Politecnico di Torino (logo)

Abà, Martina and Bonomi, Giulia

ECOffee : uno stabilimento Lavazza a impatto zero, nel mondo.

Rel. Roberto Pagani, Helena Coch. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2009

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

L'intento di instaurare un dialogo e un rapporto di cooperazione tra un organo di ricerca e sperimentazione universitaria e la realtà dell'industria del caffè, costituisce un'importante presa di coscienza della crescente necessità che anche il settore produttivo si adegui ai dettami della progettazione bio-climatica ed eco-sostenibile. Il lavoro di tesi qui presentato nasce dalla collaborazione instaurata tra il Politecnico di Torino e la nota azienda torinese di produzione del caffè Lavazza. L'intento di instaurare un dialogo e un rapporto di cooperazione tra un organo di ricerca e sperimentazione universitaria e la realtà dell'industria alimentare, costituisce un'importante presa di coscienza della crescente necessità che anche il settore produttivo si adegui ai dettami della progettazione bio-climatica ed eco-sostenibile. Per quanto normative e regolamenti a livello nazionale e internazionale abbiano già fornito guide e restrizioni per l'edificazione in ambito residenziale e pubblico, con lo scopo di ridurre l'impatto ambientale dei fabbricati realizzati, nel settore industriale il percorso da compiere sembra ancora lungo, a causa della difficoltà di gestione del rapporto tra produttività e eco-sostenibilità. Come si può immaginare, l'impatto di un complesso industriale sul microclima locale è infatti molto elevato e riguarda differenti aspetti quali suolo, aria, acqua, fonti energetiche di varia natura. Tra gli effetti dannosi più rilevanti si hanno quelli relativi al surriscaldamento dell'aria circostante il che causa un incremento dell'isola di calore cittadino, e oltre a ciò la produzione di rumore molesto che può compromettere il comfort dei lavoratori stessi e degli abitanti del circondario. Per ovviare a queste problematiche è necessario intervenire direttamente sulle dinamiche del processo produttivo, anche se ciò non è sufficiente. Per quanto si adottino macchi-nari ad alta efficienza è sottinteso che non si possano inibire totalmente le emissioni e i consumi legati al semplice funzionamento di tali impianti. E' necessario quindi adottare un approccio globale che consista nell'applicazione di strategie e principi bio-climatici ed eco-sostenibili, a partire dalla pianificazione del sito, per giungere al dettaglio degli impianti interni. Il nostro lavoro è stato proprio finalizzato a individuare quali siano i suggerimenti e le prescrizioni progettuali applicabili per rag­giungere lo scopo prefissato. Il pretesto per riferire la ricerca teorica e successiva applicazione progettuale in paesi dal clima caldo-tropicale, ci è stato fornito da Lavazza stessa: visto il progressivo affermarsi dell'azienda sul mercato internazionale, infatti, è stata pianificata la progettazione di una serie di nuovi stabilimenti collocati in paesi dove viene normalmente coltivato il caffè, per permettere una prima lavorazione in loco. In particolar modo, le località scelte da Lavazza sono: l'area industriale della città di Chennai, nell'India meridionale e la cittadina brasiliana di Queimados, compresa nella grande conglomerazione urbana di Rio de Janeiro. Trattandosi di una ricerca preliminare e soprattutto teorica, da considerare come supporto alla progettazione, il nostro lavoro non è riferito ad un lotto in particolare, per cui l'ipotesi progettuale presentata come conclusione applicativa, assume una duplice valenza: di modello di massima versatile e applicabile in diverse conformazioni di lotto, ma allo stesso tempo strettamente legato alla specificità climatica delle regioni di riferimento. Il percorso compiuto si è articolato in fasi consequenziali: da una prima indagine sui dati climatici specifici delle due località, ad un successivo studio delle tecnologie applicabili per garantire un minore impatto del complesso sul microclima circostante. Questa prima parte è stata presentata a livello riassuntivo con una tabella in cui sono specificate le relazioni tra obiettivi individua ti, strategie e sistemi da applicare per raggiungere tali scopi. Delle tecnologie evidenziate è stata quindi redatta una schedatura in cui sono indicate: caratteristiche tecniche, motivazioni per cui si possano applicare in paesi con clima caldo-tropicale, vantaggi e svantaggi che si traggono dall'uso di tali sistemi e infine possibili applicazioni.

E' bene sottolineare che sia stato necessario scremare ulteriormente questa ampia classificazione tecnologica, in quanto non tutti i sistemi sono applicabili e utili, nelle diverse parti del mondo.

Per esempio si è visto che in entrambe le località non sia necessario un impianto di riscaldamento, mentre il problema principale è legato all' eccessive umidità e precipitazioni: ciò cambia completamente le prospettive rispetto ai principi progettuali che si è soliti seguire nei nostri climi. In seguito è stato necessario definire i requisiti dimensionali e organizzativi di uno stabilimento Lavazza, in modo da poter procedere con il progetto di massima. L'organizzazione e soprattutto estensione dei diversi ambienti cambia sensibilmente in base al tipo di stabilimento e oltre a ciò in funzione delle dimensioni complessive di questo.

Per la nostra ipotesi è stato preso di riferimento lo stabilimento Lavazza presso Settimo torinese, del quale si sono adottate misure e componenti del processo produttivo, effettuando però una serie di migliorie per rendere il complesso più efficiente.

Relatori: Roberto Pagani, Helena Coch
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GE Geografia
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1651
Capitoli:

01 Introduzione alla tesi

02 Uno stabilimento Lavazza

02.1 L'azienda Lavazza e lo stabilimento di Verres

02.2 II processo produttivo

02.3 I Rifiuti, emissioni di processo, consumi

03 Analisi climatica

3.1Metodologia d' indagine climatica

3.2Chennai India

3.3Queimados Brasile

04 Obiettivi e strategie in direzione dell' eco-sotenibilità

4.1 La metodologia

05 La proposta progettuale

5.1 Conclusioni derivanti dall'analisi climatica

5.2 Sistemi tecnologici per climi caldi

5.3 Requisiti progettuali di uno stabilimento

5.4 Relazione di progetto

06 Elaborati progettuali

07 Bibliografia

08 Allegati

Bibliografia:

- Marzia Edward, EI libro de la energia solar pasiva, Gustavo Gili, México, 1985.

- Rafael Serra Florensa, Arquitectura y climas, Barcelona, México: Gustavo Gili, 1999.

- Rafael Serra Florensa, Clima, lugary arquitectura, CIEMAT, Madrid, 1989.

- Rafael Serra Florensa, Helena Coen Roura, Ramon San Martin, Arquitectura y elcontrol de los elementos, Viladecans, Asociación Cultural Saloni, 1996.

- David Wright, Arquitectura solar naturai: un texto pasivo, Gustavo Gili, México, 1983.

- Victor Olgyay, Arquitectura y clima: ma-nual de diseno bioclimatico para arquitectos y Urbanistas, Barcelona, 2002.

- Victor Olgyay, Design with climate: bio-climatic approach to architectural regio-nalism, Van Nostrand Reinhold, New York, 1992.

- Rafael Serra Florensa, Helena Coch Roura Arquitectura y energia naturai, Barcelona, Edicions UPC, 2001.

- Reyner Banham, La arquitectura del en-torno bien climatizado, Infinito, Buenos Aires, 1975.

- Baruch Givoni, Man, climate and architec-ture, Elsevier, Amsterdam, 1969.

- Konrad Sage, Instalaciones técnicas en edificios, Barcelona, 1971-1974.

- Allan Konya, Diseho en climas càlidos : ma-nualpractìco, H. Blume, Madrid, 1981, Coor-dinado por Geohabitat, Arquitectura solar para climas càlidos, Energfa y Medio Ambiente, Geohabitat, Alicante, 2000.

- Baruch Givoni, Climate considerations in building and urban design, Van Nostrand Reinhold, New York, 1998.

- Richard Hyde, Climate responsive design: a study ofbuildings in moderate and hot humit climates, E & FN Spon, New York, 2000.

- Laura C Zeiher, The Ecology of architectu-re: a complete guide to creating thè environ-mentally conscious building, Whitney Library of Design, New York, 1996.

- Neila Gonzàlez, Francisco Javier, Arquitectura bioclimatìca: en un entorno, Munilla-Le-ria, Madrid, 2004.

- Gonzàlez Gonzàlez, José Antonio, Arquitectura bioclimatica, Colegio Oficial de Arquitectos de Galicia, Vigo, 1997.

- Neila Gonzàlez, Francisco Javier, Estrate-gias bioclimàticas para condiciones de ve-rano, Instituto Juan de Herrera, Escuela de Arquitectura de Madrid, Madrid, 2001.

- Rodriguez Viqueira Luis, Introducción a la arquitectura bioclimàtica, Limusa Noriega Editores, México, 2001.

- Georg Lippsmeier, Tropenbau = building in thè Tropics, Callwey, Munich, 1969.

- Manuà I de diseho de calefacción, ventila-ción y aire acondicionado, McGraw-Hill, Madrid, 1996.

- O. H. Koenisberger, T. G. Ingersoll, Alan Maynew, Viviendas y edificios en zonas cali-das y tropicales, Paraninfo, Madrid, 1977.

- Proceedings of thè lst international confe-rence on passive and low energy cooling for thè built environment, PALENC 2005, M. San-tamouris, Santonini, Greece, 2005.

- Rietschel, H., Tratado de calefaccion ven-tilacion y acondicionamiento de aire, Labor, Barcelona,1965.

- Awbi, H. B, Ventilation of buildings, Spon, London, 2003.

- Ignacio H. de la Mota, El Libro del café, Piràmide, Madrid, 1991.

- Carlos Delgado, El Libro del café, Alianza, Madrid, 1997.

- Mario Grosso, Progettazione ecocompatìbile dell'architettura. Concetti e metodi, strumenti d'analisi e valutazione, esempi applicative: energia, spazi esterni, suolo, materiali, Esselibri, Napoli, 2005.

- U. Sasso, isolanti si isolanti no secondo bioarchitettura, Genesi Gruppo Editoriale, Città della Pieve, Perugia, 2003.

- G. Allen, Repertorio di materiali per la bioedilizia, ANAB, Maggioli, Milano, 2001.

- M. Marocco, Progettazione e costruzione bioclimatica dell'architettura. Criteri per il controllo del comfort ambientale, Edizioni Kappa, Roma, 2000.

- Peter. F. Smith, Architecture in a climate of a change. A guide for sustainable design, Ar-chitectural Press Elsevier, Oxford, 2001.

- U. Winkie, Manuale di bioedilizia, Tipografia del genio civile Roma, 2002.

- S. de Pascalis, Progettazione bioclimatica, Flaccovio, Palermo, 2001.

- C. Benedetti, Manuale di architettura bioclimatica, Maggioli Editore, Rimini, 1994.

- Marco Visconti (a cura di), Edilizia per l'industria, i trasporti e i servizi: impianti industriali, stazioni ferroviarie, metropolitane e per autolinee, parcheggi e autorimesse, centri di accoglienza e civici, Utet, Torino, 2006.

- Kwok, Alison G., Grondzik, Walter T., The Green Studio handbook ; environmental stra-tegiesfor schematìc design / Alison G. Kwok and Walter T. Grondzik, Architectural Press, Amsterdam, 2007.

- Enviroment Park (a cura di), Qualità edilizia energetica ed ambientale degli edifici industriali, linee guida e casi studio, Dossier n°16, Torino, 2007.

- Enviroment Park (a cura di), La gestione ambientale delle aree industriali, traduzione italiana del manuale Unep, Dossier n°4, Torino, 2000.

- Enviroment Park (a cura di), Requisiti per la sostenibilità ambientale degli edifici, Torino, 2000.

- Enviroment Park e Regione Marche (a cura di), Buone pratiche per la gestione ambientale delle aree produttive ecologicamente attrezzate, Dossier n°14, Torino, 2005.

- Energy R&D Programme of thè Commis-sion of thè European Communities, Energy Conservation in Industry - Applications and Techniques, Proceeding of thè contractor's meeting held in Brussels on 10 May, 17 June, 1, 7 and 22 October 1982, edited by H. Ehringer, G. Hoyaux, P.A. Pilavachi, D. Reidei Publishing Company, Dordrecht, Boston, Lancaster, 1982.

- Chris Grench, David Walters (edited by), Future Office, Design, Practìce and Applied Research, Taylon & Francis, Oxford, 2008.

- Gabriele Bollini, Luca Borsari, Valeria Stacchini (a cura di), Insediamenti industriali e so-stenibilità, Linee guida per la realizzazione di Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate, Alinea Editrice, Bologna, 2006.

- Chiara Ronchetta, Marco Trisciuoglio (a cura di), Progettare per il patrimonio industriale, Celid, Torino, 2008.

- Thomas Arnold, Rainer Hascher, Simone Jeska, Birgit Klauck, Office building : a design manual, Birkhàuser, Basel 2002.

- Cristina Benedetti, Progetto ambiente, Edizioni Kappa, Roma 2003.

- Valentina Marino, Progetto Concerto al Piano : il nuovo villaggio integrato con l'ambiente, relatore Prof. Roberto Pagani, Torino, 2008.

- Gianna Raffaella Stefanutto, Valentina Vaglio, Efficienza energetica e qualità ambientale: proposta per la riqualificazione di un edificio industriale, relatore Orio De Paoli, Elena Montacchini, Torino, 2005.

- Martin Sebastiàn, Jaume, Implantación del sistema de analisis de peligros y puntos de control critico (APPCC) en una empresa dedi-cada a la fabricación de cafè en grano y mo-lido, profesora tutora Raventós Santamaria, Mercé, Barcelona, 2002.

- Cortes Martinez, Ramón, Eduard Maluquer i Nogués, Projecte d'installació d'una indùstria de torrada de cafè de 1000 tm/any situada al terme municipal de Sant Just Desvern de 205 kw de potendo contractada, professor ponent Josep Maria Auleda i Amorós, Barcelona, 2002.

- Asensio Jiménez, Jordi, Proyecto de con-strucción de una nave industriai para Ima-cenaje y distribución de café ubicada en Barbera del Vallés, profesor oponente Auleda, Josep Maria, Barcelona, 1997.

- Borrego Garcfa, Imma, Control de calidad de la industria del café, profesor ponente En-ric Bota Prieto, Barcelona, 2001.

- Marta Bustos Romero, Arquitectura bioclimatica de los espacios pùblicos, director tesis Rafael Serra, Universitat Politècnica de Catàlunya7 Bàrcélona~19937

- www.hvacindia.com

- www.nasa.gov

- www.edilportale.com

- www.envipark.com

- www.tutiempo.net

- http://appsl.eere.energy.gov

- http://www.mme.gov.br/mme

- http://www.aneel.gov.br/7idiomaAtuahl

- http://www.conergy.it/desktopdefault. aspx/tabid-762/

- http://squl.org/wiki/Solar_Position_Cal-culator

- ftp://ftp.cpc.ncep.noaa.gOv/fews/S.Asia/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)