Politecnico di Torino (logo)

Di Maria, Marco Antonio

ARCHITETTURA SANITARIA : la progettazione quale risorsa di equità sociale.

Rel. Daniele Regis. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2008

Abstract:

PREFAZIONE

Il concetto di "accessibilità", inteso come caratteristica qualitativa che consente la piena ed agevole fruizione degli spazi costruiti e delle relative attrezzature per una "utenza allargata", ricomprende anche quello di sicurezza e di comfort. Infatti, fin dal 1989 con l'emanazione del D.M. 236/89, sulle "prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità" negli spazi e negli edifici, si legge all'art. 2 la seguente definizione.

"Per 'barriere architettoniche' si intendono:

- gli ostacoli fisici che sono fonte di disagio per la mobilità di chiunque ed in particolare di coloro che, per qualsiasi causa, hanno una capacità motoria ridotta o impedita in forma permanente o temporanea;

- gli ostacoli che limitano o impediscono a chiunque la comoda e sicura utilizzazione di parti, attrezzature o componenti;

- la mancanza di accorgimenti e segnalazioni che permettono l'orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo per chiunque e in particolare per i non vedenti, per gli ipovedenti e per i sordi".

L'accessibilità si configura quindi come una "disciplina universale" con obiettivi di vasta portata umana, sociale ed economica, che, pertanto, vanno perseguiti con gradualità e con costanza, a tutti i livelli, con ogni mezzo. Questo è possibile solo se la generalità dell'opinione pubblica si convince della necessità di raggiungere determinati standard . di godibilità generalizzata che tendono ad elevare per tutti la qualità dello spazio costruito, territoriale ed edilizio, per renderlo più adatto alle esigenze reali dei cittadini, compresi coloro che sono svantaggiati per una ridotta capacità motoria o sensoriale. La finalità da perseguire è, dunque, quella di potenziare al massimo l'autonomia di ciascuno, in qualsiasi condizione psico-fisica si trovi, in modo temporaneo o permanente, consentendo una fruizione agevole e generalizzata di tutto l'habitat in cui si volge l'esistenza quotidiana dell' uomo.

Infatti si tratta di una nuova maniera di pensare la progettazione e la gestione e la gestione di ambienti urbani, edifici e di prodotti industriali immaginando per gli stessi caratteristiche e prestazioni che ne consentano una fruizione agevole, sicura ed allargata al maggiore numero possibile di persone.

Questo deve avvenire in modo semplice e naturale, senza la necessità di particolari adattamenti o progettazioni "specializzate".

Lo scopo è quello di semplificare la vita di ciascuno attraverso la costruzione di spazi e di prodotti, utilizzabili da persone con caratteristiche ed esigenze anche molto differenziate, di qualunque età, condizione e con diverse abilità, ad un costo uguale o lievemente superiore ma è anche quello di ampliare i benefici, conseguenti ad una completa e agevole fruizione di tutti gli spazi e gli edifici, alla generalità dei cittadini.

Questo perché si e frequentemente constato che ambienti ed attrezzature pensate solo per un'utenza disabile comportano, comunque, un conseguente atteggiamento negativo, se non di rifiuto, da parte della popolazione. Occorre sempre tenere presente che le persone disabili

devono essere considerate come "una parte del mondo" e non come un "mondo a parte". Chi decide e intraprende interventi urbanistici e architettonici deve perciò considerare anche gli aspetti psicologici. Le persone che hanno limitazioni nella mobilità devono poter disporre, agevolmente, di tutto lo spazio fisico, urbano ed edilizio con il minima di angosce, di mortificazioni, di frustrazioni.

Per questi motivi, è necessario poter disporre di luoghi e attrezzature configurati in modo da poter essere utilizzati "normalmente" da una ampia fascia di persone ed è proprio questo concetto uno degli elementi forti

Dell' Universal Design. Quello che si chiede ai costruttori è di progettare i loro prodotti (quartieri,alloggi,arredi, etc.) tenendo conto di tutte le necessità possibili. L' aspetto determinante di questo modo di pensare è che ne trarrebbero vantaggio non solo le cosiddette persone disabili, ma gran parte della popolazione, inclusi gli stessi produttori.

Relatori: Daniele Regis
Soggetti: A Architettura > AG Edifici e attrezzature per la sanità e l'assistenza
A Architettura > AO Progettazione
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1584
Capitoli:

INDICE

Prefazione

Introduzione

1. Brevi cenni sulla storia della medicina e della Sanità in Italia

1.1. La medicina ai primordi

1.2. Ippocrate: la medicina diventa scienza autonoma

1.3. Alle origini del mondo moderno: la medicina medioevale

1.4. La "reformatione ospedaliera" del Quattrocento

1.5. La scienza medica dei Cinquecento

1.6. Prima della rivoluzione politica: gli acquisti del Settecento

1.7. Dagli Stati preunitari all'Italia unita: l'Ottocento

1.8. Tra pace e guerre: la prima metà del Novecento

1.9. Nell'Italia repubblicana: la seconda metà del Novecento

1.10. Verso e oltre il Duemila: nello scorcio del secolo

2. Note sull'andamento demografico in Italia e nel mondo

2.1. Invecchiamento della popolazione mondiale

2.2. Invecchiamento della popolazione italiana

2.3. Aspetti sociali

3. Breve cenno al repertorio internazionale del Novecento dalle

rivisite lSl-IJKE delle strutture sanitarie e ospedaliere

3.1. Periodo storico: tra le due guerre

3.2. Periodo storico: anni 1939 - 1945

3.3. Periodo storico: post bellico e ricostruzione (1945 - 1960)

3.4. Periodo storico: anni 1960 - 1970

3.5. Periodo storico: anni 1970 - 1980

3.6. Periodo storico: anni 1980 - 1990

3.7. Periodo storico: anni 1990 - 2000

3.8. Periodo storico: anni 2000 - 2008

4. La progettazione quale risorsa di equità sociale

4.1. Co-housing (Co-residenze)

4.1.1. Italia

4.1.1.1. Progetto integrato "Hygeia" a Bologna

4.1.1.2. Abitazioni per anziani nel centro storico di Pavia

4.1.1.3. Alloggi per anziani nel centro storico di Genova: il Borgo di Pre

4.1.1.4. Alloggio prototipo di Vico del Duca in Genova

4.1.1.5. Edilizia sociale per anziani a Prà (Genova)

4.1.1.6.11 Contratto di Quartiere di Pinerolo, Foro Boario

4.1.1.7.48 alloggi a Beinasco-Borgaretto (Torino)

4.1.1.8.35 alloggi integrati a Borgaro (Torino)

4.1.1.9. Alloggi in via Matteotti a Castenedolo (Brescia)

4.1.1.10. Alloggi in via Arici a Brescia

4.1.1.11. II recupero di un edificio pubblico a Finale Ligure

4.1.1.12. II recupero di Corte San Pietro a Zibido San Giacomo (Milano).

4.1.1.13. II progetto di co-residenza ad Aldeno

4.1.2. Germania

4.1.2.1. L'insediamento Ortolanweg a Berlino

4.1.3. Irlanda dei Nord

4.1.3.1. Il recupero di Killarney Court a Dublino

4.1.4. Danimarca

4.1.4.1. Abitazioni sociali per anziani a Egely

4.1.5. Olanda

4.1.5. 1.100 Wozoco's a Amsterdam

4.1.6. Svezia

4.1.6.1. Complesso residenziale 'Barkassen' a Stumholmen

4.1.7. Finlandia

4.1.7.1. Il Caritas Village

4.1.8. Sudafrica

4.1.8.1. Esempi di abitazioni sociali

4.1.9. USA

4.1.9.1. Eastern Village, Silver Spring, Maryland

4.1.9.2. Takoma Village Co-housing - Washington DC

4.1.9.3. Swan's Market Piace, Oakland, California

4.1.9.4. Glacier Circle a Davis, California e ElderSpirit ad Abingdon,

Virginia

4.2. Alloggi protetti

4.2.1. Italia

4.2.1.1. Abitazioni per anziani in Piemonte

4.2.1.2. Condominio solidale (Imola)

4.2.1.3. Abitazioni assistite a Fossombrone

4.2.1.4. Casa Bernadetta a Torino

4.2.1.5. Unità abitative protette a Vicenza

4.2.1.6. Il "Giardino dei Semplici" a Bagnacavallo

4.2.1.7. Le abitazioni protette del centro "Luigi Mariutto" a Mirano

4.2.1.8. Abitazioni per anziani a Roma, Pisana Vignaccia

4.2.1.9. Comunità alloggio a Saint Marcel, Valle d'Aosta

4.2.1.10.Minialloggi in Vittorio Veneto (TV)

4.2.1.11.II "Villaggio della speranza" a Borgo Panigale (BO)

4.2.1.12.Il Centro Manerba

4.2.2.Francia

4.2.2.1. Abitazioni assistite a Bourg Achard

4.2.2.2. II Foyer Soleil a Schiltigheim

4.2.2.3. Residenza integrata a Tolosa

4.2.3. Austria

4.2.3.1. Struttura per anziani a lnnsbruek

4.2.3.2.Residenza per anziani a Salisburgo

4.2.4. Rep. Ceca

4.2.4.1. Strutture per anziani a Praga

4.2.5. Germania

4.2.5.1. Betreunghaeser a Dresda

4.2.6. Danimarca

4.2.6.1. Strandcenter a Greve

4.2.6.2. Residenza protetta Vibergarden a Copenaghen

4.2.6.3. Complesso Vera Hus a Vanlose

4.2.7. Olanda

4.2.7.1. Berweg Umanitas a Rotterdam

4.2.7.2. Jan van der Ploeg a Rotterdam

4.2.7.3. Jan Meertens a Rotterdam

4.2.7.4. Hoppesteyn a Rotterdam

4.2.7.5. Casa per anziani a Niejmegen

4.2.8. Svezia

4.2.8.1. Fardknappen a Stoccolma

4.2.9. Norvegia

4.2.10. Finlandia

4.2.10.1. Pappilanlampi

4.2.10.2. Puustelli

4.2.10.3. Koivukaari

4.2.10.4. Abitazione protetta per veterani di guerra di Hdmeenkyrb......

4.2.10.5. Maijala

4.2.10.6. Kivipuisto

4.2.10.7. Tyykihovi

4.2.10.8. Rateva

4.2.10.9. Paavolakoti

4.2.10.10. Wilhelmina

4.2.10.11. Nerola

4.2.10.12. Ku haranta

4.2.10.13. Tervakartano

4.2.10.14. Verkahovi

4.2.11. Giappone

4.2.11.1. Casa unifamiliare per una coppia di anziani a Yokohama

4.2.11.2. Una casa per tutta la famiglia a Tokyo

4.3. Centri per anziani e case di soggiorno

4.3.1. Italia

4.3.1.1. La residenza a Piazza delle Erbe-via di San Donato a Genova

4.3.1.2. Residenze per anziani a Bregnano (Como)

4.3.1.3. Residenza per anziani a Crispiano (Taranto)

4.3.1.4. Residenze per anziani a Poggibonsi

4.3.1.5. Casa di riposo a Villorba

4.3.1.6. Residenza per anziani Villa Biffi a Erba (Como)

4.3.1.7. Residenza per sacerdoti anziani a Piacenza

4.3.1.8. Residenza per anziani a Omegna (Novara)

4.3.1.9. Casa di soggiorno a Casalzuigno

4.3.1.10. Centro integrato Rubini Falck a Vobarno

4.3.1.11. Casa protetta per anziani a Montano Atilia (Salerno)

4.3.1.12. Struttura sanitaria polivalente a Ferrara

4.3.1.13. Centro Servizi Tagliavini-Ferrari a Reggio Emilia

4.3.1.14. Casa di riposo per anziani "Casa Famiglia" a Cuneo

4.3.2. Francia

4.3.2.1. Residenza per anziani a Vitry-Sur-Seine

4.3.2.2. Casa di riposo per anziani a Montréal du Gers

4.3.2.3. Residenza per anziani 'Maison Bianche' a Neully-sur-Marne

4.3.3. Spagna

4.3.3.1. Residenza per anziani ad Alcazar de San Juan

4.3.3.2. Residenza per anziani a Campdevànol

4.3.4. Austria

4.3.4.1. Casa di cura per anziani a Leibnitz

4.3.4.2. Residenza per anziani a St. Pólfen

4.3.5. Slovenia

4.3.5.1. Dom Starejsh Obcanov a Lubiana

4.3.5.2. Varovana Stanovanja a Logatec

4.3.6. Germania

4.3.6.1. Residenza per anziani a Neuenburg

4.3.6.2. Residenza per anziani a Eichstatt

4.3.6.3. Casa di cura per anziani a Beiingries

4.3.7. Inghilterra

4.3.7.1. Residenza per anziani a Cambridge

4.3.8. Danimarca

4.3.8.1. Centro per anziani Rosengarden ad Aarhus

4.3.8.2. Residenza assistita ed abitazioni per anziani a Strandmarkshave

4.3.8.3. Centro per anziani a Hinnerup

4.3.8.4. Centro servizi e abitazioni Sandgardsparken a Kjellerup

4.3.8.5. Centro Municipale 'Greve Center' a Greve, Copenhagen

4.3.9. Olanda

4.3.9.1. Residenze per anziani a Tilburg e Maastricht

4.3.10. Svezia

4.3.10.1. Cenfro anziani a Òstmark

4.3.10.2. Ristrutturazione di Vendelgàrden

4.3.10.3. Complesso residenziale 'Madesjo' a Nybro

4.3.11. Finlandia

4.3.11.1. Residenze per anziani a Kiuruvesi

4.3.12. Giappone

4.3.12.1. Casa di riposo per anziani a Yatusshiro

4.4. Strutture per anziani con fragilità psichiche

4.4.1. Italia

4.4.1.1. Centro diurno e residenza protetta nel cuore di Bologna

4.4.1.2. Casa Alzheimer a Bitonto

4.4.1.3. Il 'CISA' a Mirandola

4.4.1.4.11 Giardino delle Stagioni a Parma

4.4.1.5. 'Corteaperta' a Treviso

4.4.1.6. Progetto 'Arcobaleno' a Quatto Castella (Reggio Emilia)

4.4.1.7. Ampliamento dell'istituto Geriatrico Camillo Golgi a

Abbiategrasso(Milano)

4.4.1.8. La RSA per disabili "Policella" a Caste! D'Azzano (Verona)

4.4.1.9. "Percorsi nel verde" presso il Centro Diurno "Costa Bassa" a

Monza

4.4.1.10. Un Nucleo Alzheimer a Villanova di Fossalta di Portogruaro

4.4.2. Francia

4.4.2.1. Casa di cura a Rostrenen

4.4.2.2. Casa di accoglienza ad Ay

4.4.2.3. Centro di accoglienza per persone disorientate a Creusot

4.4.3. Germania

4.4.3.1. Centro demenze - Casa Gradmann a Stoccarda

4.4.4. Danimarca

4.4.4.1. Alloggi per anziani disorientati Lillevang a Farum

4.4.4.2. Ampliamento della nursing home Rosenvanget a Skaerbaek

4.4.5. Olanda

4.4.5.1. Kloostertuinen a Groenlo

4.4.6. Norvegia

4.4.6.1. Stiftelsen Zion a Trondheim

4.4.7. Irlanda del Nord

4.4.7.1. Complesso delle Sette Querce a Crescent Link

4.4.8. Canada

4.4.8.1.Oak Bay Kiwanis Pavilon, Victoria (British Columbia)

4.4.9. USA

4.4.9.1. Centro Assistenza Alzheimer, Florida

4.4.9.2. Alois Alzheimer Center, Courtyard Garden, Cincinnati (Ohio)

4.4.9.3. Sedgewood Commons, Falmouth (Maine)

4.4.9.4. Creekview, Wisconsin

4.4.9.5. Meadowview Lodge, Illinois

4.4.9.6. Ampliamento di Rosewood Estates, St. Paul, Minneapolis

Conclusioni

Glossario

Bibliografia tematica

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA TEMATICA

Testi ed i documenti citati nella presente bibliografia tematica, in parte consultati, possono essere utilizzati per approfondire gli argomenti trattati.

Parte prima

- A. BIANCHETTI - G. BELLELLI, Esperienze internazionali. Il fenomeno del panorama italiano, in Famiglia Oggi - La malattia di Alzheimer, n.5, maggio 2000, pp. 58-69.

- A. PERNA, Pletora medica e casse mutue malattia, in Le Forze sanitarie, IV, 10, 1935, p. 621

- A.E. MODA - E. VEGNI, La visita medica centrata sul paziente, Raffaello Cortina Editore, Milano, 2000

- C. DE CAPITANI D'HOE, Memoria sull'agricoltura del monte di Brianza, in Annali di Agricoltura del regno d'Italia, VI, 1809-10, p. 177

- C.M. CIPOLLA, Chi ruppe i rastelli a Monte Lupo?, Ed. Il Mulino, Bologna, 1977

- C.S.A.C. e ASSOCIAZIONE IL LABORATORIO (a cura di), Vivere nella residenza per anziani, Ed. Percorsi, Saluzzo, 2006

- E. BRESSAN, L' Hospitale e i poveri, Ed. Ned, Milano,] 1981

- E. FERRARIO - M. MASSAIA - E. NICOLETTI, Interventi riabilitativi ed attivanti, in Atti del congresso di Verona, 21-23 Aprile 1999, pp. 86-88

- F. CAVAZZUTTI - G. CREMONINI, Assistenza geriatrica oggi, Ed. Ambrosiana, Milano, 1998

- F. FABRIS - E. FERRARIO, Il Geriatra e la Malattia di Alzheimer, in Atti del Convegno di Rapallo, p.143

- F. PELLEGRINO, La malattia di Alzheimer. Comunicare la diagnosi, Percorsi Editoriali Roma, Roma, 2001.

- G. COSMACINI, Storia della medicina e della sanità in Italia, Ed. Laterza, Bari, 1987

- G. MORTARA, La salute pubblica in Italia durante e dopo la guerra, Ed. Laterza, Bari, 1925

- G. COSMACINI, La Cà Granda dei milanesi. Storia dell'Ospedale Maggiore, Ed. Laterza, Roma-Bari, 1999.

- Giudizi di medici ed igienisti italiani sull'Ospedale Maggiore di Milano e case pie annesse, Ed. Civelli, Milano,1883, p. 35

- L. DEL PANTA, Le epidemie nella storia demografico italiana (secoli XIV-XIX), Ed. Loescher, Torino, 1980

- L. PICCOLI, Itinerari riabilitativi nelle Demenze, Tesi di Diploma Universitario in Fisioterapia, Università degli Studi di Bari - Facoltà di Medicina e Chirurgia, anno accademico 1999-2000

- M. FURLANETTO, Indagine sulle terapie di Riabilitazione, in Alzheimer Italia, Notiziario della Federazione Alzheimer Italia, n. 7, 1994, pp. 6-7

- M. MOLLAT, I poveri nel Medioevo, traduzione di M.C. De Matteis, M. Sanfilippo, Ed. Laterza, Roma-Bari, 1982

- M.D. GRMEK, La médecin au service de l'hòpital médiéval en Europe occidentale, in History and Philosophy of the Life Sciences, IV, 1, 1983, pp. 25-64

- P. PRETO, Peste e società a Venezia nel 1576, Ed.Neri Pozza, Vicenza, 1982

- Poster, in Giornale di gerontologia, n. 11, Novembre 2000, pp. 875-880. Atti del 45° Congresso Nazionale della società Italiana di Gerontologia e Geriatria, novembre 2000

- R.J. PALMER, La Gran Morìa, in Kos, II, 18, 1985, p. 29

- S.J. REISER, La medicina e il regno della tecnologia, traduzione di P.M. Manacorda, Ed. Feltrinelli, Milano, 1983

- T. METITERI, L'approccio non farmacologico: la forza della riabilitazione, in Famiglia Oggi - La malattia di Alzheimer, maggio 2000, n. 5, pp. 30-35

Parte seconda

- C. MACCHIONE, L'invecchiamento della popolazione: aspetti demografici e socio -assistenziali, in F. FABRIS (EDS), Atlante di geriatria, Ed. Utet, Torino,1986

- CENSIS (a cura di), La mente rubata: bisogni e costi sociali della malattia di Alzheimer, Ed. Franco Angeli, Milano 1999

- E. CAMPION, The oldest old, Ed.N Engl J Med, 1994

- F. FABRIS, Geriatria, Ed. CESI, 2003

- G. BADOU, Le nouveaux vieux, Ed. Belfond, Parigi, 1989

- ISTAT (a cura di), Annuario statistico italiano, Roma, 2007

- ISTAT (a cura di) , Indagine multiscopo sulle famiglie. Anni 1987-1991. La condizione degli anziani, Roma, 1994

- ISTAT (a cura di), Annuari statistici e Repertorio sulla situazione del Paese, Roma,1996

- ISTAT (a cura di), Annuario statistico italiano, Roma, 2000

- ISTAT (a cura di), Annuario statistico italiano, Roma, 2002

- ISTAT (a cura di), Annuario statistico italiano, Roma, 2006

- ISTAT (a cura di), Annuario statistico italiano, Roma, 2008

- ISTAT (a cura di), Servizio Struttura e dinamica Sociale. Condizioni di salute della popolazione e il ricorso ai servizi sanitari - Dati provvisori

- M. TRABUCCHI (a cura di), Medicina Geriatria, un approccio basato sull'evidenza, Ed. CIC, 2005

- M. TRABUCCHI, Invecchiamento della specie e invecchiamento della persona, Ed. Franco Angeli, Milano, 1992

- ONU, Verso un'Europa per tutte le età - Promuovere la prosperità e la solidarietà tra le generazioni, Comunicazione della Commissione, 21 maggio 1999

- P. SPADIN - C.M. VACCARO (a cura di), La vita riposta: i costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer, Ed. FrancoAngeli, Milano, 2007

- Q.C. DINH, Projection de la population totale pour la France métropolitane: Base RP90, Horizons 1990-2050, Démographie Société Paris INSEE, 1995

- R. HITT - Y. YOUNG-XU - M. SILVER - T. PERLS, Centenarians: the older you get, the healthier you have been, Ed. Lancet, 1999

- REGIONE PIEMONTE, Proposta relativa al Nuovo Piano Socio-sanitario, D.G.R. 10 luglio 2000 e n. 1-820 del 18 novembre 2000

- REGIONE PIEMONTE, Relazione sullo stato di salute della popolazione in Piemonte, Anno 1999, Direzione Sanità Pubblica, Settembre 1999

- W.H.O, Statistical Annex, 2000

- WORLD POPULATION PROSPECT, The 2000 Revision Highlights. Population division departement of economic and socia! affairs, United Nations, New York, 28 February 2001

- www.demo.istat.it

- www.inmi.it

- www.intrage.it

- www.istat.it

- www.newwelfare.org

- www.regione.piemonte.it

- vwvw.regione.piemonte.it/stat

- www.sigg.it

Parte terza e quarta

- A.M. GIOVENALE, Il progetto preliminare nell'edilizia ospedaliera, Edizioni Kappa, Milano, 1998

- A. BIANCHETTI, Lo spazio per il demente, in L'arco di Giano, n. 2, 1993, pp. 127-135

- A. CANNARA - C. BRIZIOLI - E. BRIZIOLI, Progettare l'ambiente per l'Alzheimer -

specifiche progettuali per l'ambiente terapeutico, Ed. Franco Angeli, Milano, 2004

- A. COX - P. GROVES, Ospedali e strutture sanitarie, Ed. Dario Flaccovio srl, Palermo, 1995

- A. GOZZETTI - G.B. FRISONI - O. ZANETTI - M. TRABUCCHI, 1 Nuclei di Alzheimer. L'esperienza della Regione Lombardia, in Giornale di gerontologia, Supplemento n. 3 Voi. XLVII, pp. 71-77. Atti dei 440 Congresso Nazionale della società Italiana di Gerontologia e Geriatria, anno 1999

- A. MORINI, Criteri costrutj vi per le RSA, in M. Trabucchi, E. Brizioli, F. Pesaresi (a cura di), Residenze Assistenziali per anziani, Ed. Il Mulino, Milano, 2002

- A. MORINI, Le strutture edilizie per anziani con Alzheimer in Olanda, in AeA informa, n. 5, 2001, pp. 23-30

- A. MORINI, La terzo etàtecnologica'. L'esempio viene dal Nord Europa, in Scienza e Business, n. 5-6, 2001, pp. 36-44

- A. MUTI, DPP. Sanità. Guida per la redazione del documento preliminare alla progettazione, Ed. Kappa, Milano, 2003

- A. RESSA, L'ospedale, Franco Angeli, Milano, 1978

- A. SEGA, Ospedali di oggi e ospedali di domani, Ed. Nistri Lischi, Pisa, 2002

- A.M. GIOVENALE, Qualità degli spazi e prevenzione dello stress. Indirizzi tecnici per la progettazione del Day Hospital, Ed. Alinea Editore srl., Firenze, 2006

- B. TURILLAZI, Il progetto e la realizzazione di - Residenze sanitarie assistenziali - Hospice - Ospedali di comunità, Ed. Maggioli, Rimini, 2007

- B. TURILLAllI, Edilizia Sanitaria Territoriale, Ed. Maggioli, Rimini, 2007

- B.F. MORETTI, Ospedali, Ed. Hoepli, Milano, 1935

- B.F. MORETTI, Ospedali, Ed. Hoepli, Milano, 1951

- C. BEUGINOT, La programmazione della edilizia ospedaliera, Università di Napoli, 1961

- C. BROTO - J.M. MINGUET (a cura di), Nuovi edifici residenziali collettivi, Ed. Instituto Monsa, Barcellona, 2000

- C. CASATI, Ospedali problema tecnico e psicologico, Ed. Hoepli, Milano, 2002

- C. LEONARDO, Ospedali, Ed. Sole 24ore - Pubblicazione tecnica coccinella, Milano, 2008.

- C. PELLETTA, Una casa per i malati di Alzheimer, in Tecnica Ospedaliera, n. 3, marzo 2000, pp. 38-42.

- C. THOMAS - T. ROOSE, Building for Choice, HOPE Network, Inghilterra, pp. 23-25

- CANADA MORTGAGE AND HOUSING CORPORATION, Housing options for people with dementia, 1999

- Case per anziani, Supplemento a Modulo n. 21], 1995

- COMUNE DI MANIAGO (a cura di), Il nucleo Alzheimer come risposta di dignità al malato ed alla sua famiglia, Convegno Giornata mondiale dell'Alzheimer, Venerdì 21 settembre 2001

- D. FONDI, Architettura per la sanità. Forma, funzione, tecnologia, Edizioni Kappa, Milano, 2002

- D. RODELLA, Scuole - Ospedali - Alberghi, Ed. Il Sole 24 Ore Pirola, Milano, 1997

- I. ROSENFIELD, Hospital Architecture and Beyond, Ed. van Nostrand Reynold Company, New York, 1971

- IPOSTUDIO ARCHITETTI ASSOCIATI, Tecnologie, arredi e attrezzature per le Residenze Sanitarie Assistenziali, Maggioli Editore, Rimini, 1995

- J. CHRISTOPHERSEN - K. DENIZOU - K. HOYLAND, Communal areas in assisted living and Nursing homes, Norvegian Building Research Institute Project Report n. 345, Oslo, 2003

- J. CHRISTOPHERSEN - K. DENIZOU - K. HOYLAND, Communal areas in assisted living and Nursing homes, Norvegian Building Research Institute Project Report n. 48, Oslo, 2002

- J. CHRISTOPHERSEN, Abitare nella terza età in Norvegia, versione italiana a cura di A. MORINI, AeA n. 4, luglio-agosto 2002, pp. 50-54

- J. CHRISTOPHERSEN, Dwellings for the elderly; current development in Norway, CIB/TG19 Meeting May 28-29, 1996, Trondheim

- J. CHRISTOPHERSEN, News for the eldest - Design, Layout and Dimensioning of Nursing homes projects, Norvegian Building Research Institute Project Report n. 240, Oslo, 1998

- J. CHRISTOPHERSEN, News for the old. Evaluation of Dwellings with Care and Nursing homes projects, Norvegian Building Research Institute Project Report n. 185, Oslo, 1995

- J. PAULSSON, New concepts and design of housing for the frail elderly, ENHR conference, Helsingor, august 26-31, 1996

- J. ZEISEL, Universal Design to support the brain and its development, in W.F.E. Preiser, E. Ostroff, Universal Design Handbook, Ed. Mc Graw Hill, New York, 2001, pp. 8.1-8.4

- K. HENSLER, Sun Health Residence for Alzheimer's Care, Peoria, Arizona, in Interiors n. 9, v. 156, september 1997, pp. 76 -79

- K. ZAHLE - M. KAHLER, A cotalogue of housing for the elderly, in Arkitektur DK, July, 1999

- K. ZAHLE - M. KAHLER, Hinneruplund Aeldrecenter, in Arkitektur DK, n. 7, 1999, p. 448

- K. ZAHLE - M. KAHLER, Strandcentret, in Arkitektur DK, n. 7, 1999, pp. 434-439

- L. BERG (a cura di), Special care units for persons whit dementia, in JAGS - Journal the American Geriatrics Society, Voi. 39 n. 12, pp. 1229 � 1236

- L. CHIARA - P. VALLA - P. SBALCHIERO - M. ALGISI, Giardino Alzheimer, progetto e ipotesi di ambientazione di componenti di arredo, in Paesaggio Urbano, n. 2, Aprile 1995, pp. 114-116

- L. CHIARA, Lo spazio architettonico per gli anziani affetti da malattia di Alzheimer, in Atti del congresso di Verona, 21-23 Aprile 1999, pp. 70-81

- L. DE COL, La qualità edilizia del progetto. Il caso dell'edilizia ospedaliera: le chiusure verticali, Tesi di Laurea in Architettura Tecnica, Università degli studi di Trieste, anno accademico 1997-1998

- L. JENSEN, Housing for elderly people suffering from dementia, International Conference of Technology and Aging, Toronto, September 12-14, FuII papers, 2001, pp. 66-70

- L. PRESTINENZA PUGLISI, Case perla terza età, Ed. Edil Stampa, Roma, 1992

- L. SCARZELLA - A. COSTANZA, L'ambiente di casa per il paziente con malattia di Alzheimer ed i suoi familiari, Ed. OGM, Milano, 2007

- L.C. BENJAMIN, Environments for the dementing, in Internatinal journal of geriatric psychiatry, vol. n. 5, 1990, pp. 15-24

- L.P. GWYTHER, Visual barriers to prevent ambulatory Alzheimer's patients from exiting through an emergency door, in The Gerontological Society of America, voi. 29 n. 5, 1989, pp. 699-702

- LEGGE 11 marzo 1988 n° 67, Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriènnale dello Stato

- Life in Fast-Forward Riverse (Three 'remembrance gardens'), in Landscape Architecture, n. 85, january 1995, pp. 77-79.

- M. CALKINS, J.A. SANFORD, M.A. PROFFITT, Design for dementia: challenges and lessons for Universo] Design, in W.F.E. Preiser, E. Ostroff, Universal Design Handbook, Ed. Mc Graw Hill, New York, 2001, pp. 22.1-22.24

- M. JONES, A sensitive solution to caring for the mentally impaired, in The Architect's Journal n. 197, 14 Aprii 1993, pp. 18-20

- M. JONES, La gentlecare, in Atti del congresso di Verona, 21-23 Aprile 1999, pp. 82

- M. MORANDOTTI, Metodi e strumenti di progettazione, controllo e gestione di una unità di Day Surgery, Tesi di Dottorato di Ricerca in Ingegneria Ergotecnica Edile, Politecnico di Milano,Xli ciclo

- M. PONTELLO - C. BONAZZI - A. CAIMI, Principi di Igiene, Volume 3: igiene e tecnica ospedaliera, Ed. Sorbona, Milano,1987

- M. POWELL LAWTON - E.M. BRODY - A.R. SAPERSTEIN, A controlled study of Respite Service for caregivers of A zie rner's patients, in The Gerontological Society of America, voi. 29 n. 1, 1989, pp.8-15

- M. PREDAllI, L'esperienza de P' Melo, in Atti del convegno: Alzheimer: società e famiglia, Torino (Museo dell'Automobile, 20-21 Settembre 2000) Alzheimer Piemonte, 2000

- M. SALVADE', Architettura ospedaliera. Ed. Città Studi, Milano, 1991

- M. VIT, I luoghi per i malati dr Afzheimer, Tesi di Laurea in architettura, Politecnico di Torino, anno accademico 2001-2002

- M. DEVALLE - M. DI MARIA - P. SIMONDI, L'abitazione come terapia

dell'Alzheimer, cenni di psicologia architettonica, Ed. Percorsi, Saluzzo, 2005

- M.R. BARONI, Ambiente e invecchiamento: aspetti di dipendenza ambientale e attaccamento ai luoghi, in Sguardi sulla vecchiezza a cura di E. Guidolin,Imprimitur Editrice, Padova, 1999

- M.R. BARONI, Psicologia ambientale, Ed. Il Mulino, Bologna, 1998

- MINISTERO DELLA SANITA' - ISPESL, Linee guida per la definizione degli standard di sicurezza e di igiene ambientale dei reparti operatori, Roma, 1999

- MINISTERO DELLA SANITÀ' - RENZO PIANO, Nuovo modello di ospedale. Meta progetto planimetrico e tridimensionale, Roma, 2001

- MINISTERO DELLA SANITA', Linee guida per la realizzazione del progetto obiettivo 'Tutela della Salute degli anziani"

- N. DIRINDIN - C. GABELLI - G. GATTA (a cura di), Prendersi cura delle persone affette da Malattia di Alzheimer luoghi della cura, in Atti del congresso di Verona, 21-23 Aprile 1999, pp. 94-100

- O. CASO, Abitare assistiti nei Paesi Bassi, in Aea informa, n. 5, 2000, pp. 5-10

- O. CASO, Abitare sotto vetro, non pubblicato, 1995

- O. CASO, The city, the elderly and telematics. Design aspect of telematic applications in a residential neighbourhood, Delft University Press, Delft, 1999

- O. DEMICHELIS - P. PIUMETTI - M. DI MARIA, Psicologia e Alzheimer, Ed. Artistica Piemontese, Savig!iano, 2003

- P. CEREGIOLI, Illuminazione e benessere, in Progettare per la sanità, n. 53, 1999, settembre/ottobre, pp. 58-61

- P. DEHAN, L'habitat des personnes agèes, Ed. Le Moniteur, Paris, 1997, pp. 208-215 e pp, 242-247

- P. FELLI, Ospedale unico Ospedali riuniti della Valdichiavenna, Ed. Alinea, Firenze, 2003.

- P. MELLO, L'ospedale ride finito, Ed. Alinea, Firenze, 2000

- P. NOBILI, Progettare spazi a misura d'anziano, in Giornale .di gerontologia, Supplemento n. 3, Voi. XLVII, pp. 95-99. Atti del 44° Congresso Nazionale della società Italiana di Gerontologia e Geriatria, anno 1999

- P. SIMONDI, Larchitettura come terapia per l'Alzheimer, Tesi di Laurea in architettura, Politecnico di Torino, anno accademico 2002-2003

- P. VALLA, Alzheimer - architetture e giardini progetto come strumento terapeutico, Ed. Angelo Guerini e Associati, Milano, 2002

- P. VALLA, Architetture e giardini per I'Alzheimer, il progetto come strumento terapeutico, Provincia di Milano, 1999, p. 83

- P. VALLA, Architetture per l'assistenza, in Modulo, n. 266, novembre 2000, pp.1012-1023

- P. VALLA, Progettare per l'Alzheimer, in Case per Anziani, Supplemento a Modulo n. 230, 1997, pp. 30-36.

- P.A. BONATI - P. VALLA, Dalle parole ai fatti: Il "progetto arcobaleno" un approccio multidisciplinare classi steriza per il demente, in Demenze, anno III, n. 1/2, pp. 24-30

- P.P.J. HOUBEN - D.J.M. VAN DER VOORDT, New combinations of housing and care in the Netherlands, in Netheriands Joumal of Housing and Built Environment, voi. 8, n. 3, 1993

- R. ALOI - C. BASSI, Ospedali, Ed. Hoepli, Milano, 1972

- R. DEL NORD, Architettura per l'alzheimer, Linee guida per la progettazione, Ed. Regione Toscana, Firenze. 2002

- R. KROMHOF, Bouwen met de snellheid van het licht, in BouwAdviseur, novembre 1999, p. 48

- R. KROMHOF, De ontaarde mens, in Vakblad Filosofie, giugno 1997, pp. 12-14

- R. PALUMBO, Metaprogettazione per l'edilizia ospedaliera, Ed. BE-MA, Milano,1993

- REGIONE TOSCANA, CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA TESIS (a cura di), Architettura per l'Alzheimer - Il malato di Alzheimer e l'ambiente, volume primo, Firenze, 2002

- REGIONE TOSCANA, CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA TESIS (a cura di), Architettura per l'Alzheimer - Linee guida per la progettazione, volume secondo, Firenze, 2002

- S. CAPOLONGO - R. RUGGIERO - E. SACCO, Un progetto per Alzheimer, in Tecnica Ospedaliera, n. 9, ottobre 2000, pp. 34-40.

- S. CURCIO - A. NESI, Residenze sanitarie per anziani, Ed Kappa, Milano, 1994

- S. VITALI - A. GUAITA, II significato dell'ambiente protesico nella cura della persona con demenza in fase severa, in Dementia update, Numero 7, Maggio 2000, pp. 24-29

- S.F. VITALI, Gentlecare: una esperienza di cura per i pazienti con demenza, in Atti del congresso di Verona, 21-23 Aprile 1999, pp. 83-85

- T. FISHER, Enabling the Disabled, in Progressive Architecture n. 7, 1985, pp. 99 � 124

- T. VAN DER VOORDT, Housing and care variants for older people with dementia Current trends in the Netherlands, in The American Journal of Alzheimer's Disease, Maerch/Aprii, 1997, pp. 84-92

- TAVOLA ROTONDA, Abitazioni integrate e innovative per la terza età, in Abitare e Anziani, n. 2/3, marzo/aprile 2002

- U. COHEN - G.D. WEISMAN, Holding on to Home - Designing Environments for People with Dementia, John Hopkins University Press, 1991

- U. COHEN - G.D. WEISMAN, Holding on to home - designing environments for people with dementia, John Hopkins University Press, 1991

- U. COHEN - K. DAY, Emerging trends in environments for people with dementia, in The American Journal of Alzheimer's Care and Related Disorders & Research, n. 9, 1994, pp. 3-11

- V. WASSENPFLUG, Ospedali Moderni, Ed. Urban & Schwarzenberg, Monaco, 1964

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)