Politecnico di Torino (logo)

Avataneo, Silvia

PALAZZO VALGORRERA: ANALISI STORICA E RILIEVO ARCHITETTONICO.

Rel. Carlo Mario Tosco, Roberta Spallone. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione), 2009

Abstract:

"...presupposto di qualsiasi intervento sul patrimonio culturale è la conoscenza del bene architettonico ed ambientale considerato nella sua globalità,

nella sua complessiva articolazione; è la consapevolezza del suo essere il risultato di una stratificazione protrattasi nel tempo, di successivi interventi. [...] Si tratta, in altre parole,

di ricostruire, attraverso una complessa azione di indagine (mensoria, storico-critica, archivistica, bibliografica, tecnica, tecnologica), i criteri, le procedura, la ratio con la quale 1'organismo si è

venuto costituendo nel tempo..."

Il lavoro di questa tesi di laurea prende le fila dal seminario disciplinare "Storia e conservazione delle tecniche costruttive", il cui obiettivo era, tramite l'ausilio di alcuni casi studio, di fornire approfondimenti delle conoscenze relative alla interpretazione storico - critica , alla tutela, alla conservazione e al restauro dell'architettura e dell'ambiente costruito, con particolare attenzione al territorio piemontese. Per l'approfondimento finale del corso, si decise di fare una breve indagine sul Castello di Palazzo Valgorrera; successivamente, vista la possibilità e soprattutto l'opportunità (intesa come necessità, vista la quasi totale inesistenza di studi riguardanti l'edificio), di incrementare ulteriormente l'indagine, si pensò di proseguire il lavoro in sede di Tesi di Laurea.

Come si evince dalla "Carta del Rilievo" sopra citata, "il primo livello di salvaguardia è, ovviamente,, la conoscenza" che diventa quindi la prima azione da compiere su un bene architettonico (e come tale possiamo considerare il singolo edificio, piuttosto che il centro urbano o il territorio circostante); conoscenza intesa in senso ampio: non solo la conoscenza storica o tecnologica, ma una conoscenza del bene "completa".

Il presente lavoro è quindi suddiviso in due parti: nella prima (PAESAGGIO E STORIA), viene introdotto il tema di ricerca partendo dall'analisi paesaggistica del territorio di Poirino e, nel dettaglio, della frazione di Palazzo Valgorrera; successivamente si è studiato lo sviluppo storico del sito, con l'analisi dell'evoluzione dei caratteri fisici del territorio: i corsi d'acqua, la viabilità, l'esame del particellare, lo studio dei Catasti Sette-Ottocenteschi. Dopo aver avuto una panoramica sul "luogo", si è quindi passati ad una ricerca di tipo storico, archivistico e bibliografico sull'edificio "Castello", (ricerca completata con la stesura del regesto di tutti i documenti consultati).

"Conoscere vuol dire, in qualche modo e in ogni caso, documentare"2. Prima di procedere ulteriormente nel lavoro, si è provveduto a realizzare un'esauriente documentazione fotografica del castello, con immagini dei fronti esterni, del contesto, e in misura ridotta, a causa dei problemi di sicurezza connessi all'accesso, dell'interno dell'edificio; in fig.1-8, sono riportate le prime riprese fatte al Castello, nel maggio 2006.

A questo punto il lavoro di ricerca si è indirizzato quasi automaticamente verso la "parte seconda": IL RILIEVO ARCHITETTONICO.

...[il rilievo architettonico è] la primigenia forma di conoscenza e quindi il complesso di operazioni, di misurazioni e di analisi atto a comprendere e documentare il bene architettonico nella sua configurazione complessiva (anche riferita al contesto urbano e territoriale), nelle sue caratteristiche metriche dimensionali, nella sua complessità storica, nelle sue caratteristiche strutturali e costruttive, oltre che in quelle formali e funzionali".

Rilievo inteso quindi non solo come insieme di disegni che rappresentano il bene, ma come forma di sapere completo, in cui la conoscenza morfologica e dimensionale dell'oggetto si integra con la conoscenza storica, tecnica, tecnologica, materica.

Si tratta necessariamente di dati non oggettivi, perché le informazione tramandate vengono comunque filtrate, interpretate, selezionate dal soggetto rilevatore; per quanto riguarda il rilievo metrico, ad esempio, la sensibilità e l'interesse di chi effettua la campagna di misurazioni influenzano sensibilmente il grado e il tipo di dati che verranno considerati, così come sarà determinante la scelta del tipo di restituzione, il software che verrà utilizzato, ma soprattutto la scala e i dati di cui ci si vorrà servire per ottenere la miglior resa finale.

In questo caso si è optato per una restituzione architettonica in scala 1:100, con un prospetto in particolare, realizzato in 1:50. Per i già citati problemi di sicurezza e agibilità dell'edificio, non sono state effettuate misurazioni all'interno; di cui la mancanza di sezioni e la probabilità di errore nella riproposizione delle piante. Completa il lavoro un ampio corpus di allegati, con la ripresentazione dei documenti storici consultati e la trascrizione, ove di difficile lettura.

Relatori: Carlo Mario Tosco, Roberta Spallone
Soggetti: A Architettura > AP Rilievo architettonico
A Architettura > AS Storia dell'Architettura
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1451
Capitoli:

PARTE PRIMA: PAESAGGIO E STORIA

1. IL TERRITORIO DI POIRINO-PALAZZO VALGORRERA: analisi paesaggistica pag. 7

2. EVOLUZIONE STORICA DEL . SITO pag. 19

2.1 Analisi del particellare pag.33

2.2 Confronto tra Campagnolo del Catasto 1733 e il Catasto Napoleonico (1813) pag. 41

2.3 Dalla situazione descritta dal Catasto francese al Catasto Rabbini. Variazioni e permanenze pag.55

2.4 Confronto tra i Catasti Ottocenteschi e quello attuale. Ipotesi di evoluzione cronologica della borgata di Palazzo Valgorrera pag-69

3. L'INSEDIAMENTO DI PALAZZO VALGORRERA pag. 75

3.1 II Castello e la borgata di Palazzo Valgorrera: sviluppo storico pag. 75

3.2 La Chiesa di S. Margherita pag. I l i

4. REGESTO DEI DOCUMENTI pag. 117

4.1 Palazzo Valgorrera pag.117

4.2 Chiesa di Santa Margherita pag.125

5. CATALOGAZIONE DISEGNI pag. 129

PARTE SECONDA: RILIEVO ARCHITETTONICO

6. METODOLOGIA pag. 132

7. RILIEVO DELLE FACCIATE pag. 138

7.1 Prospetto NORD pag. 138

7.2 Prospetto SUD pag.143

7.3 Prospetto OVEST pag.148

7.4 Prospetto EST i pag.151

8. PLANIMETRIA e PIANTE pag. 154

9. TAVOLE pag. 159

10. CONCLUSIONI pag. 160

11. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA ATTUALE pag. 165

11.1 Intorno pag. 165

11.2 Fronte Nord pag. 169

11.3 Fronte Sud pag. 172

11.4 Fronte Ovest pag. 178

11.5 Fronte Est pag. 181

11.6 Interno pag. 183

12. ALLEGATI pag. 193

13. BIBLIOGRAFIA pag. 312

14. RINGRAZIAMENTI pag. 31 7

Bibliografia:

V. ANGIUS, Sulle famiglie nobili della Monarchia di Savoia fregiate dei rispettivi stemmi, Torino 1841.

E. BARBERIS, Poirino. Schizzi storici, Chieri 1959.

M. BERNARDI, Castelli del Piemonte, Torino 1961.

R. BORDONE, Paesaggio, possesso e incastellamento nel territorio di Asti fra il X e l'XI secolo, in "Bollettino Storico Bibliografico Subalpino" (di seguito abbreviato "BSBS"), LXXIV, II seni. 1976.

R. BORDONE, Progetti nobiliari del ceto dirigente del comune di Asti al tramonto, in "BSBS", LXXXIX, II sem. 1992, p. 437-494.

R. BORDONE, Città e territorio nell'Alto Medioevo: la società astigiana dal dominio dei Franchi all'affermazione comunale, in "Deputazione subalpina di Storia Patria", Torino 1980.

G. Bosio, Santena e i suoi dintorni. Notizie storiche, Asti 1884.

G. Bosio, Storia della Chiesa di Asti, Asti 2003; I edizione: Asti 1894.

B. BROSSA, Memorie Storiche di Poirino, Poirino 1990, I edizione: Alba 1923.

P. CANCIAN, L'Archivio Malabaila conservato nel castello di Canale, in "BSBS", XCV, II sem. 1997, p.593-638.

M. D. CARRA, P. WINNER, Da Torino tutto intorno, in Andar per Castelli, Torino 1974.

D. CARTASEGNA, Castelli del Piemonte: dodici itinerari tra Asti e Alessandria, Genova 1995.

G. CASALIS, Dizionario Geografico Storico-Statistico-Commerciale Degli Stati Di S. M. Il Re Di Sardegna, vol. XV, Torino 1833 - 1856.

G. CASIRAGHI, Da Riva di Chieri a Poirino. Lungo il confine tra la diocesi di Torino e Asti nel sec. XI-XV, in "BSBS",

LXXXVI, I sem. 1988, p.77-115.

G. CASIRAGHI, Il problema della diocesi di Torino nel Medioevo, in "BSBS", LXXV, II sem. 1977, p.405-534.

P. CASTELLANI, Una famiglia di Banchieri Astigiani. I Malabaila di Valgorrera e Cantarana, in "Piemonte Vivo", n. 1, 1992, p.2-9

F. CONTI, Torino e Cuneo, in Castelli del Piemonte, voi. III, Novara 1975.

C. CONDARI, L. CARNEVALI, (a cura d i ) , Verso la "Carta del Rilievo Architettonico, in II Rilievo dei beni architettonici per la conservazione, Atti del Convegno di Napoli, 15-17 a p r i l e 1999, Roma, 2000. Dizionario Biografico degli Italiani, Roma 1968.

M. Docci, D. MAESTRI, Manuale di rilevamento architettonico e urbano, Roma - Bari, 1994.

S. FORNACA, I castelli della Provincia di Torino, Savigliano 2005.

S. GAMBINO, Ipotesi di ri funzionalizzazione del Castello Balme in Poirino, Tesi di laurea, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura II , a.a. 2000-2001, Rei. E. Monzeglio , Corr. C. Romeo, Torino 2001.

D. GARINO, Castelli e abbazie nella Provincia di Torino, Ivrea 1995.

0 P. GAZZOLA, Castelli del Piemonte: viaggio di studio in Italia; I.B.I., Torino 18 - 26 maggio 1963, Verona 1963.

F. GIANNAZZO DI PAMPARATO, Storie di famiglie e castelli attraverso gli antichi sentieri del Piemonte, Torino 1999.

G. GRAMAGLIA, Signori e comunità tra Asti, Chieri e Monferrato in età comunale, in "BSBS", LXXIX, II sem. 1981.

G. GRAMAGLIA, Vie di comunicazione e centri ospitali eri nella piana di Villanova d'Asti nel Medioevo", in "BSBS", LXXVIII, II sem. 1980, p.333.

R. LATTANZIO, L'agro di Poirino: rapporto tra beni culturali e ambientali e assetto del territorio, Tesi di laurea, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, a.a. 1989-1990, Rei. F. Ognibene, Corr. G. Vigliano.

B. Mosso, I Malabaila a Palazzo Valgorrera. Com'era il castello nel 1429, in "Le Ciècle d' Poirin", maggio 2000, p . 5 .

B. Mosso, Poirino e i suoi castelli, Poirino 1983.

U. NEBBIA, Castelli d'Italia, Novara 1955.

T. NICOLINI, .T. FORNO, I Castelli del Piemonte, voi. II , Roma 1966.

G. M. PALOMBO, Itinerari e architetture rurali: difensive del territorio chierese. Primo approccio allo studio dell' incastellamento, in "Quaderni della sezione Piemonte- Valle d'Aosta, Istituto Italiano dei Castelli " , Torino 1976.

G. M. PALOMBO, Il patrimonio fortificato del territorio chierese: analisi del sistema castellicolo, Tesi di laurea, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, a.a. 1974-1975, Rei. M. F. Roggero.

F. PAVESIO, Dal castello al condominio: la dimora poirinese nei secoli, Poirino 1986.

C. PEROGALLI, Castelli italiani, con un repertorio di oltre 4000 architetture fortificate, Milano 1979.

A. PEYROT, Il Piemonte nei secoli; Asti e l'Astigiano. Vedute e piante dal XIV al XIX secolo, Torino 1987.

P. PIOVANO, Territorio e insediamento a Poirino tra Settecento e Ottocento, Tesi di Laurea, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura I I , a. a. 2002-2003, Rei. V. Defabiani.

V. PRONAS TOLA, Castelli storici della provincia di Torino, Torino 1961.

A. RAGGI, I conti di Biandrate, in "Bollettino Storico per la provincia di Novara", XXVII, 1932.

REGIONE PIEMONTE, Castelli fortificati del Piemonte, Torino.

C. ROVERE, Il Piemonte antico e moderno delineato e descritto, Torino 1978; I edizione: Torino 1826-1858.

R. SEREN ROSSO, I castelli del Piemonte, Cavallermaggiore 1999.

E. SERENI, Storia del paesaggio agrario italiano, Roma-Bari 2007/ I edizione: Roma-Bari 1961.

" A. SETTIA, Fortificazioni collettive nei villaggi medievali dell'alta Italia: ricetti, ville, forti, recinti, in "BSBS", LXXII, I sem. 1974, p.527-617.

A. SETTIA, Insediamenti abbandonati: mentalità popolare e fantasie erudite, in "BSBS", LXXII, Il sem. 1974.

A. -SETTIA, Insediamenti abbandonati sulla collina torinése, in "Archeologia Medievale", II sem. 1975, p.237-328.

A. SETTIA, L'incastellamento nel territorio chierese fra XI e XV secolo secondo le fonti scritte. (Cenni), in "Quaderni della sezione Piemonte - Valle d'Aosta, Istitut Italiano dei Castelli" , Torino 1976.

A. SETTIA, Pievi e cappelle nella dinamica del popolamento rurale, in "Settimane di Studi del Centro Italiano di Studi sull'Alto Medioevo", Vol. 28, 1982, p.445-489.

D A. SETTIA, Proteggere e dominare. Fortificazioni e popolamento nell'Italia medievale, Roma 1999.

A. SETTIA, Strade romane e antiche pievi fra Tanaro e Po, in "BSBS", LXVIII, I e II sem. 1970, p.5-100.

A. SETTIA, Tra azienda agricola a fortezza: case forti, «motte» e «tombe» nellrItalia settentrionale. Dati e problemi, in "Archeologia Medioevale", Firenze 1980, p.31-54.

D A. SETTIA, Villam circa castrum restringere. Migrazioni e accentramento di abitati sulla collina torinese nel basso medioevo, in "Quaderni storici " , (24), 1973, p.905-944.

A. SETTIA, R. COMBA, I -borghi nuovi. Secoli XII-XIV, Cuneo 1993, P.195-229.

" A. SETTIA, Un Castello a Torino, in "BSBS", LXXIIX, I sem. 1981, p.5-30.

D R. SPALLONE, Problematiche nella restituzione del rilievo tramite CAD tra schematizzazione e semplificazione. Rappresentazioni tra simbologia e iconografia a diverse scale, in Atti del Convegno, Il disegno dei portici, il disegno della città, Torino, 2001, p.919-921.

C. Tosco, Il castello, la casa, la chiesa. Architettura e società nel Medioevo, Torino 2003.

C. Tosco, Il paesaggio come storia, Bologna 2007

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)