Politecnico di Torino (logo)

Di Teodoro, Claudia

L'Architettura del Quattrocento e del Cinquecento ad Acqui: gli edifici nobiliari attraverso l'analisi delle fonti documentarie.

Rel. Francesco Paolo Di Teodoro, Enrico Lusso. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione), 2010

Abstract:

Tra XV e XVI secolo, dopo il periodo di massimo splendore avutosi sotto Guglielmo Vili (1420-1484), il marchesato di Monferrato conosce un periodo di declino dovuto, da un lato, alla crisi interna legata alle morti precoci dei marchesi reggenti, che si concluderà nel 1533 con l'estinzione della casata paleoioga, e, dall'altro, al coinvolgimento del piccolo stato nelle guerre combattute sul suolo italiano tra Francia e Spagna per la supremazia europea. A partire dalla fine del Quattrocento, gli eserciti stranieri attraversano il territorio piemontese, arrecando disagi alla popolazione. Il Monferrato si trova più volte a dover pagare ingenti somme di denaro al fine di evitare le scorrerie nemiche e ad affrontare le ritorsioni dei vincitori per aver palleggiato per la fazione sconfitta.

Nel 1499, il re di Francia Luigi XII scende in Italia passando attraverso il Piemonte e ponendo la sua base ad Asti, contea francese dal 1389, con l'obiettivo di conquistare il ducato di Milano, che gli viene assegnato con il trattato di Blois del 1504. Nell'ambito del rafforzamento delle alleanze territoriali e considerata la posizione strategica del marchesato di Monferrato tra i ducati di Savoia e di Milano, Luigi XII appoggia nel 1508 il matrimonio tra il marchese Guglielmo IX e la francese Anna d'Alencon. Infatti, nel 1513, il marchese interviene in aiuto dei francesi affiancando alle truppe di Luigi XII un piccolo contingente monferrino, allorché i milanesi, appoggiati dalla Lega Santa costituita dal papa Giulio II con veneziani e spagnoli, insorgono, costringendo la Francia ad abbandonare Milano. I vincitori effettuano scorrerie in territorio monferrino, di cui una colpisce i territori a nord di Acqui (Mombaruzzo, Fontanile, Alice, Cassine e Strevi).

A partire dal 1521, Carlo V, re di Spagna, succeduto a Massimiliano I d'Asburgo come imperatore di Germania, si batte per la supremazia con il nuovo re di Francia Francesco I. Gli esiti sono altalenanti fino alla battaglia di Pavia (1525) in cui il re francese, preso prigioniero, è costretto a firmare un accordo in cui rinuncia ai territori italiani (pace di Madrid). Per la seconda volta, il Monferrato parteggia per la Francia e subisce le rappresaglie dei vincitori, aggravate da un periodo di pestilenza. In questi anni, dopo la prematura morte di Guglielmo IX nel 1518, a governare è la marchesa Anna, sua moglie, tutrice dell'erede Bonifacio IV, unico figlio maschio del marchese.

Nel 1526 il marchesato aderisce, seppur solo nominalmente, alla Lega di Cognac, costituita da Francesco I, papa Clemente VII e gli stati italiani contro Carlo V. La guerra si conclude nel 1529 con la pace di Cambrai: Carlo V viene investito dal papa del regno di Napoli e incoronato imperatore; Francesco I è costretto a rinunciare ai territori italiani e alle Fiandre; Milano viene concessa a Francesco II Sforza e Genova ad Andrea Doria.

Il Monferrato, oltre a subire nuovamente le razzie dei vincitori, si trova a dover affrontare il problema della successione.

Relatori: Francesco Paolo Di Teodoro, Enrico Lusso
Soggetti: A Architettura > AS Storia dell'Architettura
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
ST Storia > STK Periodo moderno
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2073
Capitoli:

INTRODUZIONE

CAPITOLO 1: IL CONTESTO STORICO-TERRITORIALE

1. Il marchesato di Monferrato tra XV e XVI secolo

2. Le vie di comunicazione dell'Alto Monferrato e i traffici acquesi

3. La realtà acquese

3.1. Il potere vescovile

3.2. Il potere comunale

3.3. Il potere marchionale

3.4. La società mercantile

CAPITOLO 2: LA RICERCA DI ARCHIVIO

1. li notaio Antonio Aceto

2. Le tipologie documentarie

3. Le famiglie nobiliari acquesi e le loro proprietà immobiliari nel decennio 1523-1533

3.1. Aceto

3.2. Avellani

3.3. Ainardi

3.4. Carmaglieri

3.5. Cazzulini

3.6. Chiabrera

3.7. Della Chiesa

3.8. Della Porta

3.9. Ghignoni

3.10. Marenco

3.11. Merlini

3.12. Robellini

3.13. Sigismondi

CAPITOLO 3: L'ARCHITETTURA ACQUESE DEL XV E DEL XVI SECOLO

1. Le trasformazioni urbane e architettoniche del XV secolo

2. I palazzi nobiliari

2.1. L'eredità medievale

2.1.1. Casa della Chiesa

2.1.2. Casa Chiabrera

2.1.3. Casa Carmaglieri

2.1.4. CasaAinardi 2.2.1 riferimenti casalesi

2.2.1. Casa Sigismondi

2.2.2. Casa de Oculìs

2.2.3. Casa Robellini 2.3.1 nuovi modelli

2.3.1. Casa della Porta

2.3.2. Casa Scati

2.3.3. Casa Marenco

2.3.4. Casa Cazzulini

2.3.5. Casa Lupi

2.3.6. Casa Roberti

CAPITOLO 4: LA TOPOGRAFIA URBANA E I MODELLI ARCHITETTONICI DEL XV E DEL XVI SECOLO

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

ALLEGATI

1. Schema riassuntivo dei documenti esaminati

2. Trascrizione dei documenti significativi

Bibliografia:

Guido Biorci, Antichità e prerogative d'Acqui Stazieiia. Sua Istoria Profana Ecclesiastica, Stamperia Francesco Rossi, Tortona 1818-1820.

Goffredo Casalis, Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di S.M. il re di Sardegna, Torino 1846.

Pietro Massia, Il testamento e la casa di un nobile cittadino acquese, Società Poligrafica, Alessandria 1901.

Giulio Fiaschini, Chiesa e comune in Acqui medievale, Acqui 1969.

Giacinto Lavezzari, Storia d'Acqui, Forni, Bologna 1971 (ristampa anastatica).

Luca Probo Blesi, Acqui città antica del Monferrato, Forni editore, Bologna 1971 (ristampa anastatica).

Gianni Rebora, Giacomo Povera, Giandomenico Bocchiotti, Bartolomè Bermejo e il trittico di Acqui, L'ancora Editrice, Acqui Terme 1987.

G. Tabacco e G. Merlo, Medioevo. V-XV secolo, Società editrice II Mulino, Bologna 1989.

Guido Ieni, Acqui, in Enciclopedia dell'Arte Medievale, Istituto della Enciclopedia italiana, Roma 1991.

Domenico Testa, Storia del Monferrato, Gribaudo, Asti 1996.

Gianni Rebora (a cura di), Palazzo Chiabrera e Palazzo Olmi. Storia e restauro di due importanti edifici del centro antico di Acqui, Città di Acqui Terme - Assessorato alla Cultura, Acqui Terme 1997.

Luigi Gallareto (a cura di), Alto Monferrato. Tra Piemonte e Liguria, tra pianura e Appennino. Storia, arte, tradizione, Omega Edizioni, Torino 1998.

Gianni Rebora (a cura di), Guida alle antiche contrade d'Acqui, Città di Acqui Terme - Assessorato alla Cultura, Acqui Terme 1998.

Vera Comoli (a cura di), Acqui Terme. Dall'archeologia classica al loisir borghese, Cassa di risparmio di Alessandria Spa, Alessandria 1999.

Gianni Rebora (a cura di), Acqui Terme. Guida storico-artistica. Una finestra sulla città, De Ferrari, Genova 1999.

Patrizia Chierici, Metamorfosi del tessuto edilizio tra Medioevo ed età moderna. Il caso di Cuneo, Celid, Torino 2002.

Alberto Pirni (a cura di), Il centro storico di Acqui Terme. I diversi momenti di una rinascita complessiva, De Ferrari, Genova 2003.

Giuseppe Sergi e Giuseppe Carità (a cura di), Il tempo di san Guido. Vescovo e Signore di Acqui, atti del Convegno di studi Acqui Terme 9-10 settembre 1995, Impressioni Grafiche, Acqui Terme 2003.

Blythe Alice Raviola, Il Monferrato gonzaghesco. Istittuzioni ed élites di un microstato (1536-1708), Leo S. Olschki editore, Firenze 2003.

M. Ascheri, Le città - stato, II Mulino, Bologna 2006.

Carlo Ferraris, Storia del Monferrato. Le origini, il marchesato, il ducato, Grifi, Cairo Montenotte (SV) 2006.

Paolo Chiabrera Castelli, Tavole genealogiche delle famiglie del patriziato acquese, I, Città di Acqui Terme - Assessorato alla cultura, Acqui Terme 2008.

Enrico Lusso e Francesco Panerò, Castelli e borghi nel Piemonte bassomedievale, Edizioni Dell'Orso, Alessandria 2008.

Beatrice del Bo, Uomini e strutture di uno stato feudale. Il marchesato di Monferrato (1418-1483), Led, Milano 2009.

Casa della Porta. Secolo XV. Arte e cucina d'autore, Mannelli, Acqui

Terme.

Guelfo Guelfi Camajani, Cenni storici genealogici della famiglia paieoiogo, Pumo Riccomi Editore, Livorno 1911.

VeraComoli e Enrico Lusso (a cura di), Monferrato: identità di un territorio, Cassa di Risparmio di Alessandria, Alessandria 2005.

Diego Lanzardo e Bruno Taricco (a cura di), Gli ordini mendicanti e la città. I frati predicatori, Centro internazionale di studi sugli insediamenti medievali, Cherasco 2009.

Enrico Lusso, La committenza di Anne d'Alengon. Itinerari culturali ed architettonici in Monferrato al crepuscolo del marchesato paieoiogo, in "Langhe Roero Monferrato. Cultura materiale - Società - Territorio", anno 1, n. 1,2010.

Filippo Norberasco, / commerci savonesi del secolo XV, Tipografia savonese, Savona 1924.

Enrico Bensa, Savona nella storia e nell'arte: scritti offerti a Paolo Bosellì per la R. deputazione sopra gli studi di storia patria, Tip. Artigianelli, Genova 1928.

Carlo Varaldo, La topografia urbana di Savona nel tardo Medioevo, Istituto internazionale di studi liguri, Bordighera 1975.

Bruno Barbero, Savona nel Quattrocento e l'istituzione del Monte di Pietà, Cassa di risparmio di Savona, Savona 1980.

Nello Cerisola, Storia di Savona, Editrice Liguria, 1982.

Silvia Bottaro, Anna Dagnino, Giovanna Rotondi Terminiello (a cura di), Sisto VI e Giulio II, mecenati e promotori di cultura. Atti del convegno internazionale di studi: Savona, 1985, Savona 1989.

Francesco Paolo Fiore, L'architettura italiana. Il Quattrocento, Electa, Milano 1998.

Maria Di Dio e Luce Tondi (a cura di), I francesi e il Palazzo Della Rovere di Savona tra XVIII e XIX secolo. Le nuove conoscenze e i restauri, Sabatelli editore, Genova 2003.

Maurizio Galletti, Palazzo Della Rovere a Savona. Una difficile scelta di restauro, Genova 2003.

Luciano Grossi Bianchi e Ennio Poleggi, Una città portuale del medioevo: Genova nei secoli X-XVI, SAGEP, Genova 1980.

Ennio Poleggi e Paolo Cevini, Genova, Laterza, Roma-Bari 1989.

Ennio Poleggi (a cura di), L'invenzione dei rolli: Genova, città di palazzi, Skira, Milano 2004.

Gianluigi Rapetti, Il Comune di Acqui nel XV secolo sulla base delle fonti inedite, tesi di laurea, Università degli studi di Genova, Facoltà di Lettere e Filosofia, Istituto di Medievistica, rei. Romeo Pavoni, a.a. 1986-1987.

Lorenzo Lavriani, Tavolette da soffitto dipinte nell'Alessandrino: palazzo Marenco e palazzo Inviziati, tesi di laurea, Università degli studi di Torino, Facoltà di Scienze della formazione, Corso di laurea in Materie letterarie, rei. Gianni Sciolte, a.a. 2002-2003.

Laura Sini, Le città sovrapposte: il caso del borgo Pisterna ad Acqui Terme, tesi di laurea, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, rei A. Magnaghi, a.a. 1996-1997.

Gianni Rebora, La Pisterna d'Acqui: porta minore della civitas vetus, in "Aquesana", n.1, Città di Acqui Terme - Assessorati alla Cultura e al Turismo, Acqui Terme 1994.

Gianni Rebora, Miscellanea di scritti sulla Pisterna, in "Aquesana", n.2, Città di Acqui Terme - Assessorati alla Cultura e al Turismo, Acqui Terme 1996.

Angelo Dalerba, La pala Dalla Chiesa nel duomo di Acqui, in "Iter", n. 16, anno IV, Editrice Impressioni Grafiche, Acqui Terme 1998.

Angelo Arata, De sfrata securiter tenenda, in "Aquesana", n. 1,Città di Acqui Terme - Assessorati alla Cultura e al Turismo, Acqui Terme 1994.

ASAI, Notai di Acqui, Antonio Aceto.

ASAI, Famiglie Thea-Porta-Veggi.

AST, Corte, Monferrato provincie, Provincia d'Acqui, città d'Acqui.

AST, Corte, Monferrato feudi, Acqui.

AST, Corte, Monferrato protocolli.

AST, Finanze, Catasti, catasto francese.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)