Politecnico di Torino (logo)

Fiore, Rosa and Lavaselli, Valentina

Teatro di tradizione nell'Arsenale Militare di Taranto.

Rel. Gentucca Canella, Alessandro Martini. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2009

Abstract:

Cenni sull'evoluzione urbana della città.

La nostra tesi ha come oggetto il progetto di un nuovo teatro nell'Arsenale Militare di Taranto. Gli elementi urbanistici che caratterizzano questa città sono: la città vecchia di fondazione greca, la città ottocentesca, l' area dell'Arsenale Militare Marittimo di fine Ottocento, il porto commerciale Situato sul Mar Grande e l' industria siderurgica ILVA (ex Italsider). L'attuale conformazione della città è il risultato del susseguirsi di una serie di processi di sviluppo urbano. Originariamente città della Magna Grecia, Taranto ha conservato il suo aspetto di penisola fino al 1500, successivamente a questa data la città per motivi strategici di difesa dalle invasioni turche e veneziane, diventa un' isola fortificata. Essa viene separata dalla terra ferma con la costruzione di un fossato, vengono erette mura che circondano la città e viene collegata al resto del territorio tramite due ponti levatoi. Successivamente, nell' Ottocento si avrà la seconda fase di espansione territoriale; la fine della minaccia turca e le condizioni di invivibilità della città vecchia portano Taranto a privarsi delle mura di difesa e ad estendersi verso la terraferma.

Nascono una serie di piani urbanistici, primo dei quali il Piano Conversano, del 1862, che nasce per dare soluzione ai problemi di insalubrità e invivibilità della città vecchia e da vita al borgo ottocentesco. Il Piano prevedeva nuove strade che dovevano essere ariose e rettilinee, isolati rettangolari, il tessuto urbano a disegno ortogonale; le piazze dovevano essere arricchite da fontane e vasche d' acqua, ogni sobborgo dotato di un ampio giardino pubblico cinto da una lunga circonvallazione per le passeggiate in carrozza. L' 8 luglio del 1865, il Piano viene approvato dal Consiglio Comunale e in quell' occasione il sindaco Angelo Farese riassumeva in un' unica frase quelle che erano le condizioni della città a quell' epoca: "era ormai tempo di soddisfare i desideri del paese, che han per principio la morale, la igiene, l'industria e il commercio; come è la strettezza dell'abitato fa stare un'intera famiglia, ed anche due in medesima camera, di dove nasce immoralità, e luridezza micidiale, fa mancare locali per stabilimenti industriali, per magazzini di commercio, e se finora tale posizione ha potuto sopportarsi stringendosi e comprimendosi sempre, si è però giunto a un termine che è impossibile fare altro".

L' Ottocento rappresenta per Taranto un periodo di grande fermento sia in agricoltura che nel settore industriale: una serie di finanziamenti pubblici portano allo sviluppo del settore navale e alla crescita del porto commerciale. Contemporaneamente Taranto viene scelta come sede dell'Arsenale Militare, nuova base militare, e insieme ad essa si decide l' insediamento di un dipartimento marittimo, l'ampliamento del porto commerciale e la sistemazione della ferrovia. Con l'Arsenale si avviano i lavori di costruzione del canale navigabile che e di un ponte girevole inaugurato nel 1887.

La città da adesso in poi sarà divisa in due parti: da un lato il borgo ottocentesco, cioè quella parte di città che va dal canale navigabile e che si estende fino a sud, dall' altro l'Arsenale insediatosi nel Mar Piccolo e racchiuso entro una cinta muraria che lo isola dal resto del territorio. La scelta del Mar Piccolo come sede per l'Arsenale fu strategica, e dovuta alla conformazione del territorio adatto alla difesa militare. L' 8 giugno 1886 oltre all'Arsenale Militare le amministrazioni decisero di inserire il nuovo porto mercantile sul Mar Grande, costruzione che continuerà fino alla Prima Guerra Mondiale. Con la scadenza del Piano Conversano e dei suoi vincoli, si ha la stesura di un nuovo Piano presentato da Galeone il 30 luglio 1893, e modificato nel 1910; questi piani confermano sostanzialmente le linee di sviluppo del Piano Conversano, Grazie all'Arsenale militare la città è protagonista di una forte crescita economica. Il Colonialismo, il nazionalismo, la guerra, contribuiscono, con un flusso ininterrotto di denaro pubblico, alla crescita dell'Arsenale mettendo da parte le problematiche della città come il continuo incremento della popolazione, in gran parte alimentato dall' immigrazione e la necessità di una profonda ridistribuzione delle attività occupazionali, tutte tenacemente incentrate su di una monocoltura statal-militare. Taranto è oggidì una piazza marittima italiana! (...) E per l'Arsenale e per il militarismo tutto (...) si è fatto, tutto si è sacrificato", scriveva nel 1912 Luigi Ferrajolo.

Con questa frase si mette in evidenza come al centro dell' attenzione dell' amministrazione della città i problemi affrontati con maggiore interesse siano quelli legati alla realizzazione di caserme, impianti militari, Ospedale dipartimentale marittimo, ferrovia militare circum Mar Piccolo, caserma di artiglieria sui suoli Vinci. L'Arsenale se da un lato fa della città un centro industriale di notevoli dimensioni, soprattutto rispetto alle altre realtà del Mezzogiorno, dall' altro conferisce a questo sviluppo industriale ed economico un carattere "artificiale" legato cioè alle vicende politico-militari del paese, senza una vera base economica locale, con poche probabilità di suscitare un tessuto connettivo di medie e piccole industrie, che non fossero legate completamente o in parte alle attività cantieristico-militari.

Le continue richieste della Marina Militare di attrezzarsi con navi di grosse dimensioni erano talmente numerose che fin dai primi anni di attività si ebbe la necessità di affiancare all'Arsenale,

piccole officine meccaniche. Nel 1914 si costituì il Cantiere Navale Tosi, localizzatosi a Taranto con il preciso compito di provvedere alla costruzione di naviglio militare, mentre l'Arsenale si andava specializzando nella manutenzione e riparazione delle unità della flotta, pur continuando nell' attività costruttiva.

Anche l'insediamento dei cantieri, a sua volta nasceva sulla base di un accordo tra la Società Tosi e le autorità militari.

La città continuava la sua crescita urbanistica, e a seguito della Prima Guerra Mondiale, Giulio Tian urbanista ben noto a livello nazionale e all'apice della sua carriera, è chiamato a redigere un nuovo Piano regolatore di ampliamento della città. Il Piano non sarà mai approvato, ma servirà da punto di riferimento per gli interventi urbanistici che la città avrebbe affrontato nel corso degli anni '20 e '30. Nel 1937 viene presentato a Roma, alla prima mostra nazionale dei Piani Regolatori, un nuovo Piano elaborato dagli architetti Alberto e Giorgio Calza Bini. Essi oppongono alla città esistente un disegno urbano fondato su di una rete viaria a ventaglio che distribuisce quartieri omogenei, diversi per densità abitativa, dotazione di servizi e tipologie edilizie. Il piano Calza-Bini, sarà approvato definitivamente nel 1954.

Uno dei momenti più importanti per la città di Taranto è il 1959, quando la città accoglie l'Italsider, nuova grande industria di base, e lo fa con la stessa determinazione con cui neli"800 aveva accolto l'Arsenale Militare. L'installazione del IV Centro siderurgico dell' ltalsider nella città di Taranto non è casuale. A seguito della Seconda Guerra Mondiale, le richieste da parte della Marina Militare, diminuiscono notevolmente, e l'economia tarantina era piombata in una recessione continua che non dava segni di ripresa. Il passato industriale della città, aveva scaturito un ceto operaio che non era più disposto a tollerare passivamente la recessione economica. La risposta a questo momento di crisi fu quella dell' installazione dell' Italsider (attuale Uva), polo siderurgico che produce lamiere, tubi di grande forma e materia prima grezza.

Il ponte Punta Penna Pizzone, è uno degli ultimi elementi che ha contribuito al ridisegno della città e al miglioramento delle sue comunicazioni. Progettato nel '60 dall'ingegner Giorgio Belloni, fu messo in cantiere nel '74.

Relatori: Gentucca Canella, Alessandro Martini
Soggetti: A Architettura > AF Edifici e attrezzature per il tempo libero, le attività sociali, lo sport
A Architettura > AS Storia dell'Architettura
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1640
Capitoli:

Introduzione

I teatri pugliesi

Le fondazioni lirico-sinfoniche

I teatri in Italia

I teatri e l'acqua

Bibliografia

Tavole progetto

Bibliografia:

Il teatro nei trattati e nei manuali

- P. Napoli Signoreiii, Storia critica dei teatri antichi e moderni, Napoli 1787.

- P. Napoli Signoreiii, Addizioni alla storia dei teatri antichi e moderni, Napoli 1798.

- E.O. Sachs, Modern Opera Houses and Theatres, Batsford, London 1896-98.

- P.E. Arias, C. Roccatelli, S. D'Amico, Teatro, ad vocem, in Enciclopedia Italiana, 36 voli., Roma 1929.

- B. Moretti, Teatri, Hoepli, Milano, 1936.

- D.Donghi, Manuale dell'architetto, Utet, Torino 1925-1935.

- Cassi Ramelli, Edifici per gli spettacoli, teatri, teatri di massa, cinema, auditori, radio e cineteatri, Vallardi, Milano 1948.

- E. Povoledo, voce Teatro, in Enciclopedia dello spettacolo, 10 voli., Roma 1954-68.

- R. Aloi, Architetture per lo spettacolo, Hoepli, Milano 1958.

- M. Baur-Heinhold, Theatre des Barock, Munchen 1966 (ed. it. Teatro barocco, Milano 1971).

- R. Aloi, Teatri e auditori, Hoepli, Milano 1972.

- F. Milizia, Trattato completo formale e materiale del teatro, Venezia 1794; rist. Forni, Bologna 1977.

-F. Barrerà, E. Pizzi, C. Guenzi, E. Tamagno, L'arte di edificare. Manuali in Italia 1750-1950, a cura di C. Guenzi, Milano 1981.

- C. Barucci, Strumenti e cultura del progetto. Manualistica e letteratura tecnica in Italia 1860-1920, Roma 1984.

- G. Wickhem, Storia del Teatro, Bologna 1988.

- Manuale di progettazione edilizia : fondamenti, strumenti, norme, volume 1** pp. 1046-1065, Hoepli, Milano 1992.

- G. Izenour, Theater technology, New Haven; London : Yale University Press, copyr. 1996.

- P. Corderà, L'editoria ottocentesca sull'architettura, in G. Ricci, G. D'Amia (a cura di), La cultura architettonica nell'età della restaurazione, atti del convegno, Milano 2002, pp. 335-343.

- G. Zucconi (a cura di), Daniele Donghi. Ingegnere polivalente e architetto del manuale, atti del convegno, Venezia > 2005.

- L. Zevi, Il nuovissimo manuale dell'architetto, sezione b3, Mancosu, Roma 2005.

L'architettura del teatro- testi generali

- A. D'Ancona, Le origini del teatro italiano, Torino, 1891.

-A. Nicoli, The Development of thè Theater, London-Bombay-Sidney 1927 (ed. it.: Lo spazio scenico. Storia dell'arte teatrale, Bulzoni, Roma 1972). -A cura di M. Silvera, Architettura e teatro, in "Sipario", n.242,1966.

- G. Ricci, Teatri d'Italia dalla Magna Grecia all'Ottocento, Bramante, Milano 1971.

- A. Pinelli, I teatri. Lo spazio dello spettacolo nel teatro umanistico al teatro dell'Opera, Sansoni, Firenze 1973.

- M. Tafuri, Teatri e scenografie, Milano 1976.

- G. Salvaglini, Il luogo teatrale, Granducato, Firenze 1984.

- M. Foryth, Edifici per la musica. L'architetto, il musicista, il pubblico dal Seicento a oggi Zanichelli, Bologna 1987.

- R. Alonge, Teatro e spettacolo nel secondo Ottocento, Bari 1988.

- M. Pisani, I luoghi dello spettacolo, Officina, Roma 1989.

- Guido Canella, Teatri e pseudoteatri, in <Zodiac>, n. 2, 1989, 2°semestre, pp.70-93.

- D. Rabreau, II teatro monumento: un secolo dì tipologia "alla francese". 1750-1850, in <Zodiac>, n. 2, 1989, 2°semestre, pp.44-69.

- G. Banu, Le rouge et or, Flammarion, Paris 1989; trad.it. Il rosso e oro. Una poetica della sala all'italiana, Rizzoli, Milano 1990.

- J. Vermeil, Opéras d'Europe, Editions Piume, Paris, 1990.

- F. Cruciani, Lo spazio del Teatro; con tracce grafiche di Luca Ruzza, Laterza, Bari-Roma 1992.

- F. Sforza, Grandi teatri italiani, Editalia, Roma 1993.

- O. Guaita, I teatri storici in Italia, collana Guide stoiche, Electa, Milano 1994, pp.73-92.

-A. Mazzamuto, I templi della lirica e la «sala del popolo», in Teatri tra 800 e 900, Palermo 2000. -A. Kaldor, I teatri dell'opera: capolavori nell'architettura, Idea Books, Milano 2002.

- S. Sinisi, I. Innamorati, Storia del teatro. Lo spazio scenico dai Greci alle avanguardie, Milano 2003.

- P. Fiorentini, G. Nannerini, Teatri e auditori, pp. 1-26, Edilstampa, Roma 2004.

- T. Di Roma, Il teatro e i rituali della città borghese, in A. Restucci (a cura di), Storia dell'architettura italiana. L'Ottocento, Tomo II, Electa, Milano 2005, pp. 500-519.

- M. Narpozzi, Teatri, architetture 1980-2005, Motta, Milano 2006.

Teatri in Italia

- G. Piermarini, Architettura del teatro della Scala in Milano, 1794.

- G. Canella, Il sistema teatrale a Milano, Dedalo, Bari 1966, pp. 9-17.

- D. Manzella, E. Pozzi, I Teatri di Milano, Mursia e C, Milano 1971, pp. 113-116.

- L. Patetta (a cura di ), L'idea della magnificenza civile. Architettura a Milano 1770-1848, Electa, Milano 1978. - AA.VV. Piermarìni e il suo tempo, Electa, Milano 1988.

- C. Ricci, I Bibiena : architetti teatrali, Alfieri e Lacroix, Milano 1915

- D. Galligani, I Bibiena : una famiglia in scena : da Bologna all'Europa, Alinea, Firenze 2002

- G. Piermarini, Giuseppe Piermarini : i disegni di Foligno. Il volto piennariniano della Scala : [Foligno, Palazzo Trinci, aprile 1998], Electa, Milano 1998

-A. Giannetti, Antonio Niccolini : architetto e scenografo alla Corte di Napoli (1807-1850), Electa, Napoli 1997

- M. Piacentini, Marcello Piacentini : Roma, Gangemi, Roma 1996

- M. Lupano, Marcello Piacentini, Laterza, Roma 1991

- Soprintendenza per i Beni ambientali architettonici artistici e storici per le province di Caserta e Benevento, Il teatro di corte di Caserta : storia e restauro, Electa, Napoli 1995

- G. Chierici, La reggia di Caserta, Istituto poligrafico, Roma 1984

-A. Dugulin, Disegni perii Teatro comunale di Trieste, Laguna, Monfalcone 1988

- F. Dal Co, "Milano. Siza al castello sforzesco; Botta alla Scala: problemi analoghi, soluzioni diverse, in "Casabella", 703, settembre 2002, p.6.

- Progetto Bicocca : il teatro degli Arcimboldi, Skira, Milano 2004. -A. Coppa , Vittorio Gregotti, : Motta, Milano 2008

- G. Morpurgo , Gregotti Associati : 1953-2003, Rizzoli, Milano 2004

- M. Botta, Elisabetta Fabbri, Franco Malgrande, Il Teatro alla Scala: restauro e ristrutturazione, Skira, Milano 2005.

- C. Mollino, Marcello Zavelani Rossi et al., Il nuovo Teatro regio di Torino, in < Atti e Rassegna Tecnica della Società Ingegneri e Architetti in Torino >, 1973, n. 9-10, Settembre-Ottobre 1973.

-A. Bellini, Benedetto Alfieri, Electa, Milano 1978.

- C. Parvopassu, Torino, il Teatro Regio, Lindau, Torino, 1993

-A. Basso, II nuovo Teatro regio a Torino, Cassa di Risparmio, Torino 1991

-A. Basso, L' arcano incanto : il Teatro Regio di Torino, 1740-1990, Electa, Milano 1991

- S. Pace (a cura di), Carlo Mollino architetto, 1905-1973 : costruire le modernità, Electa, Milano 2006

- Carlo Mollino architetto: costruire la modernità, a cura di A. Astolfi, L. Bruno, M. Comba, P. Napoli, C. Olmo, Il fantasma del regio, Torino 2007.

- M. Brusatin, G. Pavanello, Il Teatro La Fenice. I progetti - l'architettura - le decorazioni, Albrizzi, Venezia 1987.

- M. I. Biggi, II concorso per la Fenice 1789-1790, Marsilio, Venezia 1997

- L. Ciacci, La Fenice ricostruita 1996-2003 : un cantiere in città, Marsilio, Venezia 2003

-A.M. Fundarò, II concorso per il Teatro Massimo di Palermo. Storia e progettazione, Palermo 1974.

- G. Pirrone, Il Teatro Massimo di G.B. Basile a Palermo, 1867-97, Roma 1984.

- L. Maniscalco Basile, Storia del Teatro Massimo di Palermo, Firenze 1984.

- L. Gallo, Il Politeama di Palermo e l'Architettura policroma dell'Ottocento, L'Epos, Palermo 1997.

- B. Croce, I teatri di Napoli, Bari 1916.

- F. Mancini, Il Teatro di San Carlo, 1737-1987, Electa, Napoli 1987.( I Volume).

- P.L. Cipparelli, Due secoli di teatri in Campania (1694-1896), Napoli 1999.

- F. Lucchini, L'auditorium e i teatri per Roma 1789-1953, Officina, Roma 1987.

- F. Bevilacqua, I teatri di Roma : (1980-2004), Gangemi, Roma 2004.

- P.M. Paoletti, Le prime tempestose del Regio di Parma in "Storia illustrata" gennaio 1966, pp.83-93.

- F.Farneti, S. Van Riel, L'architettura teatrale in Romagna, 1757-1857, Firenze 1975.

- S. Bondoni (a cura di), Teatri storici in Emilia Romagna, Bologna 1982.

- R. Verti, Il Teatro Comunale di Bologna, Electa, Milano 1998.

- E. De Negri, Cario Barabino : Ottocento e rinnovamento urbano, Sagep, Genova 1977

- E. Molinari, Teatro Cario Felice di Genova, 1959

-I. M. Botto, Il Teatro Cario Felice di Genova, storia e progetti, Genova, Sagep,1986.

- I.Gardella, Il Cario Felice nella mia vita, in <Zodiac>, n.4, Milano, luglio 1990, p.40. -A. Rossi, II teatro felice, in <Zodiac>, n.4, Milano luglio 1990, p.41.

- V.Savi, II teatro Cario Felice, in <Domus>, n.719, settembre 1990, pp.40-48.

-I. Gardella, Aldo Rossi, Nuovo Teatro Cario Felice, Genova, in <Domus>, n. 719, pp.8-24, settembre 1990. -I. Roberto, Il Cario Felice: due volti dì un teatro, Genova, Sagep, 1991. -A. Ferlenga, Aldo Rossi : opera completa, Electa, Milano 1996, pp.224-234.

- G. Celant (a cura di), Aldo Rossi : disegni, Skira, Milano 2008 -A. Ferlenga, Aldo Rossi : tutte le opere, Electa, Milano 1999

-A. Ferlenga , Aldo Rossi : opera completa 1959-1987, Electa, Milano 1996 -A. Ferlenga , Aldo Rossi : opera completa 1993-1996 , Electa, Milano 1996

- C.Conforti, Cario Aymonino, Officina, Roma 1980, pp.41-46.

- C. Aymonino, Progetto per il teatro coperto e scoperto di Avellino, in <Zodiac>, n.4, 1990.

- E. Bordogna (a cura dij, Cario Aymonino, Composizione, progettazione, costruzione, Laterza, Roma ; Bari 1999

- E. Pitzalis (a cura di) Carlo Aymonino : disegni, 1972-1997, Motta, Milano 2000

- P. Eisenman, Carlo Aymonino, Academy, London 1996

-AA.VV. Giuseppe Samonà 1923-1975. Cinquanta anni di architetture, Roma 1975.

- G. Samonà, G. Samonà e il teatro dì Sciacca: 25 disegni per un' architettura, Nuova Presenza, Palermo 1982, pp. 5-6.

- G.e A.Samonà, Il teatro a doppia sala di Sciacca in:<Casabella> n. 480, maggio 1982, pp.48-61.

- P.C.Santini, Tre progetti per il teatro di Vicenza, in <Ottagono>, n.15, 1969.

-I. Gardella, Una forma primaria - Progetto perla realizzazione del Teatro Verdi a Vicenza, 1969-1980, in <Lotus international>, n. 25, pp. 97-103.

- G. C. Argan, Il teatro di Gardella - Un progetto monumentale per Vicenza, in <Lotus lnternational>,1979 , n. 25, pp. 95-96.

-AA.VV. Ignazio Gardella, Marsilio, Venezia, 1992, pp. 194-199.

- M. Casamonti, Ignazio Gardella architetto, 1905-1999: costruire le modernità, Electa, Milano 2006, pp.218-254.

- G. Gori, II teatro Verdi di Trieste : 1801-2001, Marsilio, Venezia 2001. -AA.W. Architettura teatrale delle Marche, Castelferretti 1983.

- P. Bernitsa, Paolo Portoghesi, Skira, Milano 2006

- P. Portoghesi, Paolo Portoghesi : opere e progetti, Electa, Milano 1996

Teatri pugliesi

-A. Niccolini, Memorie del teatro di Bari, M.s.,1836.

- L'apertura del Piccinni, in <Corriere delle Puglie>, n.127, 8 maggio 1914.

- D.Scoppetta, I teatri nel secolo scorso. Come fu costruito il Piccinni, in <Corriere delle Puglie>, n.340, 8 dicembre 1914.

- S. La Sorsa, Teatri baresi antenati del Petruzzelli, in <Giornale d'Italia:*, 11 febbraio 1953.

- P.Marino, (a cura di), Bari.Teatro Comunale Piccinni, Bari 1964.

- A. Caracozzi, Luigi Oberty e la diffusione del Neoclassicismo nell'Italia meridionale , Edipuglìa, Bari 1999

- M.Simone, II teatro a Foggia, in «Quaderni musicali, nn.1, 2-3, 4-6,1-2, 1957-58.

- M. Giorgini e V. Tocchi (a cura di), Cesare Bazzani : un accademico d'Italia, Electa, Perugia 1988

- A.Giovìne, L'Opera in musica nel teatro di Bari, Bari 1969. -A.Giovine, II teatro Piccinni di Bari, Bari,1970.

- A.Giovine (a cura di), Civiltà musicale pugliese e teatri di Bari, Bari 1971.

- A.Giovine, Il teatro Petruzzelli di Bari, Stagioni liriche dal 1903 al 1969, Bari 1971.

- F. Picca, Bari «capitale» a teatro. Il politeama Petnjzzelli 1877-1914, Edipuglia, Bari 1987.

- A.Armenise, R.Peragine, Seminario Stnjtture Teatrali fra '800 e '900 nelle province di Bari e Foggia. Il teatro a Trani, Tesi di diploma, Accademia BB.AA. di Bari 1978-79.

- M.Civita, Il teatro di Barletta e il suo restauro, Bari (in appendice Il teatro Garibaldi di Lucera) 1979.

-A.Giovine, Angelo Messeni, uno dei tre artefici del Teatro Petruzzelli, in <La Voce della Regione>, Bari 13 marzo, 1979

- V.A. Melchiorre (a cura di), Il Teatro Petruzzelli di Bari, Bari 1981.

- L. Zingarelli, V.A. Melchiorre, Il Teatro Piccinni di Bari, Bari 1983.

- Il Teatro Piccinni compie 130 anni, in <La Gazzetta del Mezzogiorno>, 4 dicembre 1984.

- P.Moliserni, V.Attolini, E.Persichella, Vissi d'Arte. Gli 80 anni del Petruzzelli: il mito e le vicende, Bari 1983.

- L. Sada, II primo teatro di Bari. Un vecchio argomento da archiviare e l'esigenza di una storia, in <Puglia-tradizione>, a.l, Igiugno 1983.

- V. Nuzzolese, (a cura di), Le strutture per lo spettacolo in Puglia. Indagine sul patrimonio esistente, Regione Puglia-Agis, Bari 1985.

- G. Petroni, Del gran teatro di Bari inaugurato il giorno 4 di ottobre 1854, Bari 1854.

- G. Petroni, Del teatro Piccinni, in <Barinon> numero unico, Bari 1981.

- G. Canevazzi, Il teatro Paisiello di Lecce e un decennio di cronistoria teatrale, Lecce 1898.

- M. Schiralli, Tranì, sarà ricostruito il teatro comunale, in <La Gazzetta del Mezzogiorno>, 5 maggio1982.

- T. Pellegrini, I cento anni del Politeama <Greco> di Lecce, in <La Gazzetta del Mezzoggiorno> del'8, 10, 12 febbraio, 1984.

- D. Di Bari, Urbanistica dell'800 in Puglia, Bari 1984.

- L. Specchio, Strutture teatrali dell'800 in Puglia (province di Bari e Foggia) a cura della Regione Puglia e dell'Accademia delle Belle Arti di Bari, Bari 1897.

- A.R. Trianni, II teatro Paisiello, Lecce 1988.

- G. Canella, Un teatro di tradizione per Taranto, in <Zodiac>, 1989, 2°semestre, n. 2, pp.136-153.

- M. Cristallo, Teatri di Puglia, Mario Adda, Bari 1993.

Teatri nel mondo

- E.Kaufmann, Tre architetti rivoluzionari. Boullèe, Ledoux, Lequeu, Franco Angeli, Milano 1984.

- J.Posener, La ricostruzione del teatro a Beriino da Gilly a Poelzig, in <Zodiac>, n.2, 1989. -A. Onken, Friedrich Gilly, Berlino 1935.

-A. Rietdorf, Friedrich Gilly, Berlino 1940.

-A.R. Burrelli, Le metamorfosi dì un tipo architettonico: il teatro di Gilly, Schinkel e Semper in AA.W. (a cura di A.R. Burelli), le Epifanie di Proteo, Rebellato, Venezia 1983.

-AA.VV. 1781-1841, Shinkel l'architetto del principe, Albrizzi Cluva, Venezia 1982.

-AA.VV. Friedrich Gilly 1772-1800, Arenhovel, Berlino 1984.

- S. Villari, J.N.LDurand (1760-1834): arte e scienza dell'architettura, Officine Edizioni, Roma 1987.

- H.C. Punndt, Shinkel's Bertin, Harvard University Press, Cambridge 1972.

- G.P. Semino (a cura di), Shinkel, Zanichelli, Bologna 1993.

- W.Szambien, Shinkel, Hazan, Parigi 1989.

- P.O.Rave, Kart Friedrich Schinkel, Electa, Milano 1989.

- R. Wagner, Il feafro de; festival scenici di Bayreuth in: l'ideale di Bayreuth, Bompiani, Milano 1940. -T.Heuss, Hans Poelzig 1869-1936, Electa, Milano 1991.

- 0. Schlemmer, L. Moholy-Nagy, F. Molnar, Il teatro del Bauhaus, Einaudi, Torino 1975.

- E. Mariani Travi, II teatro di Bayreuth, Grafo, Brescia 1986.

- A. Segond, L'Opera de Marseille 1787-1987. Photographies d'Eric Arrouas. Marseille, Éditions Jeanne Laffitte, 1987.

- V. Gregotti, II grande teatro del Centro Culturale di Belém, in <Casabella>, marzo 1994, n.610, pp. 2-11.

- A. Siza, Un altro italiano in Portogallo, in < Domus>, maggio 1992, n.738, pp. 27-37.

- M. A. Arnaboldi, II progetto si riflette/The Project Reflects, in <L'Arca>, n.78, pagg. 2-3, gennaio 1994. -M. Narpozzi, Teatri, architetture 1980-2005, Motta, Milano 2006. pp.204-211.

- P. Nicolin, Tessuto e monumento: due interpretazioni al concorso per il centro culturale di Belem a Lisbona, in < Lotus intemational>,1989,n.61, p.24-41.

- P. Fiorentini, Herman Hertzberger: teatro Markant a Uden e altri progetti di teatri, in "L'industria delle costruzioni", giugno 1996, n.332.

- M. Narpozzi, teatro a Martigues, in <Casabella>,n. 635,giugno 1996, pp.12-17.

- A. Germano (a cura di), Bolles + Wilson : opere e progetti, Electa, Milano 2004, pp. 108-121. -I. de Sola- Morales, Lluis Dilmé, Xavier Fabré, Gran Teatro del Liceu. Progetto di riforma e ampliamento, Consorci del gran teatre del Liceu, Barcellona1995.

- J. Utzon, Jorn Utzon : Sydney Opera House, A.D.A, Edita, Tokyo 1980.

- J. Utzon, Utzon Jorn, [1918-2008.], in < Zodiac>, n.16, Settembre 1996 - Febbraio 1997, pp.190-193.

- F. Fromonot, Jorn Utzon : architetto della Sydney Opera House , Electa, Milano 1998.

- F. Dal Co, Jorn Utzon, in <Casabella>,n.654, Marzo 1998, p.3.

- J. Utzon: Utzon House, Hellebaek, Denmark, 1952-57, in <GA houses>, 2008 Jan., n.101, p.260-262.

- National Theatre, Beijing: Paul Andreu, in <Arca>, n.241, Novembre 2008, pp.12-19.

- New Royal Theatre in Copenhagen, in <Detail>, 2008 Nov.- Dee, p. 1098-1105.

- The magica! house, AF/BYAllan De Wall, in <Arkitektur DK>, n.3, marzo 2008, pp. 2- 77.

- The Opera, Copenhagen, Architect: Henning Larsens Tegnestue, in <Arkitektur DK>, n.3, marzo 2005, pp. 124-191.

- Oslo Operahouse: Snohetta, in <Arca>, n.239, Settembre 2008, pp.32-39.

- New Opera House - Oslo, Norway, Snehetta, in <The Plan>, n.29, ottobre2008, pp.64-78.

- I. Rechia, 3XNielsen: Muziekgebouw-BIMhuis di Amsterdam, in < Metamorfosi, n.68-69, Dicembre-Settembre 2008, pp.44-47.

- P. Andreu , Paul Andreu : the discovery of universal space, l'Arca, Milano 1997

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)