Politecnico di Torino (logo)

Saglietti, Nadia and Tagliarini, Martina

La Serra : una macchina per riscrivere la città : conservazione del patrimonio contemporaneo tra architettura e design.

Rel. Maria Adriana Giusti. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2010

Abstract:

La scelta consapevole dell'industriale Adriano Olivetti di rendere la città d'Ivrea vetrino del Movimento Moderno rientra in quel piano di trasformazione sociale e formale del territorio che ha dato luogo a più di seicento progetti di edifici e, l'accento più forte di questo sperimentalismo, voluto da questo moderno mecenate, si può in particolar modo cogliere proprio nell' "Unità residenziale Est" dei giovanissimi architetti Cappai e Mainardis; edificio polivalente che raccoglie dentro di sé funzioni diverse, una "città nella città" che quasi provoca e affronta la città storica, rileggendone e sovvertendone la fisionomia: le strade si fanno corridoi, le case si fanno stanze d'albergo, le piazze si fanno hall; la società sta cambiando, il '900 ha portato grossi sconvolgimenti e ora poi entra in gioco pure il '68: non si può che parlare di rivoluzione, la stessa che veniva invocata dagli Archigram e dai Metabolist in opposizione alle posizioni accademiche troppo stagnanti di quegli anni. Cappai e Mainardis si fanno i portavoce italiani di questi animi e trovano a Ivrea, proprio grazie all'Olivetti, un terreno fertile in cui lavorare.

A distanza di quarant'anni dalla sua realizzazione, l'edificio Serra vive però un presente di semiabbandono, dovuto a problemi di varia natura, in primis quelli relativi alla sua gestione. La sfida di oggi è quindi quella di proporre un piano di uso dell'edificio che sappia rispettare tutte le diverse funzioni che esso contiene, che metta d'accordo tutti gli attori che entrano in contatto con esso (soprattutto, ma non solo, i proprietari) e che sappia riconsegnare quest'architettura alla città, destinandogli un ruolo nuovo, ma senza tradire quello voluto dai suoi progettisti.

Relatori: Maria Adriana Giusti
Soggetti: A Architettura > AQ Spazi funzionali dell'abitazione
R Restauro > RC Restauro urbano
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2181
Capitoli:

Volume I. L'Hotel Serra ad Ivrea

Introduzione

1.I L'oggetto di studio: edificio "Hotel La Serra", Ivrea.

Contesto locale: Olivetti e Ivrea

Progettisti

Descrizione

Problematiche e situazione attuale

Bibliografia

1.II Contesto storico nazionale e internazionale: l'abitare moderno e contemporaneo

L'Hotel Serra a confronto con le esperienze

architettoniche del XX secolo

Città nelle città: la megastruttura

Cellule abitative: sperimentazioni nello spazio

domestico

La Fiducia nella tecnologia: innovazione e

sperimentazione in architettura

Bibliografia

Volume II. Tutela del patrimonio architettonico moderno e contemporaneo : i casi Londinesi

2.I La conservazione del patrimonio architettonico moderno e contemporaneo

Caratteristiche dell'architettura del Novecento dal punto di vista della conservazione

I problemi della conservazione del patrimonio del secondo dopo guerra

II restauro moderno: principi e metodologie Gli enti e le società predisposte alla tutela dell'architettura del Novecento

Bibliografia

2.II La conservazione del patrimonio architettonico moderno e contemporaneo in Gran Bretagna

Le caratteristiche generali della legislazione

inglese

La conservazione del patrimonio architettonico

del secondo dopo guerra in Inghilterra

L'housing sociale a Londra nel secondo dopo

guerra: un patrimonio da conservare

Le linee guida per il progetto di conservazione:

gestione e amministrazione dei complessi di

edilizia residenziale

Bibliografia

2.III I casi londinesi

Alexandra Road Estate Balfron Tower Barbican Estate Brunswick Centre Golden Lane Estate

Volume III. Tavole

La Serra

Olivetti

Mondo

Materiali

Problemi

Interventi

Programma

Gestione

Elaborati

Bibliografia:

Esther McCoy, Modern Colifornia Houses: cose studyhouses 1945-62, Reinhold, New York 1962

Udo Kultermann, Opere dei giapponesi Metobolist,in « Casabella », n.318, 1967, pp. 50-55

Daniel Chenut,Ipotesi per un habitat contemporaneo, Saggiatore, Milano 1968

Emilio Ambasz, Itoly: thè new domestic landscape:achievements and problems of Italian Design, The Museum of Modern Art, New York 1972

Peter Cook, Archigram, Studio Vista, Londra 1972

Alison e Peter Smithson,Without rhetoric:an architectural aesthetic,1955-1972, Latimer New Dimensions, Londra 1973

Alexander Klein, Alexander Klein: lo studio dellepiante e la progettazione degli spazi minimi:scritti e progetti dal 1906 al 1957, Mazzotta, Milano 1975

Reyner Banham, Megastructure: large multi-functional urban complexes containing transient smaller units adaptable to changing needs,in «Architectural Design», vol.45, n.7, luglio 1974,pp. 400-401

Reyner Banham, Megastructure: urban future of thè recent past, Thames and Hudson,Londra 1976

Franco Giovannini, La casa non è un mito:l'industrializzazione edilizia e le sue prospettive, in «II giornale della prefabbricazione», Milano 1978

Bruno Zevi,Cronache di architettura, Laterza,Bari1978-9

Christian K. Laine, High Tech, high sick, high tack,

high hype: architecture ofthe seventies, in «Crit»,n.6, autunno 1979, p.25-26

Franco Raggi, Le case della triennale: otto progetti di ambienti domestici contemporanei, Electa,Milano 1983

Le Corbusier, L'unità d'abitazione di Marsiglia,Veschi,Roma 1983

I Georges Teyssot, Paesaggio d'interni, Electa, Milano 1987

Cini Boeri, Le dimensioni umane dell'abitazione: appunti per una progettazione attenta alle esigenze fisiche e psichiche dell'uomo, Angeli Editore, Milano 1987

Colin Davies, High Tech Architecture, Thames and Hudson, Londra 1988

Gianni Ottolini, Sforza e progetto di arredamento, Di Baio, Milano 1989

Angel Shlomo, L'idea di abitare, Volontà, Milano 1989

Maurizio Barberis, Le culture dell'abitare: seminario di studi e di progetto, Idea Books, Milano 1992

Gianni Ottolini, Vera Di Prizio,La casa attrezzata:qualità dell'abitare e rapporti di integrazione fra arredo e architettura, Liguori, Napoli 1993

Virginia Menzio, Architettura britannica egli anni'60-'70: dibattito e sperimentazione: le esperienze del gruppo Archigram, tesi di laurea, Politecnicodi Torino, II Facoltà di Architettura, 1994, rei. Prof.Piergiorgio Tosoni

Gustau Gili Galfetti, Pisos Piloto: celulas domesticas experimentales, G.Gili, Barcellona 1997

Luigi Prestinenza Puglisi, This is Tomorrow:avanguardia e architettura contemporanea, Testo e Immagine, Torino 1999

George H. Marcus, Le Corbusier: per un 'architettura d'interni,Jaca Books, Milano 2000

Mondaini Gianluigi, Abitare dopo il moderno:dalla casa esatta alla casa adatta, attraversandoi materiali della tipologia, Sala Stampa, Pescara 2001

Clare Melhuish, Towards a phenomenology ofconcrete megastructure thè ase of thè Brunswick Centre, University College Press, Londra 2001

Massimo Martignoni, Gio Ponti: gli anni di stile 1941-1947, Abitare Segesta, Milano 2002

Charles Jencks, Le Corbusier e una metaforacontinua in architettura, Jaca Books, Milano 2002

Richard Weston, La casa del XX secolo, Logos,Milano 2002

Gianpiero Aitarono, Roberto Bologna, La reversibilità del costruire: l'abitazione transitoria in una prospettiva sostenibile, Maggioli, Rimini 2002

Elain Harwood, Special Issue. The Sixties: lite,style, architecture, in « The Twentieth Century Architecture, n.6, 2002, pp. 7-144

Le Corbusier, Verso un'architettura: a cura diPierluigi Cerrì e Pierluigi Nicolin,

Longanesi, Milano2003

Anna Rita Emili, Richard Buckminster Fuller e le neoavanguardie, Kappa, Roma 2003

Reyner Banham,Architettura della seconda etàdella macchina, scritti 1955- 1988, a cura di Marco Biraghi, Electa, Milano 2004

Joe Colombo, L'invenzione del futuro, Skira,Milano2005

Simon Sadler, Archigram: architecture withoutarchitecture, The Mitt Press, Londra 2005

Alison e Peter Smithson, Architecture is not made with thè brain: thè labour of Alison and Peter Smithson, Architectural Association, Londra 2005

Jane Alison, Future city: experiment and utopiain Architecture 1956-2006, Thames and Hudson,Londra 2006

John R.Gold, The making of megastructure:architectural modernism, town planning and

Cumbernauld's Central Area 1955-75, in « PlanningPerspective», vol.21, n.2, aprile 2006, pp. 109-131

Marco Wolfer Calvo, Archigram e Metabolist:utopie negli anni Sessanta, Clean, Napoli 2007

Elizabeth A.T. Smith, Case study houses 1945-1966:lo rivoluzione californiano, Taschen, Colonia 2007

Barry Bergdoll, Home delivery: fabrìcating thè modern dwelling; thè Museum of Modern Art New York, Birkhauser, Boston 2008

Wally Smith, Hannah Lewi, The magie of machinesin thè house, in «The Journal of Architecture»,ottobre 2008, voi. 13, n.5, p.633-660

Marco Biraghi, Storia dell'architettura contemporanea, Einaudi, Torino 2008

Gianni Ottolini, Il progetto delle residenze speciali:spazi e arredi, Unicopli, Milano 2008

Federico Neder, Fuller houses: R.BuckminsterFuller's dymaxion dwellings and other domestic adventures, Lars Muller, Baden 2008

Lin Zhongjie, Kenzo Tange and thè Metabolist Movement: urban utopia of modern Japan,

Routledge, Londra 2010

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)