Politecnico di Torino (logo)

Ponso, Davide and Olmo, Alberto

Superflat, l'architettura nell'età della tecnica.

Rel. Piergiorgio Tosoni, Guido Drocco. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2007

Abstract:

Il lento percorso della ricerca progettuale verso il superamento del postmodernismo, che prenderà corpo solo all'inizio degli anni Novanta, si può vedere come una sorta di insinuante, quanto inatteso, revaival degli ideali del primo modernismo. Non a caso, nel breve scritto introduttivo alla mostra Light Construction (1985) al fine di collocare criticamente la scelta dei progetti presentati, si cerca di sottolineare il filo di continuità ideale che li lega alla celebre esposizione Modern Architecture, International Exhibition (1932), non mancando di evidenziare, per aggiungere un ulteriore elemento di vicinanza tra le due manifestazioni, il fatto che entrambe hanno avuto luogo negli spazi del MoMA. Un fondamentale carattere distintivo della nuova architettura - opposto rispetto a quello che definisce il postmodernismo - è l'assenza di narratività, l'indisponibilità a trasmettere significati impliciti che trascendono le finalità strettamente programmatiche del progetto, il rifiuto a conferire alla costruzione dei valori che possono oltrepassare i limiti della propria essenza. Tuttavia, se nell'edificio non sono più presenti simboli o metafore, questo non vuol dire c\he sia caduta l'attenzione nei confronti delle valenze della forma. Tra i limitati punti di contatto tra l'architettura superflat e quella degli anni fra le due guerre, uno dei più rilevanti riguarda il tema della superficie vetrata. Un importante elemento che caratterizza la superficie vetrata è l'apparato strutturale che la sostiene; la sua valenza estetica viene a determinarsi proprio attraverso il delinearsi dell'interazione tra struttura e materiale trasparente. Il rapporto tra queste due componenti della parete, che costituiscono il tema formale dominante della nuova architettura, ha origini lontane. Basti pensare a una delle icone del secolo XIX, il Crystal Palace di Joseph Paxton ( 1851 ). E' interessante notare che la necessità che spinge alla semplificazione formale dell'oggetto architettonico quasi simmetricamente porta a una complessificazione in senso strutturale. L'hig-tech, che in passato era stato giudicato con distacco per l'assenza di una dimensione simbolica, per la sua naturale atopia e per il senso di freddo meccanismo che in qualche modo trasmette, ora è guardato con interesse ed impiegato in modo da incidere sulla struttura formale dell'immagine, concorrendo a determinarne le valenze estetiche. Attraverso un processo di astrazione, essa assume la propria configurazione che si riverbera sul piano di superficie, sviluppandosi sulla base di principi geometrici semplici. Le sofisticate lavorazioni impiegate per la sua realizzazione le conferiscono una neutralità tettonica che la trasforma in seguito di sé facendola assomigliare al proprio simulacro. In questo modo si attua una sorta di dissimulazione della materia; gli elementi utilizzati, che rappresentano la loro natura artificiale, vengono esaltati da sapienti effetti di leuce e di colore che li fanno apparire puri, levigati, igenici, brillanti. La tettonica ora acquista un ruolo strategico nella determinazione della figura divenendo, a un tempo, ontologica e rappresentativa. I nuovi edifici, prodotti dalla fusione tra sistema comunicativo e struttura urbana, nel loro icastico configurarsi come interventi caricati di forte rappresentatività, sembrano contemporaneamente aver perduto un codice di riferimento che conferisca loro il senso della necessità di appartenenza a un genere, a un contesto. Tali "presenze" architettoniche, sorte per spazi senza luogo, andranno a loro volta a costituire una differente identità di luogo, una nuova qualità di spazio, un diverso concetto di estetica. L'indirizzo superflat punta a una nuova configurazione formale dell'oggetto attraverso una interna urgenza semplificatrice che predilige volumi composti da geometrie primarie, da superfici uniformi, neutre, traslucide. L'illusione del reale risulta essere l'essenza di ciò che la nuova idea di superficie intende perseguire: da un lato propone la trasparenza, alimentata dalle caratteristiche fisiche del materiale che la costituisce, mentre dall'altro esprime l'incominicabilità, attraverso il congegno delle barriere che inibiscono la vista, attraverso la cesura che essa stabilisce tra interno ed esterno. Tale modo di procedere è il segno di un progressivo ripiegamento dell'organismo in se stesso, che porta ad esaltare aspetti di individualità dell'oggetto. E' il segno sintomatico di una svolta da cui discenderanno una serie di scelte che andranno a determinare una nuova concezione della spazialità architettonica. Il progressivo concentrarsi dell'attenzione sull'involucro, dell'affermarsi della parete come entità progettuale autonoma, come soggetto della composizione, il suo interporsi nella dialettica tra spazio interno e spazio esterno, porterà alla messa in crisi della indissolubilità del loro rapporto. Nella metropoli contemporanea si assiste ad un proliferare di volumi edilizi che affidano appartenenza ai luoghi e significato soprattutto al loro involucro come elemento autonomo della spazialità interna dell'edificio e del contesto urbano in cui come frammenti, meteore di altre galassie, si collocano. Con essi, mentre si registra la perdita comunicativa dei temi assegnati tradizionalmente dall'architettura al rivestimento esterno degli edifici, emerge come maniera di significare quella per immagini parlanti, per figure grafiche, la cui realizzazione è incalzata dai business tecnologici e multimediali. L'oggetto in questo modo, si fa freddo, inorganico, disponibile a modificarsi divenendo supporto per immagini esterne a se stesso, appartenenti al circuito della comunicazione, come a partire dagli anni Settanta aveva prospettato Robert Venturi in numerosi scritti e progetti, al fine di delineare il senso profondo di un nuovo modo di essere dell'architettura.

Relatori: Piergiorgio Tosoni, Guido Drocco
Soggetti: P Personaggi > PA Architetti
A Architettura > AS Storia dell'Architettura
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1003
Capitoli:

INTODUZIONE

1 LA SCOMPARSA DEL MURO

1.1 Opacita e trasparenza

1.2 La luce come creatrice di forme

1.3 Modernita notturna: le architetture luminose e l'avanguardia

1.4 Strutture luminose nello spazio

1.5 Pittura fatta di luce

1.6 Architetture di vetro

2 DIAGRAMMI

2.1 Istruzioni per l'uso

2.2 Limiti concettuali

2.3 Diagramma e postmoderno

2.4 Diagramma, città e architettura

2.5 L' architettura dopo il diagramma

3 SUPERFLAT

3.1 La faccia degli edifici il volto della citta

3.2 Il problema dei simboli e della rappresentatività

3.3 Scatole parlanti : Jacques Herzog e Pierre de Meuron

3.4 L'arbitrio dell'esterno

4 L'ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

4.1 Il paradigma elettronico

4.2 La revisione dei canoni formali

4.3 Retorica e metafore nell'era dei media elettronici

4.4 Massività contro smaterializzazione

5 IL MURO D'ARIA

5.1 Typical plan, o la pianta rettangolare neutra

5.2 La griglia e il modulo cubico

5.3 Theory of bigness

5.4 Vierendeel Concept

6 IL PUDORE PERDUTO

6.1 BAR(r)CODE

6.2 L'immagine visuale dell'era della microelettronica

CONCLUSIONI

APPARATI

Bibliografia:

C. Alexander, A Pattern Language. Towns, Buildings, Construction, Oxford University Press, London 1977.

M. Augè, Non-lieux, Seuil, Parigi 1992, tr.it.: [a cura di] D. Rolland, Non luoghi, Elèuthera, Milano 1993.

M. Augè, Le temps en ruines, Editions Galilée, Paris 2003, tr.it. : Rovine e macerie, Bollati Boringhieri ed., Torino 2004.

M. Bandur, Estetica del serialismo integrale, Testo & Immagine, Torino 2003.

R. Barthes, Il grado zero della scrittura, Einaudi, Torino 1972.

J. Baudrillard, L'autre par lui-même. Habilitation, Editions Galilée, Paris 1987, tr.it.: L'altro visto da sé, Costa & Nolan, Genova 1987.

J. Baudrillard, La sparizione dell'arte, Giancarlo Politi ed., Milano 1988.

J. Baudrillard; J. Nouvel, Les objets singuliers. Architecture et philosophie, Editions Galilée, Parigi 2000.

L. Benevolo, Storia dell'architettura del Rinascimento, Editori Laterza, Bari 1968.

L. Benevolo, Storia della città, Editori Laterza, Bari 1975.

A. Bonomi, La società fantasmagorica, in F. Guattari, Architettura della sparizione, architettura totale. Spaesamenti metropolitani, Mimesis, Milano 1996, pg. 73-79.

I. Calvino, Le città invisibili, Einaudi editore, Torino 1972.

I. Calvino, Lezioni americane. Sei proposte per il prossimo millennio, Mondatori ed., Milano 1993.

D. Colafranceschi, Sull'involucro in architettura Herzog Nouvel Perrault Piano Prix Suzuki Venturi Wines, Dedalo, Roma 1996.

L. Dall'Olio, Arte e architettura. Nuove corrispondenze, Testo & Immagine, Torino-Milano 1997.

C. Dardi, dalla relazione al progetto per "La strada Novissima" in La Presenza del Passato prima mostra internazionale di architettura, La Biennale di Venezia, Venezia 1980.

R. De Fusco, Segni, storia e progetto dell'architettura, Editori Laterza, Bari 1989. G. Deleuze, Le Pli. Leibniz et le baroque, Editions de Minuit, Paris 1988.

G. Deleuze, F. Guattari, Millepiani. Capitalismo e schizofrenia, Castelvecchi, Roma 1996.

P. Eisenman, Diagram Diaries, Thames and Hudson, London 1999.

P. Eisenman, G. Terragni. Transformations, Decompositions, Critiques, Monacelli Press, New York 2003.

M. Engeli, Storie digitali. Poetiche della comunicazione, ed Testo & Immagine, Torino 1999.

P. Engelmann, Lettere di Ludwig Wittgenstein con Ricordi, la Nuova Italia, Firenze 1970.

K. Frampton, Studies in Tectonic culture, MIT, Cambrige 1997, tr.it. Tettonica e architettura, Skira, Milano 1999.

M. Fuksas, Città: Less Aesthetics More Ethics. La Biennale di Venezia, Marsilio ed., Venezia 2000.

U. Galimberti, Psiche e tecne. L'uomo nell'età della tecnica, Feltrinelli, Milano 1999.

A. Imperiale, Nuove bidimensionalità, Testo & Immagine, Torino 2001.

T. Ito, Le opere i progetti gli scritti. In: Documenti di architettura, [a cura di] A. Maffei, Electa, Milano 2001.

C. Jencks, The language of post-modern architecture, Rizzoli, New York 1977.

A. Koyré, Les philosophes et la machine. Du monde de l'«à-peu-près» à l'univers de la précision, Librairie Armand Colin, Paris 1961, tr.it. Dal mondo del pressappoco all'universo della precisione, Einaudi ed., Torino 1967.

G. Loricco; S. Micheli, Lo spettacolo dell'architettura, Mondatori editore, Milano 2003.

F. Maki, Une Poétique de la fragmentation Milan-Paris Electa France 1987. tr.it. Progetti e Architetture, Electa, Milano 1988 [a cura di] Serge Salat.

T. Maldonado, Reale e Virtuale, Feltrinelli ed., Milano 1992.

M. McLuhan, Gli strumenti del comunicare, ed. Garzanti, Milano 1981.

W. Mitchell, La città dei bits. Spazi, luoghi e autostrade informatiche, ed. Electa, Milano 1997.

R. Moneo, La solitudine degli edifici e altri scritti, Allemandi editore, Torino 2004.

OMA, R. Koolhaas, B. Mau [a cura di], S,M,L,XL, The Monacelli Press, New York 1995.

OMAMO, R. Koolhaas, S. Brown, J. Link, Content, Tasken, Colonia 2004

P. Ortoleva, Mass media, Giunti editore, Firenze 1995.

G. Ponti, L'architettura è un cristallo, Vitali e Ghianda ed., Genova 1957.

L. Prestinenza Puglisi, HyperArchitettura. Spazi nell'età elettronica, ed Testo & Immagine, Torino 1998.

L. Prestinenza Puglisi, This is Tomorrow. Avanguardie e architettura contemporanea, ed. Testo & Immagine, Torino 1999.

L. Sacchi, L.A. California. Un profilo architettonico di Los Angeles, editoriale Modo, Milano 1998.

E. Scandurra, Città del terzo millennio, La Meridiana, Molfetta 1997.

E. Severino, Tecnica e architettura, (a cura di Renato Rizzi), Raffaello Cortina, Milano 2003.

B. Tschumi, Architecture and Disjunction, The Mit Press, Cambrige (Ma) 1996.

B. Tschumi; M. Barman, [a cura di], Index Architettura, Postmedia Books, Milano 2004.

R. Venturi, Complexity and contradiction in architecture, The Museum of Modern Art, New York 1966. tr.it. Complessità e Contraddizioni dell'architettura, Dedalo, Bari 1980.

R. Venturi, D. S. Brown, S. Izenouer, Learning from Las Vegas, M.I.T. Press, London 1972, tr.it. Imparando da Las Vegas, CLUVA, Venezia 1985.

A. Vidler, Diagrams of Utopia, in Retracing Situationist Architectures from Constant's New Babylon to Beyond, [a cura di] M. Wigley, Mit Press, Cambrige 1999.

P. Virilio, Ville panique, Editions Galilée, Parigi 2004.

R. Wittkower, Architectural Principles in the Age of Humanism, Warburg Institute University of London, London 1949.

B. Zevi, Linguaggi dell'architettura contemporanea, Etaslibri, Milano 1993.

RIVISTE

R. Barthes, Semiologia e Urbanistica, sta in "Op.Cit." n. 10, settembre 1967, pg. 7-17.

E. Cardani, Galeries Lafayette. Department Store in Berlin, sta in: "L'Arca", n. 114, aprile 1997, pg. 20-27.

A. Castellano, La torre dei venti a Yokohama, sta in: "L'Arca", n. 15, aprile 1988, pg. 30-35.

R. De Fusco, Internet non si addice all'architettura, sta in: "Op.cit.",n. 112, settembre 2001, pg. 5-13.

M. De Landa, Deleuze, Diagrams and the Genesis of Form, sta in: "Any", n. 23, 1998, pg. 14-62.

P. Eisenman, Oltre lo sguardo. L'architettura nell'epoca dei media elettronici, sta in: "Domus", n. 734, gennaio 1992, pg. 17.

P. Eisenman, Diagram: An Original Scene of Writing, sta in: "Any", n.23, 1998, pg. 27.

A. Isozaki, Per un'architettura dell'incertezza, sta in: "Domus", n. 752, settembre 1993, pg. 21.

T. Ito, Diagram architecture, sta in: "El croquis", n. 77, gennaio-febbraio 1996, pg. 18.

D. de Kerckhove, Dove stiamo andando? Il cambiamento di scala. Tecnoriflessioni in occasione del Millennio, sta in: "Domus", n. 822, gennaio 2000, pag. 72.

B. Lootsma, Diagram in costumes, sta in: "A+U", n. 342, marzo 1999, pg. 98-103.

D. Mandrelli, Une place pour Paris, une bibliothèque pour la France, sta in: "L'Arca", n. 95, luglio-agosto 1995, pg. 6-20.

L. Moiraghi, Le trasparenze di Dominique Perrault, sta in: "L'Arca", n. 46, febbraio 1991, pg. 18-23.

D. Perrault, Uno spazio, non un edificio, sta in: "L'Arca", n. 34, gennaio 1990, pg. 48-57.

C. Rowe, The Mathematics of the Ideal Villa, sta in: "Architectural Review", n. 101, marzo 1947, pg. 101-104.

M. Scolari, C "Rassegna (Rappresentazioni)", n. 9, marzo 1982, pag. 79.

R. Venturi, Terminal Traghetti Whitehall. Ritorno a New York (via Las Vegas),sta in: "Casabella", n. 658, luglio-agosto 1998, pg. 12-19.

P. Virilio, Verso il Ventunesimo secolo. I dieci ostacoli da superare, sta in: "Domus", gennaio 2000, n. 822, pag. 4.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)