biellese, 3 (2001), pp.22-23.

ROBERTO BORI, Biella nelle antiche carte geografiche, in Rivista Biellese, 3 (2001), pp.7-15.

LUIGI IMPARATO e TIZIANA MALANDRINO, Il palazzo della Curia Maxima. Dal progetto al cantiere, tesi di laurea, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, rei. Vera Comoli e Cristina Cuneo, Torino 2001-2002.

LIVIO ANTONIELLl (a cura di), Carceri, carcerieri, carcerati: dall'antico regime all'Ottocento, seminario di studi, Castello Visconti di SanVito (Somma Lombardo 14-15 dicembre 2001), Rubbettino 2001.

RENZO DUBBINI (a cura di), Hemy Labrouste 1801-1875, Electa, Milano 2002.

NORMAN JOHNSTON, Forms ofConstraint: A History OfPrison Architecture, University of Illinois Press/ Urbana and Chicago, Illinois 2003.

MARIO CANAPA, SERGIO MERLO, GIOVANNI CONSO e ALBERTO MARCHESELLI, Manuale di diritto penitenziario, Giuffrè, Milano 2004.

PAOLO PORTOGHESI (a cura di), Dizionario enciclopedico di architettura e urbanistica, tomo I, Gangemi Editore, 2004, pagg. 488 - 489.

SlMONA TROMBETTA, Punizione e carità. Carceri femminili nell'Italia dell'Ottocento, Molino, Milano 2004.

MlCHAEL LEIGH E BAIGENT, RlCHARD.LEIGH, L'inquisizione. Persecuzioni ideologia e potere, Net, Milano 2004.

ASSUNTA BORZACCHIELLO (a cura di), La grande Riforma, breve storia dell'irrisolta questione carceraria, in Rassegna penitenziaria e criminologica, 2/3 (2005).

ROSANNA BELLIZZI, 11 panoptico e la sua utopia. Dalla logica del modello alla corrispondenza alla realtà, Tesi di dottorato in Tecnologie e Rappresentazione dell'architettura e dell'ambiente, Università degli studi di Napoli, Facoltà di architettura, rel. Prof. Arch. Mariella Dell'Aquila, 2006.

PAOLO CORNAGLIA (a cura di), Per un profilo di Carlo Rondoni (1755-1831), architetto di Vittorio Emanuele I di Savoia, in Studi piemontesi, XXXV/72 (2006).

DANIELE DOMENIGHINI e MAURO GIUSEPPE FLESIA, Allestimento per esposizioni temporanee : ipotesi per la Castiglia di Saluzzo, tesi di laurea, rei. Valeria Minucciani,correi. Elena Pianea, Facoltà di architettura II, Architettura, a.a. 2007-2008

MAURO VOLPIANO (a cura di), Juvarra, Disegno per la contrada diporta palazzo, in ENRICO CASTELNUOVO (a cura di), in La reggia di Venaria e i Savoia' Arte, magnificenza e storia di una corte europea, (catalogo della mostra, reggia di venaria reale, 12 ottobre 2007 - 30 marzo 2008), voi. II, Allemandi, Torino 2007.

CITTÀ DI TORINO (a cura di), Work in progress, Torino verso il 2011, Città di Torino, Torino 2008.

COSTANZA ROGGERO BARDELLI e SANDRA POLETTO (a cura di), Le residenze sabaude : dizionario dei personaggi, Accolade, Torino 2008.

ANNALISA DAMERI (a cura di), Normare e costruire. Cantieri e città nell'età di Carlo Alberto, in VALERIO CASTRONOVO (a cura di), Alessandria dal Risorgimento all'Unità d'Italia, Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Alessandria 2008.

MASSIMO MELANI, Dottrine Generali Di Storia Del Diritto Medievale, Lulu.com, 2008.

ANTONIO PARENTE, L'ergastolo di Santo Stefano di Ventotene architettura e pena, Ministero della Giustizia, Roma 2008.

LIVIO BARAUDO (a cura di), La Castiglia pagine di carcerazione dal regno di Sardegna ai giorni nostri, Saluzzo (18 novembre 2006), Istituto della Resistenza in Cuneo e provincia, Cuneo 2009.

GIACOMO MOLLE, Oneglia nella sua storia, Istituto internazionale di studi liguri, Bordighera 2010.

BIBLIOTECA DELLA CAMERA DEI DEPUTATI, La nascita dello Stato unitario, Catalogo della mostra (Biblioteca della Camera dei deputati, 7 giugno - 4 Luglio), Biblioteca della Camera dei deputati, Roma 2011, p. 9

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)