Politecnico di Torino (logo)

Burzio, Silvia

Ipotesi di progetto di un Centro di accoglienza e terapeutico per bambini disabili e con diverse problematiche per una comunità indigena nella Regione del Cauca in Colombia.

Rel. Delfina Comoglio Maritano, Piegiorgio Tosoni, Massimo Leone, Ugo Pozzoli. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2008

Abstract:

Vorrei prima di iniziare accennare come desidererei "enunciare" questa tesi, perché possa sentirla più mia, più personale e meno formale.

Essendo stato il mio ultimo esame quello di semiotica, e per di più avendolo trovato molto interessante, mi sembra un buon modo per iniziare senza sentirmi totalmente persa tra le parole, i testi e i ricordi dell'esperienza vissuta in Colombia.

DIARIO DI UNA TESI

COSI mi piacerebbe scrivere questa tesi ... come una sorta di diario, dove giorno per giorno vado raccogliendo materiale e ricordi ormai lontani! Questo desiderio nasce dalla voglia di sentire questo lavoro pili mio, nella semplicità e spontaneità ... non so se riuscirò a esprimere e a realizzare questo mio intento, perché ai lettori sia piacevole la lettura. Dovendo raccogliere dei dati anche tecnici, lungi da me L'idea di dover essere ripetitiva, scontata e noiosa ... Forse la mia e utopia ... certamente ben lontana dal sentirmi scrittrice, volente 0 nolente, dovendo pero portare alla stesura questa tesi un po' questo ruolo a noi studenti tocca ... e non sentendomi neppure pili studente per gli anni ormai trascorsi vorrei proporre ai gentili professori questa modal ita di scrittura, perché possa sentirmi pili a mio agio nell'espressione e chiedo quindi che mi sia concessa questa idea un po' "bizzarra" ... Non a caso ho scelto questa facoltà nella fiducia di trovare un luogo costruttivo capace di aiutare e guidare i giovani ad esprimersi nella loro creatività, portando nel loro piccolo innovazione e diversità per la crescita individuale e comunitaria ... non come una "fredda" forzatura, ma.

nella libertà di esprimere il proprio "essere uomo" nella ricerca della propria identità. Proprio come ho avuto modo di conoscere i I popolo Indigeno Pcfez, che lotta per ritrovare la propria identità soppressa e dimenticata dalle continue lotte ...

Inoltre mi sarebbe gradito poter scrivere in modo diretto e non formale, come se indirizzassi questa tesi a persone care e vicine.

L'idea nasce dallo "stupore e gradimento" che ho provato nel leggere e studiare una dispensa scritta a noi studenti del corso di semiotica dal prof. Massimo Leone, docente nell'università di Lettere, per spiegare il difficile concetto di "Enunciazione" che e "L'atto con cui viene prodotto un enunciato"Z, ovvero "e L'atto individuale attraverso il quale il parlante si appropria della lingua mettendola in funzione nel discorso e tramite il qualità enuncia se stesso come soggetto".3

Il professore scrive con questo intento una "Lettera sull'enunciazione" indirizzandola in prima persona allo studente, così scrivendo:

"Caro studente, è una splendida domenica pomeriggio, ma io sono qui, seduto di fronte al mio computer portatile, intento a scrivere questa dispensa per te. Vorrei infatti mettere per iscritto ciò che ti ho già spiegato a lezione a proposito dell'enunciazione. Ti ricordi?

che nel mio caso tradurrei come: "Cari professori

e una splendida domenica pomeriggio (in realtà in questo momento 'piove a dirotto), e io sono qui, seduta di fronte al mio computer portatile, intenta a scrivere questa tesi, dove vorrei mettere per iscritto quella che e stata la mia esperienza in Colombia e i motivi che mi hanno spinta a proporre un progetto per i bambini disabili di Toribio".

II docente avrebbe potuto scrivere:

"Scopo di questa dispensa e quello di illustrare le caratteristiche principali del concetto di enunciazione nella semiotica

quindi io dovrei scrivere:

"Scopo di questa tesi e illustrare le tecnologie costruttive per un paese in Colombia nella Regione del Cauca e un'ipotesi di progetto per L'accoglienza di bambini disabili e con diverse problematiche".

Ciò che il professore faceva notare e che i due paragrafi dicono praticamente la stessa cosa, ma fra di essi vi e una differenza fondamentale.

Cambia ovviamente la modalità:

nel primo caso colui che scrive non e qualcuno distante da te, ma qualcuno a te vicino, come un amico che ti scrive una lettera;

nel secondo caso, il senso e lo stesso, ma la distanza che si percepisce tra te e questo messaggio, fra te e questo testo, e cambiata radicalmente.

Nessuno da pili del tu, sono scomparsi i riferimenti espliciti a chi ti scrive o parla, non ti si racconta nulla sui luogo da cui ti giunge il messaggio, sui tempo in cui esso e stato composto dal suo autore. Così leggendo il secondo paragrafo si avvertirà una certa freddezza, un certo distacco.

E lo scopo degli studi sull'enunciazione e proprio quello di spiegare la natura linguistica (e poi semiotica) di queste differenze, di comprendere attraverso quali meccanismi la lingua ci consente di mettere in scena una certa vicinanza, o una certa distanza, fra i protagonisti di una comunicazione.

Come' e chiaro il mio desiderio e quello di poter sentire vicini i lettori, e mi scuso se ho dovuto dilungarmi un po', ma ci tenevo sottolineare che la mia non vuole essere una scelta stravagante, ma semplicemente una "scelta", un "bisogno" di sentire vicini coloro che leggeranno, perché possano e vogliano camminare insieme a me lungo questo CAMMINO DI TESI".

Relatori: Delfina Comoglio Maritano, Piegiorgio Tosoni, Massimo Leone, Ugo Pozzoli
Soggetti: A Architettura > AP Rilievo architettonico
A Architettura > AO Progettazione
T Tecnica e tecnologia delle costruzioni > TE Tecnologia dei materiali
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1194
Capitoli:

Introduzione

Premessa: DIARIO DI UNA TESI

RICORDO DI UNA ESPERIENZA

Scelta dell'argomento di tesi

REAL T A' TERRITORIALE E SOCIALE

Teatro di scontri

Se la vita e dura

Altre barriere

Pero qualcosa c'è già

UN PROGETTO DI VITA

II popolo Nasa

Un altro mondo e possibile PRESENT AZIONE

CAPITOLO I: COLOMBIA - REGIONE DEL CAUCA

lI "Resguardo" di Toribio nel suo contesto storico, geografico, socioeconomico e ambientatole

COLOMBIA Generalità

La geografia

La geografia politica

CAUCA Generalità

Localizzazione

UBICAZIONE MUNICIPIO DI TORIBIO

UBICAZIONE DEL TERRITO RIO INDIGENO

RESGUARDO DI TORIBIO:

UBICAZIONE GEOGRAFICA

Confini

Divisione politica

Rilievo

Clima

Il clima nelle diverse veredas Topografia

Tipi di suolo

Idrografia

Risorse naturali

- UBICAZIONE SOCIOECONOMICA

Attività agricola

Attività mineraria

Situazione economica attuale

Il lavoro di -aiuto.

Il lavoro di -rotazione. di gruppi comunitari Associazioni individuali

L'economia indigena rispetto al mercato

- UBICAZIONE SOCIO CUL TURALE

Popolazione attuale

Lingua

Salute

Servizi esistenti nel Resguado

Riguardo alla nutrizione

Abitazione

Abbigliamento

Educazione

Costumi

- UBICAZIONE SOCIOAMBIENTALE

La produzione ancestrale agricola e di allevamento La relazione uomo-natura

- UBICAZIONE NEL PROCESSO STORICO DELLE COM UNITA'

Conquista e Colonizzazione

ALLEGATI CAPITOLO I: Cartografia

Clima - IDEAM Censo Generale 2005

CAPITOLO II: CONTESTO SOCIOLOGICO, CUL TURALE E SEMIOTICO (miti,leggende e simboli) DELLA REALTA' INDIOS NASA

TRACCE DELLA STORIA, SOCIETA' E CULTURA Storia

Situazione socioeconomica

ORIGINE DEL POPOLO NASA

Premessa

VALORI, SIMBOLI E CULTURA

Cosmovisione Nasa

I riti

I miti

Il mito sull'origine della terra

I SIMBOLI E LE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE DEFINIZIONI SECONDO L'ARCHITETTURA

Segno

Forma

Significato

Simbolo

IL LOGO NASA

Spiegazione simbolica

Gli affreschi che animano i Resguardos

ALCUNE CONCEZIONI SECONDO IL POPOLO NASA

Concetto di famiglia

Rispetto alla "comunità"

Concezione della "norma"

CAPITOLO III: IL PROCESSO ORGANIZZATIVO NELLE COMUNITA' NASA. II "Proyecto NasaN e iI "Plan de Vida":

LE TAPPE DEL PROCESSO ORGANIZZATIVO

DEL POPOLO NASA

1 tappa (1971-1880): Resistenza e presa di coscienza

2 tappa (1980-1984): Nascita del Progetto Nasa

3 tappa (1984-1987): Lutto, crisi e dispersione

4 tappa (1987-1991): II rivivere del Progetto Nasa

5 tappa (1991-1994): Riconoscimento e proiezione

6 tappa (1994-2001): Avanzamento nell'educazione e

CRIC (Consejo Regfonal Indigena del Cauca)

IL "PROGETTO NASAH

Il Cabildo della Salute

Il Cabildo della Famiglia

Il Cabildo ambientale e la UMA T A- (Unidad Municipal de Asistencia Tecnica Agropecuaria)

ACIN (Asociacion Cabildos Indfgenas del Norte del Cauca)

Territorio del grande popolo

Le autorità tradizionali

IL PIANO DI VITA

Visione comunitaria della Vita

COME SI ESEGUONO E AMMINISTRANO I PROGETTI

CAPITOLO IV: TIPOLOGIE E TECNOL06IE COSTRUTTIVE

MA TERIALI REGIONALI PER LA COSTRUZIONE

Introduzione

Premessa

Il clima

L'acqua

Il vento

Il sole

ZONA SISMICA

I sismi

Come le strutture rispondono ai movimenti di un sisma Le normative sismiche

Materiali e loro resistenza ai sismi

Legno

Bambù

LE FIBRE VEGET ALI

Tegole in fibra cementa

TECNICHE COSTRUTTIVE TRADIZIONALI

Tapia pisada

Bahareque

Adobe

TECNOLOGIE e TIPOLOGIE COSTRUTTIVE nella Regione

Testimonianze

CAPITOLO V: ESIGENZE DELLA COMUNITA' NASA

STORIA DI UN PROGETTO

Centro per bambini disabili

Progetto -aiuta i bambini indios di Italia Solidale

IL PROGETTO DELLA COMUNIT A' NASA:

-CENTRO DI ATTENZIONE TERAPEUTICA

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Ubicazione

Personale necessario

Distribuzione dei locali

Criteri

OBIETTIVO GENERALE

OBIETTIVI SPECIFICI

PIANO PEDAGOGICO

Programma di attenzione e assistenza terapeutica

- Programma di promozione e prevenzione

- Programma di integrazione famigliare,scolastica. lavorativa e sociale per minori con discapacità

Programma di accessibilità allo sport. Alla Ricreazione e alla cultura

FINANZIAMENTO

RICHIESTA di finanziamento all'ambasciata giapponese:

"Formulario de Solicitud Asistenciera No - reembolsable del Japan para Proyectos Comunitarios de Seguridad Humana

ALLEGATI CAPITOLO VI:

Plan de desarrollo 2004-2007

CAPITOLO VII: ANALISI CENTRI TERAPEUTICI E D'ACCOGUENZA PER DISABILI

Introduzione

La situazione italiana rispetto le strutture sanitarie e di accoglienza

CARTA DEI SERVIZI

Differenza tra fattori di qualità, indicatori di qualità e standard di qualità _

Tipologia dei Centri di Riabilitazione per disabili

REQUISITI STRUTTURAL! GENERAL!

LE DIVERSE TIPOLOGIE

- Centri diurni socio terapeutici educativi

- Centri diurni socio terapeutici educativi con nucleo di

Residenzialità notturna

- Residenze Assistenziali Flessibili (R.A.F. per disabili)

- Gruppi appartamento

- Centro socio riabilitativo residenziale per disabili

- Comunità di pronta accoglienza per minori

- Comunità educativa per minori

I CENTRI VISITATI e scelti affine della ricerca:

- Centro Socio Terapeutico -Rosanna Pedace-, Torino

- Residenza Sanitaria Assistenziale -Giovanni xxx-, Volpiano - Centro Riabilitativo Semi residenziale per bambini e adolescenti ad interventi multipli differenziati, Besozzo (VA)

IV" - Residenza Sanitaria Assistenziale per persone con disabilita di Sesto Calende

CAPITOLO VIII: IPOTESI DI PROGETTO Premessa

MA TRICI ED ELABORAZIONI SEMIOTICHE Dal mito alla forma

Simbologia della tartaruga

ILPROGETTO

OBIETTIVI

Generali

Specifici

UTENZA e criteri

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Premessa

ATTIVITA'

Iter progettuale per le diverse attività REQUISITI

Generali

Specifici

PRESTAZIONI 317 Generali

Specifiche

Risposte sistema tecnologico degli interni

STUDIO FUNZIONALE delle attività e degli spazi

- CASA del GRANDE SPIRITO, Centro Terapeutico

CASA dei FIGLI MAGGIORI, Serra e orti terapeutici

- CASA dei FIGLI MINORI, Ippoterapia

- CASA degli Abitanti Sotterranei, Cappella

PROPOST A TECNOLOGICA COSTRUTTIVA

Premessa

Testimonianze

SI DEFINISCE LA PROPOSTA

A) II Centro Terapeutico

B) I corpi delle altre Case

CONCLUSIONI

TAVOLE

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

. Fondo Rotatorio Editorial Tecnologia Apropiada y Participacion Comunitaria, Construir con Tierra, Tomo I, 1990. (Traduccion del frances: C.E.Sctnchez, C.A.Ospina).

. MARIA TERESA FINDJ -JOSE' MARIA ROJAS, Territorio, Economia y Sociedad Paez, Universidad del Cauca departamento de Bibliotecas.

. Universidad del Cauca-Facultad de Ciencias de la Educacion Historia, La Comunidad Paez S. XVI-XVII, Seminario realizado

para optar el titulo de Licenciado en Educacion, Especialidad Historia, Popayan, Julio 21 de 1977.

. C.A.GUEGIA HURT ADO-M.M. CUCHIMBA DE CAICEDO­H.E.DORADO ZUNIGA, Kwe's Kiwe's Hiyuka-Conozcamos Nuestro

Territorio, Cartilla para Educacion Basica, Fondo Mixto de Cultura del Cauca.

. Universidad del Cauca-Facultad Ingenieria Civil depto. de Construccion, Viviendas para el Medio Rural, Junta del acuerdo de Cartagena, Proyecto subregional de promocion industrial de la madera para la construccion, Prid-Madera, Apoyo Financiero Comunidad Economica Europea.

. Universidad del Cauca-Facultad Ingienieria Civil depto. de Construccion, Titulo G. Estructuras de Madera, Julio 15, 1994.

. Universidad del Cauca-Fcultad Ingenieria Civil depto. de Construccion, La guadua en la construccion.

. R.WIEST-J. MOCELLIN-D.THANDIWE MOTSISI,

Reconstruccion y desarrollo: La mujer en la etapa posterior a un desastre, DR!, The University of Manitoba.

. Almanaque Creditario 1990, Mejore y valorice su vivienda, una publicacion de la caja agraria para los colombianos.

. Istituto Colombiano de Antropologia, Introduccion a la Colombia Amerindia, (Ximena Pachon C., Paez, p.217/232), ed. Col cultura.

. MARCOS YULE Y AT ACUE, NASA OUS Y AHTN U'HUN'I, Por los senderos de la memoria y el sentimiento Paez, ProyectoNasa, Toribio - Cauca, 1998.

MARCOS YULE YATACUE E CARMEN VITONAS PAVI, PEES KUPX FXrZENXI, L.a metamorfsis de la vida, Proy.ecto Nasa, Toribio - Cauca, 2004.

. Conferencia Episcopal de Colombia, Derechos humanos. Desplazados por violencia en Colombia, Santafe de Bogota, D.C., 1995.

. HERMANO FORERO CABARELLO, Indigenas de la Nueva Granada, Primera Edicion Fondo Universitario, Santafe de Bogota, D.C., 1996

. Universidad Nacional, Proyecto cubiertas vegetales y maderables para la region humeda de la Guajira, Divulgacion Tecnologica-Convenio Sena,1990-'91.

. Programma Iberoamericano de Cencia y Tecnologia para el desarrollo, Proyecto CYTED XIV.1, Habitierra-Esposicion Iberoamericana de construcciones de tierra, ed. Escala, Santafe de Bogota,1995.

. MARCELA CAMELO NA VARRETE, Objetos Guambianos, Universidad de los Andes-Istituto Andino de Artes Populares de Convenio Andres Bello-IADAP, Quito Equador,1994.

. Rivista de Arquitectura, Arte e Ingenieria, Escala n °145, Bogota, 1969 ana XXI.

. Unidad Alvaro Ulcue, 25 anos...de Historia, Unidad Tierra y Cultura, CRIC (Consejo Regional Indigena del Cauca), Marzo 1996. . CRIC, Pickwe Tho: So't Juan Tama Yata: EI cerro Juan Tama, es la cosa del Cacique Juan Tama.

. CRIC, Kih'yuy A'Tkha'w Ya'Papeyi: Programa de Educacion BilingOe.

. CRIC, Una experiencia de atencion en salud, que nace de la comunidad, y se proyecta a la comunidad, Programa de Salud, Popayan, Octubre 1996.

. Ugo Volli, Manuale di semiotica, Editori Laterza, Bari, 2005.

. The National Geographic society, Grande Atlante, National Geographic, America Meridionale, ed. Italiana, RBA Collecionables, S.A.,2006.

. Guido Ferraro, Illinguaggio del mito, Meltemi, 2001.

http://tilz.tearfundd.orglEspa...

http://www.arpnet.it/cad/alilnewali/leggi-r/d091297.htm

http://it.wikipedia.orglwiki/PeUherapy .

http://www.retecivica.trieste.it/petra/html/body_ippoterapia.htm

LEGGI CONSUL TATE

. D.G.R. n. 34 - 23400 del 9 dicembre 1997,

. D.G.R. n. 38-16335 del 29.06.1992

. Decreto del Ministro dei lavori pubblici n. 236 del 14 giugno 1989.

. Ley No. 361 - 7 febrero 1997 "Por la cual se establecen mecanismos de integracion social de las personas con limitacion... " . Ley 715, Diario Oficial No. 44654, de 21 diciembre de 2001 . Manual de Eliminacion de Barreras Arquictonicas publicado Original mente en Ciudad Accesible f..www.ciudadaccesible.d.

. La clasificacion internacional del funcionamiento, de la discapacidad y de la salud (CIF) 2001

DISPENSE

.Dispensa Norte del Cauca".

. Università degli Studi di Torino, Facoltà di Lettere e Filosofia, Dispensa del Corso di Semiotica (Proff. Ferraro e Leone) a.a. 2005/2006. Parte seconda prof. Massimo Leone, Lettera sul/'enunciazione.

. Asociacion de Cabildos Indlgenas del Norte del Cauca - ACIN, Plan de Vida de las Comunidades Indigenas del Nord del Cauca ­Colombia.

. Plan de Vida de las comunitades indigenas Nord del Cauca ­Colombia

. PROYECTO - CENTRO DE A TENCION TERAPEUTICA, CENTROS DE SOLIDARIDAD - MUNICIPIO DE TORIBIO, Resguardos Indigenas de Tacueyo. ToribIo y San Francisco, Junio de 2006.

. "Formulario de Solicitud Asistenciera No - reembolsable del Japon para Proyectos Comunitarios de Seguridad Humana (APC)~

. SENA, Servicio Nacional de Aprendizaje, Construccion de casas sismoresistentes de uno y dos pisos, Universidad Nacional de Colombia, Guia de estudio, Principios bdsicos de sismologla, 2000. . AA.VV., contribucion a la Enciclopedia Mundial de Vivienda del EERI/IAEE, Construcciones de Adobe Resistentes a los

Terremotos: Tutor, Abril 2003.

. AIS, Asociacion colombiana de

connstruccion sismo resistente

encementado, ais@ uniandes.edu.co

ingenierla sIsmica, Manual de de viviendas en bahareque

TESI CONSULT ATE

. Luis Angel Salazar Mesa, "Influencia de la globalizacion en la

identidad cultural del pueblo Nasa~ Instituto Misionero de Antropologla - Universidad Pontificia Bolivariana, ToribIo, Colombia, 2006.

. Maria Elena Yosando Canas, "EI Pueblo Nasa. Los Indigeas Paeces~ Instituto Misionero de Antropologia Universidad Pontificia Bolivariana, 2003, ETHNIA Revista No. 90.

. Uriel Jaimes Infante, Nuovi studi sul/e prestazioni del/a fibra del fusto del/a pianta di banana (musa paradisiacal, per l'edilizia a basso costo in Colombia: proposta progettuale e prove tecnologiche per la produzione di una lastra ondulata di copertura, Politecnico di Torino, Facoltit di Architettura, dicembre 2004, relatore Prof.ssa Nuccia Maritano Comoglio.

. Andrea Alesso, Politecnico di Torino, Corso di perfezionamento in "Habitat, tecnologia e sviluppo., Valorizzazione del/'architettura in terra attraverso 10 studio del/e dinamiche socio - culturali prodotte nel contesto di Barichara, Santander, Colombia, relatore

Prof. Alfredo Mela. (

. Monica De Silvestro, Strutture di accoglienza per minori e realta brasiliana. Progettazione di tramezzi modulari autocostruibili in legno lamel/are povero, Politecnico di Torino, Facoltit di Architettura, anno accademico 1996-'97, relatore Prof.ssa Nuccia Maritano Comoglio.

. Stefano Polo, Scuola professionale di tecniche costruffive e di autocostruzione a La Paz de Carazo in Nicaragua, Politecnico di Torino, Facolta di Architettura, anno accademico 2001-2002, relatore Prof. Arch. Massimo Foti.

ARTICOLI

. Ugo Pozzoli, Colombia: Lungo e il cammino, in Missioni Consolata, maggio 2005.

. Ugo Pozzoli , Toribio (Colombia) bambini portatori di "handicap", in Missioni Consolata, luglio-agosto 2003.

DIZIONARI

. NICOLA ZINGARELLI, 10 Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana, Zanichelli.

. REAL ACADEMIA ESPANOLA, Diccionario de la lengua espanola, Espasa Calpe.

Tavole:

INDICE TAVOLE..

TAV I: PLANIMETRIA DEL TERRENO, scala 1:500 Ipotesi distributiva e funzionale

TAV. II: PLANIMETRIA, scala 1:200 Pendenza del terreno e percorsi

TAV. III "CASA del GRANDE SPIRITO", scala 1:100 Centro d'Accoglienza e Terapeutico

TAV IV: : "CASA del GRANDE SPIRITO", scala 1:100 Ipotesi distributiva degli spazi funzionali

TAV V: .CASA dei FIGLI MAGGIORI", scala 1:100 Serra e orti terapeutici

CASA degli Abitanti Sotterranei", scala 1:100 Cappella

TAV VI: .CASA dei FIGLI MINORI", scala 1:100 Ippoterapia

MODELLO TRIDIMENSIONALE

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)