Politecnico di Torino (logo)

Gomiero, Federica and Musso, Roberta

Tokyo fashion museum.

Rel. Chiara Aghemo, Cesare Griffa, Giovanni La Varra. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2011

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Questa tesi riguarda il progetto di un museo della moda a Tokyo, ed è il frutto di un lungo lavoro di ricerca e sperimentazione, svolto in parte a Torino e in parte in Giappone. Il tema è tratto da un bando di concorso promosso nel 2010 dall'agenzia Arquitectum in collaborazione con la Waseda University di Tokyo.

L'edificio in progetto è una torre di 100 m d'altezza situata in Omotesando-Dori, una delle vie commerciali più esclusive della metropoli nipponica. Il museo prevede una distribuzione verticale contenuta all'interno di un core strutturale centrale, attorno al quale sono posizionati una serie di blocchi a singola o a doppia altezza sfalsati tra loro, che contengono le sale espositive. Il sistema dei blocchi è "imbrigliato" all'interno di una pelle esterna continua perfettamente liscia costituita da quattro tipologie di pannelli con diversi gradi di trasparenza, che a tratti nascondono e a tratti rivelano la struttura architettonica retrostante.

Per raggiungere il risultato finale è stato effettuato un lavoro di ricerca e analisi che riguarda principalmente tre ambiti: i principi alla base dell'approccio progettuale giapponese, il contesto in cui si va ad inserire l'edificio in progetto e il mondo della moda. Questi approfondimenti fornisco una risposta al "come?" al "dove?" e al "cosa?", i tre quesiti fondamentali di ogni iter progettuale.

Il primo ambito è affrontato nel capitolo 1, in cui vengono approfonditi alcuni principi di estetica giapponese, che costituiscono le basi per l'elaborazione concettuale dell'edificio. Per poter operare all'interno di un contesto culturale profondamente differente da quello occidentale, è infatti fondamentale tentare di comprendere a fondo i caratteri compositivi che ne governano le manifestazioni artistiche e spaziali.

Lo studio del contesto è trattato nel capitolo 2 e nel capitolo 3. Il primo affronta la complessità della metropoli di Tokyo e ne analizza brevemente la storia e la struttura urbana, con l'obiettivo di comprendere le dinamiche sociali e culturali che hanno portato la città ad assumere la conformazione odierna. Il secondo si concentra sui distretti della moda e dello shopping di Ginza e Aoyama, che costituiscono la realtà in cui si va ad inserire il progetto del fashion museum. Questi due distretti si configurano come delle vere e proprie vetrine per lo shopping di lusso, e sono caratterizzati dalla presenza di numerosi flagship stores firmati da architetti di fama internazionale, alcuni dei quali sono analizzati approfonditamente a fondo capitolo.

L'ambito della moda è analizzato nel capitolo 4. Dopo un breve excursus antropologico sul ruolo sociale che l'abbigliamento ha rivestito nel tempo, si passa all'analisi del "sistema moda", al fine di comprendere i meccanismi culturali che trasformano un semplice abito in un'opera d'arte degna di essere ospitata all'interno di un museo. Vengono quindi trattati alcuni esempi di fashion museum nel mondo per individuare alcuni aspetti essenziali cui fare riferimento nell'organizzazione dell'allestimento e del percorso espositivo.

Il capitolo 5 espone i contenuti del bando di concorso e da indicazione dei vincoli progettuali e delle specifiche da tenere in considerazione per lo svolgimento del progetto. Presenta inoltre le tavole dei tre progetti vincitori e delle menzioni d'onore selezionate dalla giuria.

L'ultimo capitolo riguarda il progetto vero e proprio e contiene la relazione tecnica e gli elaborati grafici. Viene qui trattato in maniera approfondita l'iter progettuale che ha portato alla conformazione finale dell'edificio, e viene approfondito l'aspetto illuminotecnico relativo all'illuminazione esterna e degli spazi espositivi.

Il livello di dettaglio raggiunto è coerente con la definizione richiesta dal concorso di idee. Gli aspetti strutturali e impiantistici richiederebbero un approfondimento specialistico e per questo motivo sono stati indagati soltanto a livello di schema di massima.

Il museo progettato adotta soluzioni che si collocano efficacemente all'interno della concezione spaziale e del linguaggio compositivo nipponici e soddisfa pienamente i requisiti del bando di concorso. I criteri progettuali utilizzati e l'esito formale sono in armonia con i dettami dell'architettura contemporanea giapponese e rendono l'edificio un landmark per la città di Tokyo.

Relatori: Chiara Aghemo, Cesare Griffa, Giovanni La Varra
Soggetti: A Architettura > AL Edifici e attrezzature per l'istruzione, la ricerca scientifica, l'informazione
A Architettura > AO Progettazione
S Scienze e Scienze Applicate > SH Fisica tecnica
S Scienze e Scienze Applicate > SJ Illuminotecnica
SS Scienze Sociali ed economiche > SSC Moda e costumi
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2266
Capitoli:

INTRODUZIONE

PREMESSA AL DIARIO DI VIAGGIO

DIARIO DI VIAGGIO

CAPITOLO 1

PRINCIPI DI ESTETICA GIAPPONESE

En

Ma

Miegakure

Mitate

Mono no Aware

Mu

Oku

Wabi-Sabi

Yohaku e Shibui

CAPITOLO 2 TOKYO

Breve storia di Tokyo

Dalla fondazione al periodo Edo

Epoca Meiji

Dall'epoca Taisho alla II guerra mondiale

Dal periodo post-bellico ad oggi Struttura urbana

Periodo Edo

Periodo Meiji

Prima metà del '900

Dal periodo post-bellico ad oggi Tokyo's Big Change: The 10 Year Pian

CAPITOLO 3

I DISTRETTI DELLO SHOPPING

Ginza Aoyama-Omotesando

Gyre

Dior Omotesando

Omotesando Hills

Louis Vuitton Omotesando

Tod's

One Omotesando

Commes des Gargons

Prada Boutique Aoyama

Collezione

CAPITOLO 4

IL SISTEMA DELLA MODA

Il ruolo culturale della moda

Il sistema moda oggi

Gli stilisti

I Fashion Brands

Gli eventi

I media

La distribuzione e la vendita

Fashion museums nel mondo

Mode Museum

Fashion and Textile Museum

Museu do Design e da Moda

CAPITOLO 5

IL CONCORSO

Perché un Fashion Museum in Omotesando

Promotori e svolgimento del concorso

Il bando

Risultati

CAPITOLO 6

TOKYO FASHION MUSEUM

Sito

Concept

Programma

Composizione di facciata

Elaborati architettonici

Struttura

Illuminazione interna

Illuminazione esterna

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

Monografie

- Lorena Alessio, Toyo Ito, I Quaderni dell'industria delle costruzioni, Edilstampa, Roma 2009.

- Yoshinobu Ashiara, L'Ordine Nascosto. Tokyo Attraverso il Ventesimo Secob, Gangemi Editore, Roma 2000.

- Fabio Bianconi, Marco Filippucci, Paolo Verducci (a cura di), Architetture dal Giappone: disegno, progetto e tecnica, Gangemi Editore, Roma 2006.

- Herbert Bix, Hirohito and the Making of Modern Japan, Harper Collins, New York 2000.

- Gian Cario Calza, Stile Giapponese, Einaudi, Torino 2002.

- Thomas Conlan, State of War: the Violent Order of Fourteenth-century Japan, Center for Japanese Studies, University of Michigan, Ann Arbor 2003.

- Roger J, Davies, Osamu Ikeno (a cura di), The Japanese Mind: understanding contemporary japanese culture, Tuttle Publishing, North Clarendon 2002.

- Fabrizio Fuccello, Spazio e Architettura in Giappone. Un'ipotesi di lettura., Cadmo, Faenza 1996.

- Yukio Futagawa (a cura di), Tadao Ando vol. II: 1988-1993, A.D.A. Edita, Tokyo 1994.

- Luciana Galliano (a cura di), Ma: la Sensibilità Estetica Giapponese, Edizioni Angolo Marconi, Torino 2004.

- John W. Hall e Toyoda Takeshi (a cura di), Japan in the Muromachi Age, Cornell University East Asia Program, Ithaca 1977.

- Jinnai Hidenobu, Tokyo: A Spatial Anthropology University of California Press, Berkeley 1995.

- Toshiro Inaji, The Garden as Architecture: Form and Spirit in the Gardens of Japan, China and Korea, Kodansha International, Tokyo 1998.

- Teiji Itoh, IkkoTanaka, Sesoko Tsune, Wabi, Sabi, Suki, Mazda Motor Corporation, Hiroshima 1993.

- Marius Jansen e Gilbert Rozman (a cura di), Japan in Transition: From Tokugawa to Meiji, Princeton University Press, Princeton 1986.

- Marius Jansen, The Making of Modern Japan, The Belknap Press of Harvard University Press, Cambridge 2000.

- Andrew Juniper, Wabi Sabi: the Japanese art of impermanence, Tuttle Publishing, Boston 2003.

- Mayumi Koyama, Elementi di Storia dell'Arte e dell'Estetica Giapponese, Ranpizu-do, Milano 1987.

- Leonard Koren, Wabi-sabi for artists, designers, poets &philosophers, Stone Bridge Press, Berkley 1994.

- Jeffrey P. Mass e William B. Hauser (a cura di), The Bakufu in Japanese history, Stanford University Press, Stanford 1985.

- Giorgio Marangoni, Evoluzione storica e stilistica della moda, il Novecento: dal liberty alla computer art, Edizioni S.M.C., Milano 1998.

- Kevin Nute, Piace, Time and Being in Japanese Architecture, Routledgo, Londra e New York 2004.

- Giangiorgio Pasqualotto, Yohaku. Forme di Ascesi nell'Esperienza Estetica Orientale, Esedra, Padova 2002.

- Giorgio Pasqualotto, L'estetica del vuoto, Marsilio, Venezia 1992.

- Erez Solomon, Julian Worral, 21st Century Tokyo: A Guide to Contemporary Architecture, Kodansha International, Tokyo 2010.

- André Soresen, The Making of Urban Japan. Cities and Planning from Edo to the Twenty-first Century, RoutledgeCurzon, Londra 2002.

- John Reeve, Floating World: Japan in the Edo Period, British Museum Press, Londra 2006.

- StephenTurnbull, Samurai: The World of the Warrior, Osprey Publishing, Oxford 2006.

- Alessandro Villari, L'Architettura del Paesaggio in Giappone; Gangemi Editore, Roma 2002.

- Soetsu Yanagi, The Unknown Craftsman:A Japanese Insight into Beauty, Tokyo, New York: Kodansha International, 1989.

- Christopher Wood, The Bubble Economy: Japan's Extraordinary Speculative Boom of the Ws and the Dramatic Busi ofthe '90s, Solstice Publishing, New York 2005.

ARTICOLI

- AA.VV., "Kazuyo Sejima + Ryue Nishizawa - SANAA: Dior Omotesando", in The Japan Architect, n. 54, 2004, pp. 72-81.

- AA.VV., "MVRDV + Takkenaka Corporation: GYRE, Tokyo, 2004-07", in The Japan Architect, n. 68, 2008, pp. 88-89.

- AA.VV., "Nicolas G. Hayek Center-Tokyo/Shigeru Ban & Associates", in The Pian, n. 27,2008, pp. 112-113. - AA.VV., "Patrones de contenciòn: Museo de la moda, Amberes", in Arquitectura viva, n. 96,2004, p. 44-45. - AA.VV., "Prada Aoyama Epicenter in Tokio", in Detail, vol.44, n. 10,2004, pp. 1131-1137.

- David Cohn, "Within the shell of an abandoned bank building Ricardo Carvalho+Joana Vilhena creates a raw but sophisticated home for Lisbon's museum of design and fashion", in Record Interiors, vol. 197, n. 9,2009, pp. 66-71.

- Arata Isozaki, "Ma: Japanese Time-Space. An exhibition held at thè musee des Arts Decoratifs, Paris", in The Japan Architect, n. 262,1979, pp. 69-80.

- Kengo Kuma, "Particle on Horizontal Piane", in The Japan Architect, n. 38,2000, p. 120.

- Soren Larson, "Afuturistic Comme des Gargons store in Tokyo beckons shoppers down its meandering paths", in Architectural Record, voi. 187, n, 9, pp. 150-155.

- Patrizia Malfatti, "Rei Kawakubo a Tokyo: Comme des Garcons 1 e 2", in Abitare, n. 398,2000, pp. 212-217.

- Fumihiko Maki, "Japanese City Space and the Concept of Oku", in The Japan Architect, n. 265,1979, pp. 51-62.

- Teruyuki Monnai, "Un Glossario dei Concetti Spaziali", in Casabella n. 608, Elemond, Milano 1994, pp. 14-19.

- Gunter Nitschke, "Ma: the Japanese Sense of Piace in Old and New Architecture and Planning', in Architectural Design, vol. 36,1966, pp. 116-154.

- Naomi Pollock, "Toyo Ito fuses structure and wrapper in a network of concrete trees at the new Tod's Omotesando Building in Tokyo", in Architectural records, vol. 193, n. 6,2005, pp. 78-85.

- Henry Smith, "Tokyo as an Idea: An Exploration of Japanese LJrban Thought until 1945", in Journal of Japanese Studies, vol. 4, n.1,1978, pp. 45-80.

- Patrick Steel, "Rhodes puts fashion museum on the market", in Museums joumal, vol. 106, n. 6,2006, p.5

- Susan Welsh, "Rainbow Rhode (Fashion and Textile Museum, London)", in Interior Design, vol. 74, n. 10, 2003, pp. 162-167.

- Maria Giulia Zuino e Renata Molho, "Antwerpen: Modenatie", in Abitare, n. 428,2003, p.211-217.

SITI INTERNET

http://architettura.it

http://commons.wikimedia.org

http://english.jr-central.co.jp

http://fitnyc.edu

http://gk-architetti.blogspot.com

http://it.ymag.it

http://moleskinearquitectonico.blogspot.com

http://www.aisf.or.jp

http://www.ap.org

http://www.archined.nl

http://www.arcspace.com

http://www.arquitectum.com

http://www.flickr.com

http://www.ftmlondon.org

http://www.galinsky.com

http://www.gettyimages.com

http://www.kunaicho.go.jp

http://www.lesartsdecoratifs.fr

http://www.loc.gov

http://www.metro.tokyo.jp

http://www.momu.be

http://www.mude.pt

http://www.ndl.go.jp

http://www.panoramio.com

http://www.rcjv.com

http://www.rekihaku.ac.jp

http://www.studio-international.co.uk

http://www.tnm.jp

http://www.usgs.gov

http://www.vogue.com

http://www.vogue.it

http://www.wikipedia.org

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)