Politecnico di Torino (logo)

Torre, Irene

GIS e documentazione del territorio: aspetti sistemici dell'architettura moderna in in Ivrea, tra assetti storici e dinamiche attuali.

Rel. Matteo Panzeri, Piergiorgio Tosoni. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione), 2008

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Il presente lavoro si propone di analizzare l'esperienza urbanistica ed architettonica promossa dalla Società Olivetti nel territorio eporediese nel suo complesso: il caso di Ivrea, un raro e qualificato esempio nel panorama industriale italiano e non solo, è stato, soprattutto negli ultimi anni, ampiamente studiato. L'attenzione tuttavia è sempre stata posta prevalentemente sull'architettura di maggior pregio o comunque su singoli edifici, lasciando spesso insubordine la considerazione del vero e proprio "sistema" che invece ha preso corpo a partire dagli anni Trenta e fino agli anni Ottanta del Novecento.

Ai fini di una visione generale, è stato quindi considerato il contributo dato in quegli anni alla pianificazione territoriale, attraverso l'analisi dei Piani Regolatori promossi dalla Società e da Adriano Olivetti in primis: da questi infatti è possibile ripercorrere tutte le idee urbanistiche nate in quegli anni, anche se non tutte poi effettivamente realizzate.

L'attenzione ai Piani Regolatori permette inoltre di rendere conto di

come l'Azienda fosse interessata, oltre che alla realizzazione dei necessario ampliamenti degli edifici industriali - prima lungo la via Jervis e poi, giunti alla saturazione di quest'area, nella zona di San Bernardo - anche alla realizzazione di servizi per i propri dipendenti, in particolar modo attraverso la costruzione di diversi quartieri residenziali.

È stata inoltre ripercorsa anche l'esperienza olivettiana nel campo della progettazione edilizia vera e propria, attraverso l'analisi delle architetture più conosciute e di maggior pregio - come gli edifici industriali o di servizio all'industria ubicati lungo via Jervis - dei quartieri residenziali e delle architetture considerate di minor pregio, come le abitazioni realizzate dall'Ufficio Consulenza Case Dipendenti della Olivetti, cui si deve la realizzazione di numerosi edifici, soprattutto negli anni Cinquanta e Sessanta

del Novecento.

Il lavoro è stato svolto attraverso un'applicazione sperimentale,

orientata in senso documentario e storico di una tecnologia, quella del Geographic Information System o GIS, sempre più utilizzata negli ultimi anni in contesti multi o interdisciplinari e destinata sempre più a ulteriori sviluppi, soprattutto in virtù delle notevoli possibilità di analisi che offre.

La consultazione di alcuni studi di discipline umanistiche e sociali ha permesso inoltre una miglior conoscenza del GIS e delle sue potenzialità, al fine di meglio comprendere come utilizzare tale strumento nell'applicazione al caso studio: il GIS è infatti un utile strumento di analisi; soprattutto di tipo spaziale e distributivo, ma anche un potente e dinamico strumento di rappresentazione, nella sua capacità di produzione di carte tematiche.

L'idea di questo tema è nata anche dalla consapevolezzache il Comune

di Ivrea si è dimostrato' da tempo attento alla documentazione ed alla

conservazione di tale patrimonio, orientamento divenuto ancora più necessario in seguito alla crisi economica della Società, avvenuta negli anni Novanta del Novecento, che ha portato alla ribalta la necessità di una riconversione funzionale delle notevoli aree e volumetrie già industriali.

Il primo esempio di valorizzazione di tale patrimonio risale alla fine degli anni Novanta, con il progetto denominato "Officine Culturali ICO", in cui, come indica il nome stesso del progetto, si auspicava una rifunzionalizzazione del complesso industriale di via Jervis attraverso la realizzazione di un polo universitario e culturale: purtroppo non tutte le proposte progettuali sono poi state effettivamente realizzate, ma da tale progetto è nato però il Museo a

cielo aperto dell'Architettura Moderna di Ivrea, ch,e attraverso la sistemazione dei viali pedonali esistenti e la realizzazione di nuovi viali e di stazioni informative, consente lo svolgimento di un itinerario tra gli edifici di maggior pregio del patrimonio architettonico moderno eporediese.

In contemporanea alla realizzazione del Museo il Comune di Ivrea ha

promosso un'altra iniziativa, orientata alla realizzazione di un Catalogo dei Beni architettonici e tipologici di pregio ed alla messa a punto di adeguate strategie di salvaguardia: è stata così portata avanti un'azione di schedatura degli edifici cosiddetti olivettiani che ha condotto alla redazione di schede di

catalogazione ai sensi della legge Regionale35/95.

Il presente lavoro considera quindi tutte le azioni finora promosse per la conservazione e la valorizzazione di questo originario patrimonio architettonico, collegandole altresì ad alcuni fondamentali elementi della città e degli insediamenti "storici", auspicando che anche attraverso il ricorso alle notevoli potenzialità documentarie del GIS tutto quello che finora è stato fatto possa essere considerato in termini sistemici ai fini di successive e più

articolate azioni di salvaguardia.

Relatori: Matteo Panzeri, Piergiorgio Tosoni
Soggetti: D Disegno industriale e arti applicate > DI Grafica digitale
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1249
Capitoli:

PREMESSA

INDICE

CAPITOLO 1 : LA SOCIETÀ OLIVETTI TRA URBANISTICA E ARCHITETTURA IN

IVREA

1.1 - INTRODUZIONE

1.2 - MOMENTIETEMI PRINCIPALIDELLASOCIETÀOLIVETTI(1895-2003)

1.3 - ADRIANOOLIVETTI(1901-1960): CONTRIBUTIALLAPIANIFICAZIONE

TERRITORIALEEALLAPROGETTAZIONEDILIZIA

1.3.1 - Adriano Olivetti, 1933: una «nuova committenza»

1.3.2 - Adriano Olivetti e l'urbanistica: i Piani promossi dall'Azienda

1.3.3 - Altre iniziative promosse da Adriano Olivetti: la progettazione edilizia

1.4 - L'URBANISTICADOPOADRIANOOLIVETTI

1.4.1 - LeVarianti del 1975 e del 1985

1.4.2 - Il nuovo Piano Regolatoredi Ivrea (2000)

1.5 - GLI ARCHITETTIOLIVETTIANI:ORIGINALITÀDELPATRIMONIO

EPOREDIESE

CAPITOLO 2: LE ARCHITETTURE OLIVETTIANE AD IVREA

2.1 - INTRODUZIONE

2.2 - I LUOGHIDELLAVORO

2.2.1 - Gli stabilimenti di produzione e i magazzini

Il Complessodelle Officine ICO

r ampliamento (1934-1939)

II ampliamento (1939-1942)

III ampliamento (1947-1949)

IV ampliamento (1955-1962)

La copertura della Nuova rco (1955-1956)

La Centrale termica (1955-1956)

Il Complessodi San Bernardo

La Falegnameria(1952-1954)

Gli Stabilimenti O.M.O., Officina MeccanicaOlivetti (1955-1956)

Il Nuovo Attrezzaggio (1960-1962)

La Centrale termica (1960-1962)

I nuovi fabbricati 8640 (1984-1987)

2.2.2 - Gli uffici e i laboratori di ricerca

Il Centro Studi ed Esperienze (1954-1955)

Il Palazzo Uffici Olivetti (1955-1964)

L'edificio "Sgrelli" (1961-1963)

Gli Uffici dello stabilimento di San Bernardo (1967-1969)

Gli uffici Sertec (1969-1972)

Il nuovo Palazzo Uffici Olivetti (1986-1988)

2.3 - I SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

2.3.1 - I servizi scolastici

L'asilo nido a Borgo Olivetti (1939-1942)

L'asilo nido a Canton Vesco (1955-1964)

La scuola elementare a Canton Vesco (1955-1964)

2.3.2 - I servizi sociali

Il complesso della Mensa e del circolo ricreativo

La Mensa (1953-1961)

I Magazzini (1954-1957)

La Tribunetta-Spogliatoio (1954-1955)

Il Centro dei Servizi Sociali (1955-1959)

L'Ospedale civico (1955-1961)

L'infermeria dello stabilimento di San Bernardo (1956-1958)

La mensa dello stabilimento di San Bernardo (1961-1968)

La Casa di Riposo Saudino (1962-1967)

La Colonia diurna Olivetti (1970-1975)

2.3.3 - I servizi religiosi

La chiesa del Sacro Cuore (1955-1963)

Il Tempio Evangelico Valdese (1963-1967)

2.3.4 - Gli alberghi e i residence

L'Unità residenziale Est (1967-1971)

L'Unità residenziale Ovest (1969-1971)

2.4 - I QUARTIERI OLIVETTIANI

2.4.1 - Il quartiere Borgo Olivetti

2.4.2 - Il quartiere Castellamonte

2.4.3 - Il quartiere Canton Vesco

2.4.4 - Il quartiere Canton Vigna

2.4.5 - Il quartiere La Sacca

2.4.6 - Il ql!artiere Bellavista

2.4.7 - Il quartiere Crist

2.5 - SINGOU EDIFICI RESIDENZIAU

2.5.1 - Villa Capellaro

2.5.2 - Villa Gassino

2.5.3 - Gli edifici residenziali realizzati dall'Ufficio ConsulenzaCase

Dipendenti Olivetti

CAPITOLO 3: PROGETTI DI CONSERVAZIONE E TUTELA ATTUATI DAL COMUNE

DI IVREA

3.1 - INTRODUZIONE

3.2 - IL PROGETTO"OFFICINECULTURAUICO"

3.2.1 - La realizzazionedel progetto "Officine Culturali ICO"

3.2.2 - Il Museoa cielo aperto dell'Architettura Moderna

3.3 - IL CATALOGODEI BENICULTURAUARCHITETTONICIDELCOMUNE

DI IVREA

3.3.1 - Le ragioni e le modalità del censimento

3.3.2 - Gli edifici catalogati

3.3.3 - I vincoli vigenti

3.3.4 - La normativa di salvaguardia

3.3.5 - Le schededel catalogo

3.3.6 - Osservazionicritiche sul catalogo

3.4 - L'APPUCAZIONEDELLANORMATIVADELCATALOGO

3.4.1 - Gli interventi nel quartiere Canton Vesco

3.4.2 - Il restauro della ICO Centrale

3.5 - L'ATTUALEPIANOREGOLATOREGENERALEDI IVREA: LA

VALORIZZAZIONEDELL'ARCHITETTURAMODERNA

3.5.1 - La Carta per la qualità

CAPITOLO 4: IL GIS TRA SCIENZE SOCIALI E STORIA

4.1 - INTRODUZIONE

4.2 - I GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEMS PER LE SCIENZE SOCIALI

4.3 - POTENZIAUTÀ DELL'USO DEI GIS NELLE DISCIPUNE SOCIALI

4.4 - IL TERRITORIOSTRATIFICATODEI GIS: GU HISTORICAL GIS

4.4.1 - Vantaggi e problemi

4.4.2 - La cartografia storica nei GIS

4.4.3 - Il "fattore tempo"

4.4 - APPLICAZIONI GIS NELL'ARCHEOLOGIA

CAPITOLO 5: LA "VECCHIA IVREA": LA CARTOGRAFIA STORICA E LA "CITTÀ

STORICA ANTICA"

5.1 - INTRODUZIONE

5.2 - LO SVILUPPO URBANO DI IVREA ATIRAVERSO LA CARTOGRAFIA

STORICA

5.3 - LA "CITIÀ STORICA ANTICA", I "CANTONI"

5.4 - SCHEDE DI CARTOGRAFIA STORICA

CAPITOLO 6: ,IL GIS E IL CASO STUDIO

6.1 - PROGETIAZIONE CONCETIUALE: DAI REQUISITI AL MODELLO

6.2 - LA BASE DI DATI

6.3 - CARTOGRAFIA E CARTOGRAFIA NUMERICA

6.4 - ANALISI SPAZIALE: INTERROGAZIONI SQL E CARTETEMATICHE

CONCLUSIONI

FONTI E RISORSE

- BIBLIOGRAFIA

- Ivrea e le sue architetture

- Basi di dati documentarie e Geographic Information System

- DOCUMENTI D'ARCHIVIO

- CARTOGRAFIA

- RISORSE DELLA RETE

- TESI DI LAUREA

ALLEGATO A: SUPPORTO DIGITALE

- Database con le tabelle e le maschere relative alle entità individuate

- Applicazione GIS

- Cartografia

- Immagini

- Carte tematiche prodotte

Bibliografia:

Ivrea e le sue architetture

CARANDINI Francesco, Ve,cchiaIvrea, Viassone, Ivrea, 1914.

FIGINI Luigi, POLLINI Gino, Piano di un quartiere nuovo a Ivrea, in «CasabellaCostruzioni», n. 101, maggio 1936, pp. 6-11.

Un asilo-nido a Ivrea, in «Tecnica ed organizzazione», n. 20, luglio-settembre 1941,pp. 72-85.

PAGANO Giuseppe, Architettura sociale della Olivetti a Ivrea - LuigiFigini e Gino Pollini, in «Casabella-Costruzioni», n. 172,aprile1942, pp. 6-19.

Abitazione e servizi ad Ivrea, in «Casabella-Costruzioni», n. 172, aprile 1942.

FIGINI Luigi, POLLINI Gino, Piano di un quartiere nuovo a Ivrea, in OLIVETII Adriano, Studi e proposte preliminari per il piano regolatore della Valle d'Aosta, Nuove Edizioni, Ivrea, 1943, pp. 224-233.

SISSA Ugo, NIZZa LI Mario, Case operaie Olivetti a Ivrea, in «CasabellaCostruzioni», n. 191-192, 1943, pp. 2-7.

FIGINI Luigi, POLLINI Gino, Housing at Ivrea, in «The Architectural Review», n.593, may 1946, pp. 147-150.

Nursery school at Ivrea, in «The Architectural Review», n. 592, aprii 1946, pp. 117120.

BRIZZOLARA Carlo, FORTINI F., STEINER A. (a cura di), Olivetti di Ivrea. Visita ad una fabbrica, Ing. C. Olivetti & C. S.p.A., Ivrea, 1949.

Usine Olivetti. Crèche a Ivrea, in «l'architecture d'aujourd'hui», n. 25, aoOt 1949, pp. 24-26.

MUSA Riccardo, Profilo di Ludovico Quaroni, in «Comunità», n. 6, 1950, pp. 4243.

ASTENGO Giovanni, Quartiere Canton Vescoad Ivrea, in «Urbanistica», n. 7, 1951, pp. 21-23.

BUZZI CERIANI Franco, Ignazio Gardella, in «Comunità», n. 21, 1953, pp. 49-52.

Caseper dipendenti Olivetti - Ivrea, in «Vitrum», n. 48, ottobre 1953, pp. 42-45.

GTCUC (Gruppo Tecnico per il Coordinamento Urbanistico del Canadese), Cronaca ragionata dei lavori per il piano regolatore generale di Ivrea, Tipografia Olivetti,Ivrea, 1954.

RENACCO Nello, La nuova falegnameria Olivetti ad Ivrea, in «Metron», nn. 53-54, dicembre 1954, pp. 64-77.

MUSATTI Riccardo, Centro studi della Olivetti a Ivrea, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 4, novembre-dicembre 1955, pp. 486-495.

RENACCO Nello, Il Piano regolatore generale di Ivrea, in «Urbanistica», n. 15-16, 1955, pp. 189-194.

CANELLA Guido, ROSSI Aldo, Architetti italiani: Mario Ridolti, in «Comunità», n. 41, giugno-luglio 1956, pp. 50-55.

GUIDUCCI Roberto, Fasciaservizi sociali Olivetti a Ivrea, «L'architettura. Cronache e storia», n. 9, luglio 1956, pp. 178-181.

NIZZOU Marcello, OUVERI G. Mario, Villa a Ivrea, in «Architettura cantiere», n. 11,novembre 1956, pp. 28-31.

RENACCO Nello (a cura di), Piano regolatore generale di Ivrea, Tipografia Olivetti,Ivrea, 1956.

Fabbrica di macchine utensili a San Bernardo di Ivrea, in «Tecnica ed organizzazione», n. 30, novembre-dicembre 1956, pp. 28-34.

Un moderno Ospedaleper Ivrea, in «Notizie Olivetti», n. 42, novembre-dicembre 1956, pp. 22-23.

VITTORIA Eduardo, Centre de recerches Ivrea. Italie, in «L'architecture d'aujourd'hui», n. 69, dècembre-janvier 1956-57, pp. 98-99.

CRESPI Raffaella, Profili di architetti: Ludovico Quaroni, in «Comunità», n. 54, 1957, pp. 52-59.

FRANCHETTO E., Una fabbrica moderna per macchine utensili, in «Notizie Olivetti»,n. 47, febbraio 1957, pp. 1-12.

FRANCHETTO E., I quartieri di abitazione Olivetti, in «Notizie Olivetti», n. 51, novembre 1957, pp. 2-9.

VITTORIA Eduardo, Eduardo Vittoria: progetti e costruzioni 1948-57, Roma, 1957.

Le Fonderie Olivetti, in «Notizie Olivetti», n. 44, febbraio 1957, pp. 1-11.

Officina meccanica a Ivrea, in «Casabella-Continuità», n. 214, febbraio-marzo 1957, pp. 44-53.

MINARDI M., Una fabbrica nuova per telescriventi, in «Notizie Olivetti», n. 57, maggio 1958, pp. 1-7.

MUSATTI Riccardo, BIGIARETTI Libero, SOAVI Giorgio (a cura di), Olivetti 19081958, Olivetti; Ivrea, 1958.

ARGAN Giulio Carlo (saggio introduttivo), Ignazio Gardella, Edizioni di Comunità, Milano, 1959.

FRANCHETTO E., In mezz'ora un pranzo per duemila, in «Notizie Olivetti», n. 66,ottobre-novembre 1959, pp. 11-15.

GUIDUCCI Roberto, Eduardo Vittoria, in «Zodiac», n. 5, 1959, pp. 180-189.

QUARONI Ludovico, Due opere di Luigi Figini ~ Gino Pollini. La nuova fabbrica I.C.O. ad Ivrea, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 48, ottobre 1959, pp. 390-395.

ROSSI Sara, Industrie e abitazioni dell'architetto Eduardo Vittoria, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 39, gennaio 1959, pp. 606-621.

TENTORI Francesco, Profili di architetti: Eduardo Vittoria, in «Comunità», n. 69, pp. 50-61.

Struttura della Fascia dei, Servizi Sociali ad Ivrea, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 39, gennaio 1959, pp. 641-642.

DI CARLO Antonio, La Fascia dei Servizi Sociali Olivetti ad Ivrea, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 62, dicembre 1960, pp. 510-519.

GARDELLA Ignazio, La mensa Olivetti a Ivrea, in «Casabella-Continuità», n. 235, gennaio 1960, pp. 5-6,9-13.

PAMPALONI Geno, Annibale Fiocchi, in «Zodiac», n. 7, 1960, pp. 152-165.

OUVETTI Roberto, La città e /'industria, in«Urbanistica», n. 33, 1961, pp. 81-86.

TENTORI Francesco, Opere recenti di Mario Ridolfi, in «Casabella-Continuità», n.249, marzo 1961, pp. 4-5, 14-16.

A Ivrea, in «Domus», n. 376, marzo 1961, pp. 5-20.

CAIZZI Bruno, Camillo e Adriano Olivetti, UTET, Torino,1962.

MARIANI Leonardo, Il quartiere Bellavista ad Ivrea, in «Edilizia Popolare», n. 49,novembre-dicembre 1962, pp. 27-29.

Complesso direzionale, industriale e residenziale della Società Olivetti, a Ivrea.

Targa IN/ARCH alla Società Olivetti, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 85,novembre 1962, pp. 442-443.

BLASI Cesare, Figini e Pollini, Edizioni di Comunità, Milano, 1963.

RIDOLFI Mario, FRANKLVolfgang, Asilo nido a Canton Vesco, in «Edilizia moderna»,nn. 82-83, 1964, pp. 12-13.

TAFURI Manfredo, Ludovico Quaroni e lo sviluppo dell'architettura moderna in Italia, Edizioni di Comunità, Milano, 1964.

CASTELLANI LONGO Massimo, Il nuovo palazzo per uffici Olivetti a Ivrea, in «Notizie Olivetti», n. 83, aprile 1965, p. 41-53.

PEDIO Renato, Palazzo della direzione Olivetti ad Ivrea, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 130, agosto 1966, pp. 220-233.

PEDIO Renato, Asilo Olivetti a Canton Vesco, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 133, novembre 1966, pp. 427-439.

CELANT Germano, Marcello Nizzoli, Edizioni di Comunità, Milano, 1968.

Casa di riposo per anziani sulle colline di Ivrea, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 150, aprile 1968, pp. 787-792.

A Ivrea una colonia diurna estiva, in «Notizie Olivetti», n. 3, aprile 1971, p. 2.

La nuova unità residenziale della Olivetti a Ivrea, in «Notizie'Olivetti», n. 7, 1971,p. 6.

Un centro di servizi culturali e ricreativi, in «Notizie Olivetti», n. 6, agostosettembre,1972, pp. 1, 3.

PEDIO Renato, ResidenzialeOvest a Ivrea, in «L'architettura. Cronache e storia», n.212-213, giugno-luglio 1973, pp. 76-87.

ACCASTO Gianni, L'asilo di Canton Vesco, in «Controspazio», n. 3, novembre 1974,pp. 51-58.

Ivrea: nuovi padiglioni per la colonia diurna, in «Notizie Olivetti», n. 3-4, maggio giugno 1975, p. 7.

AA. W., Politique industrielle et architecture: le cas Olivetti, in «L'architecture d'aujourd'hui», n. 188, dècembre 1976.

CAPPAI Igino, MAINARDIS Pietro, PEDIO Renato, Centro di servizi sociali e residenziali Olivetti, in «L'architettura. Cronache e storia», n. 249, luglio 1976, pp.134-186.

VALLE Gino (a cura di), Gino Valle. Architetto 1950- 1978, Edizioni Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano e Idea Editions, Milano, 1979.

Itinerari. Ivrea, in «Ottagono», n. 61, giugno 1981, pp. 96-98.

DE SETA Cesare, Architetti italiani del Novecento, Laterza, Roma-Bari, 1982, pp. 167-169.

GIUDICI G., MAZZOLENI F., PENNAVAJA C. et al. (a cura di), Design Process Olivetti 1908-1983, edizioni di Comunità, Milano, 1983.

BRUNETTI Fabrizio, Mario Ridolfi, Alinea Editrice, Firenze, 1985.

CELUNI Francesco, D'AMATO Claudio, Gabetti e Isola. Progetti e architetture 19501985, Electa, Milano, 1985.

DE GIORGI Manolo, Un murO di 60, 200, 400 metri, in vetro, in «Rassègna», n. 24/4, dicembre 1985, pp. 31-41.

DE SESSA Cesare, Luigi Piccinato architetto, edizioni Dedalo, Bari, 1985.

DE SETA Cesare, Architettura italiana del Novecento, Laterza, Bari, 1987, p. 148159.

MURATORE Giorgio, CAPUANO Alessandra, GAROFALO Francesco, PELLEGRINI Ettore, Guida all'architettura moderna in Italia. Gli ultimi trent'anni, Zanichelli,Bologna, 1988, pp. 104-108.

CIORRA Pippo, Ludovico Quaroni 1911-1987. Opere e progetti, Electa, Milano,1989.

CROSET Pierre-Alain, Gino Val/e: progetti e architetture, Electa, Milano, 1989.

GABElTI Roberto, Nuovi uffici Olivetti a Ivrea e altri progetti di Gino Valle, in «Casabella», n. 563, 1989, p. 4-14.

AGOSTINI Lamberto, GUIDARINI Stefano, Itinerario Domus n. 54: Olivetti e Ivrea,in «Domus», n. 713, 1990, pp. V-X.

NIZZOLI Marcello, Marcello Nizzoli, Electa, Milano, 1990.

SAVI Vittorio, Figini e Polli,.,i:architetture 1927-1989, Electa, Milano, 1990.

ZORZI Renzo, Immagini di architetture di Ivrea, in «Domus», n. 713, 1990, pp. 7680.

AA. VV., Ignazio Gardella, progetti e architetture 1933-1990, Marsilio, Venezia, 1992.

PIETROGRANDE Enrico (a cura di), Daniele Calabi: architetture e progetti 19321964, Marsilio, Venezia, 1992.

BELLINI Federico, Mario Ridolfi, Laterza, Roma-Bari, 1993.

MALUSARDI Federico, Luigi Piccinato e l'urbanistica moderna, Officina Edizioni, Roma, 1993.

MULAZZANI Marco, Daniele Calabi e il costruire onesto, in «Casabella», n. 601,1993, p. 29.

MESSINA Claudio (a cura di), Me ne vado e sbatto l'uscio. Giovanni Klaus Koenig. Architetture, Alinea Editrice, Firenze, 1994.

GREGOTTI Vittorio, MARZARI Giovanni (a cura di), Luigi Figini, Gino Pollini: opera completa, Electa, Milano, 1996, pp. 97-109.

GUERRA Andrea, MORRESI Manuela, Gabetti e Isola: opere d'architettura, Electa, Milano, 1996.

POLANO Sergio, MULAZZANI Marco, Guida all'architettura italiana del Novecento, Electa, Milano, 1996, pp. 34-43.

BERENGOGARDIN Gianni, ZORZI Renzo, Una citta, una fabbrica: Ivrea e la Olivetti dal 1967 al 1985 nelle fotografie di Gianni Berengo Gardin, Priuli & Verlucca, Ivrea, 1998.

BOLTRI Daniele, MAGGIA Giovanni, PAPA Enrico, VIDARI Pier Paride, Architetture olivettiane a Ivrea:i luoghi del lavoro e i servizi socio-assistenziali di fabbrica, Fondazione Adriano Olivetti, Gangemi, Roma, 1998.

LOI Maria Cristina (a cura di), Ignazio Gardella: architetture, Electa, Milano, 1998.

BONIFAZIO Patrizia, SCRIVANO Paolo, Stabilimenti Olivetti LCO. Ivrea 1934-1962,in «Do.co.mo.mo italia - giornale», n. 5, aprile 1999, p. 3.

GIACOPELU Enrico, Ivrea, architettura industria comunità. Un progetto di valorizzazione dell'architettura, in «Do.co.mo.mo italia - giornale», n. 5, aprile 1999, p. 4.

GIACOPELU Enrico, Una normativa per la salvaguardia dell'architettura moderna, in «Do.co.mo.mo ita.lia - giornale», n. S, aprile 1999, p. 7.

OLMO Carlo, Il caso Ivrea. Una sfida da raccogliere, in «Do.co.mo.mo italia giornale», n. 5, aprile 1999, pp. 1-2.

TEPPA Massimo, Le Officine Culturali ICO: /'idea, in «Do.co.mo.mo italia - giornale», n. S, aprile 1999, p. 4.

VIDARI Pier Paride, Memorie della città per un Museo a cielo aperto, in «Do.co.mo.mo italia - giornale», n. 5, aprile 1999, p. 6.

ASTARITA Rossano, Gli architetti di Olivetti: una storia di committenza industriale,Angeli, Milano, 2000.

GIACOPELLl Enrico, Un progetto per la valorizzazione del patrimonio architettonico eporediese: il museo dell'architettura moderna di Ivrea, in BARELLI Maria Luisa, UVI Tecla (a cura di), La salvaguardia del patrimonio architettonico del XX secolo. Problemi, prospettive, strategie, Edizioni Lybra Immagine, Milano, 2000, pp. 89-98.

BIRIGNANI Cesare, Giovanni Klaus Koenig. Dodici note di architettura, edizioni Testo&Immagine, Roma, 2001.

BONIFAZIO Patrizia, SCRIVANO Paolo, Olivetti costruisce: architettura moderna a Ivrea. Guida al museo a cielo aperto, Skira, Milano, 2001.

CRACCO RUGGINI Lellia [et al.], Ivrea: ventun secoli di storia, Priuli&Verlucca, Pavone Canavese, 2001.

GIACOPELLl Enrico, Unanormativa per la salvaguardia del patrimonio architettonico del Novecento a Ivrea, in CALLEGARI Guido, MONTANARI Guido (a cura di),Progettare il costruito. Cultura e tecnica per il recupero del patrimonio architettonico del XX secolo, FrancoAngeli, Milano, 2001, pp. 93-104.

IRACE Fulvio, La ville d'Hadrien à Ivrea, in OLMO Carlo (a cura di), Costruire la città dell'uomo: Adriano Olivetti e l'urbanistica, Edizioni di Comunità, Torino, 2001, pp.205-232.

SCRIVANO Paolo, La comunità e la sua difficile realizzazione. Adriano Olivetti e l'urbanistica a Ivrea e nel Canavese, in OLMO Carlo (a cura di), Costruire la città dell'uomo: Adriano Olivetti e l'urbanistica, Edizioni di Comunità, Torino, 2001, pp. 83-112.

SPINELU Luigi (a cura di), G. Mario Oliveri e gli studi Nizzoli: architecture and design - since 1948, Editoriale Domus, Milano, 2001.

GUIDARINI Stefano, Ignazio Gardella nell'architettura italiana. Opere 1929-1999,Skira, Milano, 2002.

REBECCHINI Marcello, Architetti italiani 1930 - 1990: Giovanni Michelucci,Adalberto Libera, Mario Ridolfi, Ignazio Gardella, Giancarlo De Carlo, Carlo Aymonino, Aldo Rossi, Officina, Roma, 2002, pp. 76-137.

PAVAN Luigi, Cappai e Mainardis: laboratorio veneziano, Testo & immagine, Torino,2004.

CELLINI Francesco, D'AMATO Claudio, Le architetture di f(.idolfi e Frankl, Electa,Milano, 2005.

GALUZZI Paolo (a cura di), Il nuovo piano di Ivrea. Governare la transizione, in «Urbanistica», n. 127, maggio-agosto 2005, pp. 30-62.

GIACOPELLI Enrico, Prove di salvaguardia nel quartiere di Canton Vesco a Ivrea, in BORIANI Maurizio (a cura di), La sfida del moderno. L'architettura del XX secolo tra conservazione e innovazione, Edizioni Unicopli, Milano, 2005, pp. 117-133.

NICOLINI Renato (a cura di), Mario Ridolti architetto: 1904-2004, Mondadori Electa,Milano, 2005.

CASAMONTI Marco (a cura di), Ignazio Gardella architetto, 1905-1999. Costruire le modernità, Electa, Milano, 2006.

BONIFAZIO Patrizia, GIACOPELLI Enrico, Il paesaggio futuro: letture e norme per il patrimonio dell'architettura moderna di Ivrea, Allemandi&C., Torino, 2007. Basi di dati documentarie e Geographic Information Systems

BALDACCI Maria bruna, Rappresentazione e ricerca delle informazioni, come comunicare attraverso i sistemi informativi automatizzati, NIS, Roma, 1988.

LODOVISI Achille, TORRESANI Stefano, Cartografia e sistemi informativi geografici,in ID., Storia della cartografia, Pàtron, Bologna, 1996.

PANZERI Matteo, L'informatica al servizio dei beni culturali, una ricerca in progressione tra museo e storia dell'arte, Celid, Torino, 1996.

WRIGHT Dawn J., GOODCHILD Michael F., PROCTORJames D., Demystifying the Persistent Ambiguity of GIS as "Tool" versus "science", in «The Annals of the Association of American Geographers», 87(2), 1997, consultabile on-line:htto: / /dusk.aeo.orst.edu/annals. html

GILLINGS Mark, MATTINGLY Davld, VAN DALEN Jan, Geographical Information Systems and landscape archaeology, Oxbow Books, Oxford, 1999.

GASTALDO Guido, PANZERI Matteo (a cura di), Sistemi informativi geografici e beni culturali, atti della Giornata di Studio, Celid, Torino, 2000.

ALBANO Antonio, Costruire sistemi per basi di dati, Addison Wesley, Harlow, 2001.

ATZENI Paolo, Basi di dati. Modelli e linguaggi d'interrogazione, McGraw-Hill,Milano, 2002.

AZZARI Margherita (a cura di), Beni culturali e ambientali e Geographic Information Systems, CD-ROM, Firenze University Press, Firenze, 2002.

GREGORYIan N., A pIace in History: a guide to Using GIS in Historical Research,Oxbow Books, Oxford, 2002, consultabile on line: htto://hds.essex.ac.uk/q2qo/qis/

KNOWLES Anne Kelly (editor), Past Time, Past PIace. GIS for History, ESRI,Redlands (CA), 2002.

GOODCHILD Michael F., Social Sciences: Interest in GIS Grows, in «ArcNewsOnline», 2004, consultabile on line:

htto:Ilwww.esri.com/news/arcnews/spring04articies/social-sciences.html

VITAU Stefano, Passatodigitale: le fonti dello storico nell'era del computer, Bruno Mondadori, Milano, 2004. ,

OKABE Atsuyuky (editor), GIS-Based Studies in the Humanities and Social Sciences,Taylor & Francis, Boca Raton (FL), 2006.

CSISS, Spatial Social Sciencefor research, teaching, application and policy,consultabile on line:http://www.csiss.org/aboutus/reports/soatial social science. pdf

STEINBERG Steven J., STEINBERG Sheila L., GIS Geographic Information Systems for the Social Sciences. Investigating Spaces and PIace, SAGE Publications, Thousand Oaks (CL), 2006.

TESI DI LAUREA

PAPA Enrico, Guida all'architettura moderna di Ivrea, Tesi di laurea, reI. Elena Tamagno, Micaela Viglino Davico, A.A. 1987/1988.

COFFA Paolo, TROSSERORiccardo, La cultura architettonica e /'industria, le Officine Olivetti ad Ivrea 1908-1958, Tesi di laurea, reI. Marco Filippi, Chiara Aghemo, A.A. 1993/1994.

BARDONE Ilaria, MARTINIS Michela, La cultura industriale locale come patrimonio per lo sviluppo del territorio: il caso di Ivrea, Tesi di laurea, reI. Giuseppe De Matteis, A.A. 1999/2000.

BASSO Monica, BORDIGNON Paolo, Quartiere Castellamonte ad Ivrea: proposta per un intervento di recupero delle case di Luigi Figini e Gino Pollini, Tesi di laurea, reI. Maria Luisa Barelli, Daniele Boltri, Guido Montanari, Luisa stafferi, A.A. 1999/2000.

BETTINI Emanuela, L'olivetti e lo sviluppo urbanistico della città di Ivrea: dalla storia al progetto, Tesi di laurea, rei. Piergiorgio Tosoni, A.A. 1999/2000.

GRIGNOLO Roberta, La nuova ico di Ivrea: ipotesi di recupero tra storia e tecnologia, Tesi di laurea, rei maria Luisa Barelli, patrizia Bonifazio, Luisa Stafferi,A.A. 1999/2000.

CALLIGARIS Elisa, L'urbanistica di Adriano Olivetti, Tesi di laurea, reI. R. Gambino, Politecnico di Torino - Facoltà di Architettura, a.a. 2000/2001.

MANTICA Sara Lyla, Centro storico di Ivrea: storia, tipologia e progetto, Tesi di laurea, reI. Piergiorgio Tosoni, A.A. 2002/2003.

BERTOUNO Andrea, I piani regolatori di Ivrea dall'approccio olivettiano a quello riformista, Tesi di laurea, reI. Alberto Bottari, A.A. 2003/2004.

CIASCHETTI Paola, Piani urbanistici di Ivrea nel secondo dopoguerra: l'esperienza negli anni Sessanta, Settanta e Ottanta del Novecentoper una qualità urbana, Tesi di laurea, reI. Giovanni Maria Lupo, A.A. 2003/2004.

MACCARRONE Giulia, Modello catalografico per il progetto di conoscenza finalizzato alla predisposizione di un piano di conservazionedel patrimonio architettonico, Tesi di Laurea, reI. Tatiana Kirova, Matteo Panzeri, A.A.2003/2004.

ROMANI Eleonora, TOMASELLO Angela, Architetture gardelliane nell'Ivrea dell'Olivetti: progetto per un'area teatrale diffusa, Tesi di laurea, rei. Piergiorgio Tosoni, A.A 2004/2005.

OUVERO Manuela, Un'applicazioneGIS tra catalogazione e analisi distributiva: beni architettonici in Alessandria tra gli anni Venti e Quaranta, Tesi di laurea, reI. Matteo Panzeri, correl. Andrea Bruno, Angela Farruggia, A.A. 2005/2006.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)