Politecnico di Torino (logo)

Usseglio Prinsi, Eleonora

Costruzione post-terremoto in Cile: il villaggio dei pescatori di Bucalemu.

Rel. Pierre Alain Croset, Simonetta Pagliolico. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione), 2011

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

II tema della ricostruzione post catastrofe è un argomento quanto mai attuale nell'ultimo decennio, vista la notevole incidenza di eventi naturali devastanti verificatisi sul nostro pianeta.

Lo Tsunami del 2004 che colpì Indonesia e Tailandia, il terremoto in Abruzzo del 2009, il terremoto del 2010 ad Haiti, lo tsunami in Cile nel febbraio 2010, sono solo alcune delle catastrofi avvenute ultimamente.

L'architetto che si trova ad affrontare questa situazione, deve essere capace di agire su più fronti. Infatti non si tratta semplicemente di una ricostruzione puntuale di ciò che è stato distrutto, quanto piuttosto di un intervento su larga scala. Ciò che in primo luogo va ricostruito è l'interazione delle infrastrutture e delle reti sociali, commerciali, di servizi e comunicazioni presenti, che andranno riallacciate e migliorate, per garantire il futuro sviluppo della città e, in alcuni casi, di un intero Paese.

Riprendendo la domanda che si pone Helen Castle nell'editoriale della rivista Architectural Design dedicato al "Post traumatic urbanism'': "What might architects potentially contribute to cities in thè aftermath of conflict or naturai disas-ter?"

In primo luogo ci si dovrebbe chiedere ciò non ha funzionato nelle città esistenti e perché non sono state in grado di fronteggiare problematiche che spesso, come ad esempio i terremoti in Cile, si presentano in maniera ciclica. Soprattutto pensare che spesso solo attraverso il manifestarsi di grandi catastrofi, si mettano in luce e si affrontino le problematiche urbane e sociali delle grandi città e di interi paesi: "Noi sappiamo di più riguardo qualcosa quando questo cro//a"(l). Anche il titolo della pubblicazione offre un interessante spunto di analisi "what does it thè mean to raise thè word 'urbanism' alongside thè word 'trauma'?" dall'introduzione di Adrian Lahoud leggiamo " Mentre uno può immaginarsi una disciplina o un campo chiamato urbanistica sostenibile o urbanistica delle infrastrutturale, il post traumatic urbanism non sarà mai una sotto disciplina dell'urbanismo, perché la catastrofe è qualcosa che supera la sistematizzazione. Una catastrofe è per definizione un'eccezione, una serie di singolarità [...]" In parte credo che questa affermazione sia vera, ogni catastrofe presenta caratteristiche proprie legate al tipo di evento naturale, alle condizioni presenti nel Paese sia sotto il profilo economico, che sociale. Possiamo, però, incontrare denominatori comuni per esempio nella modalità di gestione dell'emergenza e nel passare dai moduli provvisori alla ricostruzione a lungo termine di case e città. Tralasciando quindi i fattori economici e politici, quale la gestione dei sussidi e le modifiche alla normativa esistente per snellire i procedimenti, aspetti che caratterizzano i singoli Paesi, ci si dovrebbe concentrare su ciò che riguarda invece la costruzione di resilient city.

Relatori: Pierre Alain Croset, Simonetta Pagliolico
Soggetti: U Urbanistica > UA Analisi dei rischi
U Urbanistica > UG Pianificazione del paesaggio
U Urbanistica > UL PVS Paesi in via di sviluppo
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2159
Capitoli:

PARTE 1 Terremoto in Cile - 27 febbraio 2010

1.1 II problema sismico

1.2 Lo tsunami e la protezione della costa

1.3 Lo stato di emergenza: las mediaguas

1.4 L'Autocostruzione

PARTE 2_Caso studio: piano di ricostruzione di Bucalemu

2.1 Bucalemu

2.2 Lo tsunami a Bucalemu

2.3 Programmi di ricostruzione del MINVU

2.4 Direttive per una pianificazione sostenibile

Parte 3_PRU Bucalemu: progetto di regenerazione urbana

3.1 II piano regolatore

3.1 I masterplan

3.2 II programma:

II polo produttivo

Las viviendas

3.4 Fattibilità economica

Conclusioni

Bibliografìa

ALLEGATO. SAGGIO 2:

Adobe, nuove interpretazioni di una tecnologia tradizionale

Bibliografia:

- AIS (Asociacion colombiana de ingenieria s\sm\ca)__Manual de construccion sismo resistente de viviendas en bahareque encementado_ Presiden-cia de la republica de Colombia;

- AIS (Asociacion colombiana de ingenieria sismica)_/vlanua7 para la reha-blitacion de viviendas construidas en adobe y fap/a/p/sado_Presidencia de la republica de Colombia;

- Euclides Guzman_ Curso elemental de edifìcacionJFacuttad de Arquitec-tura Universidad de Chile, Santiago de Chile, 1990;

- G.Barrios_/vfanua/ de Construccion en odobe_Edicion universitaria_San-tiago de Chile, 1994;

- Gernot Minke_Manua/ de construccion para viviendas antisismicas de tier-ra_Universidad de Kassel,Alemania, novembre 2001;

- Gernot MinkeJEarfh Construction Handbook, The building materia! Earth in Modern Architecture_W\\ pres$_Southampton (Boston), 2000;

- Gernot Minke_Bu//d/ng with £arfh_Birkhauser_ Berlino, 2006;

- Gobiemo de Chile/Consejo de Monumentos Nacionales_Carfi7/a Patrimonio en Tierra Sismo 2CU0_Santiago de Chile, 2010;

- Gonzalo Rocio Blaitt_Consfrucc/ones bioclimaticas en barro y totora_San-tiago de Chile, 2003;

-Graciela Maria Vinuales, Celia M. Martins Neves, Mario O. Flores, L. Silvio Rios_ Arquitectura de tierra en Iberoamerica, Habiterra Red XIV.A Prototerra Proyecto XIV.6, CYTED, Buenos Aires, 1994;

- Jaime Nisnovichjvlanua/ de Autocostruccion para viviendas popular, Club del Hornero_ Centro de Estudios Urbanos y Regionales CEUR. Perù 2000;

- Luis Rodriguez, Jorge MariscaLComo construir viviendas de quincha mejo-radaJPeru, gennaio 2009;

- Marciai Blondet, Glandys Villa Garcia M., Svetlana Brezu_ Earthquake Re-sistant Construccion of Adobe building: A 7utoria/_EERI/IAEE World Housing Enciclopedia_ Perù, Marzo 2003;

- Manuela GajardoJ.a revolucion tecnologica de el adobe en Chille, un pais sismico_ Projecto de titulo Universidad Finis Terrae_Santiago de Chile, 2010.

- Orlando Vigouroux l.JAanual de evaluaciò de wv/endas_AEAXR_Santia-go de Chile, 2010;

- PREDES_Cons/ruyendo viviendas con quincha mejoradajecnologia de mitigacion de riesgos_G\j\a pratica. PREDES_ Liima 2008;

- P.Doat,. A. Hays, H. Houben, S.Matuk, F.Vitoux_Construirre en terre_Cra-terre, Francia, 1979;

- Prototierra Cyted Habyted_7ecn/cas mixtas de construccion con tierra_ luglio 2003;

- Roberto Morales Morales, Rafael Torres Cabrejos, Luis A. Rengifo, Carlos Irala CandiottLManua/ para la construccion de Viviendas de Adobe_C\S-MID-FIC-UNLLima, 1993;

- Wilfredo Ceazas Aedo, Alba Rivero Olmos_ Bahareque, guia de construccion paras/sm/ca_Ediciones CRATerre, Francia Agosto 2002.

Riviste

- Mario Pardo, Diana Comte, Tony Monfret, Ruben Boroscheck, Maximiliano Astroza_The october 15, 1997 Punitaqui earthquake (Mw=7.1): a destructive event whitin thè subducting Nazca piate in Central Chile, in Tectophysics n.345 (2002);

- Oh-Sung Know, Eungsoo Kim_Case study: Analytical investigacion on thè failure of a two-story RC building damage during thè 2007 Pisco-Chiancha earthquake, Engineering structures n.32 (2010).

- Philippe Gueguen, Jean Lue Chatein, Bertrand Guiller, Hugo Yepes, Jose bEgred_ Site effect and damage distribution in Pujili (Ecuador) after thè 28 March 1996 eartquake, in Tectophysics n.334 (1998)

Normative

- Reglamento Nacional de Edifìcaciones, Ingenieria y Gestion Perù_Decreto Supremo n.011-2006 Vivienda;

- Norma chilena Neh 433-1996_Disegno sismico de edificios.

Sitografia:

http://www.revistaca.cl/2007/04/toma-en-penalolen-casas-chubi

http://issuu.com/istudio/docs/d7_llico_studio_book_-_small

http://comunidadecologicapenalolen.bligoo.com

http://www.terra.org

http://www.ceresis.org/proyect/adobe_chile/chile.html

http://www.modelocrs.blospot.com

http://www.arqa.com

http://www.marcelocortes.cl

http://www.plataformarquitectura.cl

http://cottachile.wordpress.com

http://www.fundacionjofre.cl/index.php

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)